Il groviglio di cavi che oscura il cielo di Stoccolma

Avrete già visto l’immagine in cima a questo articolo. È molto virale. A gigantesca torre metallica da cui sono staccati migliaia di cavi telefonici. È noto come telefontornet in svedese. Ed è il ex torre telefonica a Stoccolma, la capitale della Svezia. Un’impresa ingegneristica, necessaria per le comunicazioni dell’epoca, e che ha una enorme impatto visivo.

L’equivalente attuale, a livello tecnologico, è la rete di antenne telefoniche che si trovano sui tetti di alcuni edifici delle città. E l’equivalente visivo sarebbe la rete di cablaggio elettrico in Giappone.

Se i tralicci telefonici causano già un impatto visivo, immaginate di vederli in lontananza. una torre metallica alta 80 metri. Una torre rettangolare come quelle del Medioevo, ma realizzata in metallo e simile alla Torre Eiffel. In realtà, entrambe le costruzioni risalgono allo stesso periodo. Il Torre Eiffel era una grande torre alta 300 metri che fu costruita tra il 26 gennaio 1887 e il 31 marzo 1889 in occasione del Esposizione Universale del 1889. Il suo scopo era quello di dimostrare al mondo intero quanto la costruzioni in ferro. La vecchia torre telefonica di Stoccolma fu completata nel 1887. Ma la sua funzione era più pratica. Per fornire copertura telefonica per Stoccolma. Una città che nel 1880 contava 169.000 abitanti. Dieci anni dopo, nel 1890, contava circa 246.000 concittadini.

Oltre 5.500 cavi telefonici che dovevano raggiungere diverse zone della moderna Stoccolma, la capitale della Svezia. E dietro il progetto Telefontornet non era altro che la società Stockholms Allmänna Telefon ABl’equivalente svedese del già potente Compagnia telefonica Bellche è nata negli Stati Uniti ma si è presto diffusa in Europa attraverso la sua filiale internazionale con sede a Bruxelles, in Belgio.

Il cielo cablato di Stoccolma con la grande torre telefonica in lontananza. Fonte: Ericsson

Un cavo per ogni telefono

Il prima telefonata che conosciamo è stato fatto il 10 marzo 1876. Graham Bell chiamò il suo assistente, Thomas Watson, e pronunciò una delle frasi che si sono ripetute più spesso nel corso della storia: “Signor Watson, venga qui. Voglio vederti“. “Signor Watson, venga qui. Voglio vederti. Il 10 agosto 1876, Graham Bell stesso riuscì a effettuare una telefonata a distanza. In particolare, tra Brantford e Parigi, due città del Canada separate da circa 6 miglia, quasi 10 chilometri. Da allora, il reti telefoniche via cavo sono stati installati in città di tutto il mondo.

Tuttavia, sebbene le attuali reti mobili consentano migliaia di telefoni connessi contemporaneamente Con alcune antenne posizionate strategicamente, le prime linee telefoniche erano più rudimentali. Ovvero, ogni linea telefonica richiedeva un unico cavo che collegava l’abitazione, l’azienda o l’ufficio alla centrale, dove le linee venivano collegate tra loro con il prezioso aiuto di un operatore umano. La telefonia era una rivoluzione rispetto alle tecnologie precedenti, come la telegrafia. Ma, agli inizi, aveva i suoi vantaggi e svantaggi.

LEGGI  OnePlus lancerà presto la sua prima tastiera meccanica: ecco come si presenta

Come nel caso della similitudine elettrica, se molti punti di una città hanno bisogno di elettricità, saranno necessari più cavi. Pertanto, maggiore è il numero di abbonati alla rete telefonica, altri cavi telefonici dovevano essere installati e dispiegati sulle alture delle città. Da qui l’uso di pali e torri tralicci telefonici e torri che davano al cielo delle città un aspetto curioso. E nella fattispecie, il grande torre telefonica a Stoccolma, Telefontornet in svedese, ha soddisfatto il bisogno di circa 5.500 linee telefoniche.

Telefontornet una delle più grandi torri telefoniche
Telefontornet visto da vicino con le sue quattro torri decorative. Fonte: Ericsson

Stoccolma, la capitale mondiale della telefonia

Alla fine del XIX secolo, la Svezia era uno dei paesi con il maggior numero di linee telefoniche nel mondo. Ad eccezione degli Stati Uniti, che nel 1900 avevano installato circa 600.000 telefoni con il sistema ideato da Bell. Questa cifra è salita a 2,2 milioni nel 1905. E 5,8 milioni nel 1910. In ogni caso, nel 1887, Stoccolma aveva circa 4.832 utenti abbonati alla rete telefonica. Era necessario creare una grande torre capace di soddisfare questa domanda domanda in aumento.

Il ripetitore telefonico o Telefontornet sarebbe stato costruito nel centro di Stoccolmapresso la sede di Stockholms Allmänna Telefon (SAT). In particolare, sul tetto. Per ovvie ragioni. Il suo scopo era quello di soddisfare la domanda di 5.500 telefoni su una distanza di 5.000 chilometri. Il tutto tramite cavi telefonici. Una volta completata la costruzione e il dispiegamento, il volume dei cavi era tale che, secondo le fonti dell’epoca, era così grande, ha oscurato il cielo. E non c’è da stupirsi. Se si alzasse lo sguardo verso il cielo di Stoccolma, ovunque si guardasse, si troverebbero inevitabilmente decine di fili che si incrociano tra loro, e che edifici e tetti collegati attraverso pali e torri minori in direzione della grande torre centrale.

Se si considera la cronologia degli eventi, la vita di questa suggestiva torre telefonica è stata relativamente breve per il suo splendore visivo. Completato nel 1887, è uscito di scena nel 1913. Con una ristrutturazione intermedia nel 1890. In seguito, ha ricevuto diversi interventi di manutenzione nel 1913 e nel 1939, fino alla sua definitiva demolizione nel 1953. Per questo motivo, le fotografie superstiti del Telefontornet sean in bianco e nero.

Negli ultimi anni di vita Telefontornet era una pubblicità senza fili telefonici
Stoccolma nel 1952 e la vecchia torre telefonica con il logo dell’allora proprietario, Nordiska Kompaniet Credito: Lennart af Petersens / Wikipedia

Telefontornet è scaduta troppo presto

La storia della torre telefonica di Stoccolma inizia nel 1883. In quell’anno l’azienda è stata fondata conosciuto con l’acronimo SAT e denominato Stockholms Allmänna Telefon. Traduzione approssimativa, Telefono Pubblico di Stoccolma. All’epoca Stoccolma disponeva già di una rete telefonica. gestito da Bellla popolare compagnia telefonica americana. L’azienda che ha dato il via a tutto. E che aveva reti anche in Paesi europei come la Svezia.

LEGGI  Google sta lavorando a un'intelligenza artificiale per aiutarvi a capire la calligrafia del vostro medico

Per quanto riguarda l’implementazione tecnica, SAT non poteva lavorare con Bell perché era un suo diretto concorrente. Ha invece optato per una società svedese. Oggi è conosciuto in tutto il mondo con il nome di Ericsson. Ma quando fu fondata nel 1876, il suo nome era più esteso: Telefonaktiebolaget LM Ericsson. Più che di una compagnia telefonica, si trattava di un’azienda che si occupava di riparazione di telefoni. Il suo fondatore fu lo svedese Lars Magnus EricssonDa qui il nome LM Ericsson. Ma ben presto si è passati dalla riparazione dei terminali telefonici alla fornitura di apparecchiature e di prodotti telefonici ad aziende come Televerketla grande azienda statale svedese di telecomunicazioni fondata nel 1853.

Non è sorprendente che SAT ha pensato a Ericsson come fornitore della parte tecnologica del progetto Telefontornet. E in termini di architettura, lo svedese Fritz Eckert fu incaricato di abbellire la grande torre metallica progettando le quattro torri che la coronavano, più estetiche che pratiche.

Veduta di Stoccolma del 1952 con Telefontornet coronata dal logo della Nordiska Kompaniet. Credito: Hans Nyrén / Wikipedia

Il declino del gigante dei cavi telefonici

Ma il tempo scorre molto velocemente quando si tratta di tecnologia. Per questo motivo, nel 1913, la grande torre telefonica di Stoccolma, Telefontornetha cessato di operare. La ragione è che in quell’anno sono state completate le opere necessarie per per interrare i cavi telefonici per soddisfare le esigenze di una Stoccolma che all’epoca contava più di 342.000 abitanti in città e 229.000 nell’area circostante.

Come per le linee elettriche, anche i cavi telefonici sui tetti e sulle coperture erano in grave pericolo. I fili stessi e/o le torri e i pali che li sostenevano potevano crollare durante una tempesta o una nevicata.che è un evento frequente in Svezia. Da qui la breve durata di vita di questa torre per telecomunicazioni, nonostante la sua spettacolarità.

Ma proprio per il suo aspetto imponente, sarebbe rimasto in piedi ancora per diversi anni. Mentre, da un lato, la società responsabile della torre, la SAT, aveva appena si è fusa con Ericsson (1918), Telefontornet è diventato solo un altro elemento della skyline. E nel 1939 ha iniziato a pubblicità display dei grandi magazzini dell’azienda Nordiska Kompaniet. Infine, nell’estate del 1952, scoppiò un incendio che intaccò la struttura di questa gigantesca torre. Questo ha portato a nel 1953 è stato demolito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *