Come in “Harry Potter”: scienziati cinesi creano un “mantello dell’invisibilità”.

Un gruppo di ingegneri della Facoltà di Scienze dell’Università di Donghua, in Cina, ha fatto della scienza una magia. Hanno creato qualcosa di simile a un mantello dell’invisibilità, affascinando mezzo mondo. E come non farlo? Chu Junhao, un fisico veterano di 78 anni e leader del progetto, ha presentato l’invenzione con una promessa strabiliante: “In futuro, tutti avranno un mantello dell’invisibilità come quello di Harry Potter”.

È tutto registrato in video. Bilibili, la principale piattaforma cinese di condivisione di video, ha organizzato un evento alla fine di ottobre chiamato “Super Science Night”. Si era già sparsa la voce che il grande spettacolo sarebbe stato opera di Junhao. Quando il fisico è finalmente apparso sul palco, ha chiesto a due collaboratori di tenere un pannello semitrasparente davanti a lui. Si potevano vedere le sue gambe.

È stato tutto rapido: gli assistenti hanno girato il pannello di 90 gradi e subito il mantello dell’invisibilità è entrato in funzione. Le gambe non c’erano più. Ma si potevano vedere i dettagli del resto del palco che lo scienziato stava tecnicamente coprendo. Il pubblico si è scatenato. “L’invisibilità della fantascienza diventerà realtà con lo sviluppo di tecnologie e materiali invisibili”. Junhao ha spiegato, secondo China Daily.

Lo scienziato è direttore della Facoltà di Scienze dell’Università Donghua di Shanghai. È anche membro dell’Accademia cinese delle scienze. Junhao ha spiegato che la “magia” è stata resa possibile da un reticolo lenticolare che consente questo effetto ottico.

Come funziona il mantello dell’invisibilità

Funziona più o meno così: il reticolo è composto da file di piccole lenti cilindriche convesse. Queste lenti hanno una curvatura che fa sì che la luce si rifranga, o si pieghi. Quando la luce passa attraverso una lente cilindrica convessa, viene compressa in una striscia sottile.

LEGGI  5 imperdibili novità Disney+ da vedere a febbraio

Se disponiamo di molte lenti di questo tipo, possiamo comprimere l’oggetto dietro di esse in un numero infinito di strisce sottili identiche. Per effetto della luce, l’oggetto viene suddiviso in diverse immagini troppo piccole per essere percepite dall’occhio. Un mantello dell’invisibilità con molta scienza, senza dubbio.

“Altre apparecchiature per l’invisibilità cambieranno la nostra vita, come le stanze invisibili che possono garantire una maggiore privacy e gli apparecchi acustici invisibili”, ha detto Junhao, facendo nascere un universo di possibilità tra gli spettatori dell’evento. “Vestiti invisibili!”, ha scritto una persona. “Un must per le persone con ansia sociale”, ha detto un altro.

Ma Junhao non è il primo. Gli scienziati cinesi sono da tempo alla ricerca dell’invisibilità. L’anno scorso, per esempio, un altro gruppo di ricercatori ha presentato InvisDifesaun cappotto in grado di aggirare le telecamere di sicurezza e di rendervi invisibili.

Altri casi

Quest’altro mantello dell’invisibilità è stato sviluppato dagli scienziati dell’Università di Wuhan. Il dispositivo utilizza speciali modelli di mimetizzazione per eludere le telecamere di sicurezza e impedire loro di riconoscere chi lo indossa.

Schermata della presentazione di InvisDefense.

Le telecamere di sicurezza spesso rilevano i corpi umani attraverso il riconoscimento dei movimenti e dei contorni. InvisDefense interferisce con l’algoritmo di riconoscimento della visione artificiale. e impedisce alla telecamera di riconoscere la persona che le passa davanti. Il sistema trova i modelli meno appariscenti che possono disattivare la visione artificiale.

Di notte, quando le telecamere utilizzano immagini termiche a infrarossi, il cappotto utilizza dispositivi termici integrati. In questo modo, emette temperature diverse per confonderle. Questo tipo di mantello dell’invisibilità ha vinto il primo premio di un concorso sponsorizzato da Huawei Technologies. Questa tecnologia, tuttavia, rende invisibili alle telecamere, ma non all’occhio umano. Se un operatore sta osservando la trasmissione delle immagini, sarete individuati senza problemi.

LEGGI  Una nuova Meta AI è in grado di giocare alla guerra e, soprattutto, di vincere.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *