Il fallimento dei robot di consegna di Amazon e FedEx dimostra che non siamo ancora pronti al cambiamento.

L’idea di avere robot di consegna L’idea di robot che consegnano pacchi o generi alimentari a casa nostra in modo autonomo non dispiace a nessuno. Sulla carta, non può esistere un’alternativa più logica e perfetta per chi preferisce ottimizzare il proprio tempo senza dover uscire di casa per alcune faccende. Ma quanto accaduto nelle ultime settimane con Amazon e FedEx ha dimostrato che questo approccio, per quanto animato da buone intenzioni, è ancora agli albori e non aggiunge un reale valore all’esperienza del cliente. E molto ha a che fare con il modo in cui le imprese stanno cercando di promuovere un cambiamento di vita che non c’è ancora..

Il 7 ottobre Amazon ha annunciato la cancellazione di Scout, il suo robot per le consegne. A meno di quattro anni dalla sua presentazione pubblica, nel gennaio 2019, l’azienda guidata da Andy Jassy ha condannato il dispositivo all’ostracismo. Sebbene l’azienda abbia dichiarato che continuerà a lavorare allo sviluppo di veicoli autonomi, i piani immediati non prevedono di procedere con le consegne dell’ultimo miglio utilizzando il piccolo robot da marciapiede.

“Durante il nostro test limitato sul campo di Scout, abbiamo lavorato per creare un’esperienza di consegna unica. Tuttavia, grazie al feedback, abbiamo capito che alcuni aspetti del programma non soddisfacevano le esigenze dei clienti.“, ha dichiarato una portavoce di Amazon.

Il 7 ottobre, FedEx ha annunciato anche la dismissione di Roxo, un robot per le consegne sostanzialmente identico a Scout di Amazon. Robotica 24/7 ha pubblicato la storia originale, ma è passata praticamente inosservata per diversi giorni fino a quando, nelle ultime ore, è stata pubblicata la notizia, The Verge ha fatto eco.

LEGGI  Logitech G Cloud: ora conosciamo tutte le sue caratteristiche, il prezzo e la data di uscita.

Come Amazon, il corriere aveva lanciato il suo progetto nel 2019, con test limitati negli Stati Uniti. A differenza del gigante dell’e-commerce, però, aveva già iniziato la sua (lenta) espansione internazionale. Recentemente il dispositivo è stato testato in Giappone e negli Emirati Arabi Uniti.

Tuttavia, gli sforzi compiuti da Roxo non sono stati all’altezza del programma DRIVE di FedEx. Sriram Krishnasamy, vicepresidente esecutivo e chief transformation officer dell’azienda, ha dichiarato: “La robotica e l’automazione sono pilastri fondamentali della nostra strategia di innovazione, Roxo non ha soddisfatto i requisiti di valore necessari a breve termine per DRIVE.“.

I robot per le consegne e il compromesso tra novità e utilità.

Roxo, il robot per le consegne di FedEx, è stato dimenticato.

Il caso di Roxo – noto anche come SameDay Bot – ha mostrato diversi parallelismi con la sua controparte Amazon. Anche se il robot di consegna di FedEx non era destinato a porsi come alternativa autonoma per la consegna della posta, ma anche per i terzi. Nel suo annuncio, l’azienda ha affermato che aziende come Walmart, Target e Pizza Hut, tra le altre, stanno pianificando di adottarla per le loro consegne dell’ultimo miglio.

Tuttavia, è chiaro che il tempo è passato e che non ha mantenuto molto (se non nulla) di ciò che era stato promesso. Questa è la lettura più importante che emerge dalla Mancato soddisfacimento dei “necessari requisiti di valore a breve termine”. l’azienda. Al di là del fatto che il corriere non nega ciò che ha imparato durante i quattro anni di lavoro sul progetto. “Mentre stiamo completando le nostre attività di ricerca e sviluppo, Roxo è servito a uno scopo prezioso: far progredire rapidamente la comprensione e l’uso della tecnologia robotica”, ha dichiarato Krishnasamy.

Quali sono i principali problemi dei robot di consegna?

Finora, Amazon e FedEx non hanno menzionato pubblicamente le principali difficoltà incontrate dai loro robot di consegna. Ma non è troppo difficile identificare alcuni potenziali punti critici.

In linea di principio, non ha mai raggiunto il 100% di autonomia. Come già detto, Scout doveva essere accompagnato da un dipendente di Amazon durante i suoi spostamenti, almeno inizialmente. Mentre Roxo, di FedEx, potrebbe muoversi da solo grazie alle sue telecamere e ai sensori LiDAR. Tuttavia, era costantemente sorvegliato e, se necessario, poteva essere azionato da un telecomando.

Se è vero che alcune aziende hanno sviluppato robot per le consegne con sistemi di autonomia molto avanzati (livelli SAE 3 e 4, per esempio), la maggior parte dei robot a consegna richiede ancora una forma di interferenza umana. A ciò si aggiungono le logiche limitazioni operative di questi dispositivi, dalla distanza che possono percorrere con una singola carica della batteria al peso che possono trasportare. Dopotutto, non dimentichiamo che molti dei veicoli autonomi simili a Scout e Roxo hanno fondamentalmente le dimensioni di una borsa frigo su ruote.

Quello di FedEx, ad esempio, vantava una capacità di carico fino a 45 kg. A seconda dei casi, può essere considerato sufficiente o meno. Ma non garantiva una grande versatilità per le consegne multiple all’interno di una regione o di un quartiere. Ancor più se si considera che potrebbe viaggiare a una velocità massima di 16 chilometri all’ora.

Altri marchi e le loro sfide

Il fatto che Amazon e FedEx abbiano fallito con i loro robot di consegna non significa che gli altri operatori del mercato siano destinati a fare la stessa fine. Tuttavia, devono affrontare sfide simili. Cyan Robotycs, ad esempio, ha sviluppato un veicolo autonomo chiamato Coco che promette di consegnare il cibo in 15 minuti o meno. Sebbene abbia registrato un crescente interesse nel corso di quest’anno, le sue operazioni sono ancora molto limitate. Il dispositivo è disponibile solo a Los Angeles, in California, e ad Austin e Houston, in Texas.

Nuro è un’altra azienda che si è distinta per i suoi sforzi nel campo delle consegne autonome. La differenza principale con gli altri operatori del settore è che i suoi veicoli sono più simili ad auto in miniatura che possono circolare sulle strade. Di recente, l’azienda ha fatto notizia per aver collaborato con Uber per le consegne di Uber Eats. Tuttavia, sono anche limitati a luoghi molto specifici: Houston, Texas, e Mountain View, California.

Un caso eclatante è quello di Kiwibotche sembra aver trovato una nicchia interessante da sfruttare: le consegne di cibo nei campus universitari. L’azienda ha stretto una collaborazione con la società di ristorazione Sodexo e consegna già cibo agli studenti di 26 università statunitensi secondo un modello di abbonamento. Tuttavia, l’obiettivo è di espandere la sua presenza a 50 istituti scolastici entro la fine dell’anno, compreso un piano di espansione in Canada. Per raggiungere questo obiettivo, vuole avere 1.200 robot di consegna in azione.

Video di YouTube

Se i robot per le consegne non decollano, i droni possono fare lo stesso?

Vista la complessità dei piani per implementare e scalare l’uso di robot per le consegne che viaggiano lentamente lungo i marciapiedi delle città, è impossibile non pensare alla proposta ancora più grandiosa di effettuare le consegne con i droni. Lo scorso aprile, un rapporto di Bloomberg ha portato alla luce una serie di problemi di Amazon con Prime Air.

Introdotto nel 2013 con la promessa di offrire consegne in 30 minuti o meno, il servizio di consegna tramite drone è ancora lontano dall’essere una piattaforma di massa. Quasi 10 anni dopo il suo annuncio, e dopo aver speso più di 2 miliardi di dollari, Prime Air ha iniziato a volare solo nel giugno 2022. Ma – perché c’è sempre un “ma” – solo a Lockeford, una cittadina di 3.500 abitanti in California.

Amazon non è l’unico caso di questo tipo. Nel 2021, anche Samsung ha iniziato a effettuare consegne con i droni, promettendo di consegnare i suoi dispositivi agli acquirenti in tre minuti. Sulla carta sembrava un’ottima idea, ma era anche limitata a un’unica località: Oranmore, in Irlanda.

Dare segni di progresso, questo è il punto

Che si tratti di droni o di robot per le consegne, è chiaro che il loro successo dipende dal perfetto allineamento di molti pezzi. Stiamo parlando dello sviluppo di software, della creazione di nuovo hardware personalizzato, della sperimentazione con telecamere, sensori e intelligenza artificiale e di molti altri ingredienti che fanno parte della stessa ricetta. Senza dimenticare che tutto deve avvenire nel rispetto delle normative, sia per il trattamento e la protezione delle informazioni sensibili dei clienti, sia per gli enti che controllano i trasporti terrestri, aerei e marittimi.

Mentre tutto questo avviene dietro le quinte, le aziende devono uscire allo scoperto e dimostrare pubblicamente i loro progressi. Non solo ai potenziali utenti, ma anche agli investitori e agli azionisti, che devono essere convinti del motivo per cui il loro denaro viene speso o esposto a proposte così rischiose. Di conseguenza, ci ritroviamo con pubblicità che sono spesso fingono di installare l’idea che la tecnologia sia già qui, pronta a cambiare le nostre vite, mentre in realtà non è così.. E questo non è certo un’esclusiva dei robot per le consegne.

In questo modo, è impossibile non avere la sensazione che molte delle aziende che sperimentano progetti come Scout o Roxo non vogliano riconoscere che è proprio questo che stanno facendo: sperimentare. Il desiderio di essere i primi a raggiungere questo o quello finisce per essere un invito al breve termine. O che la visione del progresso è troppo ristretta, per quanto importante sia o per quanto talento richieda.

Se rimaniamo ai robot per le consegne, quanto potrebbe essere difficile riconoscere che la tecnologia non è ancora matura per un’applicazione su larga scala o che noi, come potenziali utenti, non la vediamo ancora come qualcosa di più della novità del momento? Nel mezzo, però, c’è il denaro e la promessa di un’attività molto redditizia.

Secondo un rapporto di Ricerca sullo Strettola valutazione del mercato delle consegne dell’ultimo miglio raggiungerà 123 miliardi di dollari nel 2030. Si tratta di poco più di tre volte i 40,5 miliardi di dollari che erano stati quotati nel 2021. Quindi non fatevi illusioni. Il fatto che FedEx e Amazon abbiano gettato la spugna su alcuni dei loro progetti non significa che stiano abbandonando completamente il settore. E non significa nemmeno che le aziende che oggi occupano una nicchia siano sicure di avere successo negli anni a venire.

Ma le cifre esorbitanti che si possono prevedere per il futuro non sono una risposta oggi ai problemi di implementazione e scalabilità dei robot di consegna. E nessuno può essere sicuro che tra 8 anni la storia sarà molto diversa da quella che vediamo oggi. Soprattutto dal punto di vista dell’applicazione globale.

La promessa di consegne dell’ultimo miglio migliori e più veloci rimarrà seducente, nonostante il passare del tempo. Ma se c’è una cosa che appare chiara osservando gli inciampi dei grandi operatori del settore, è che non esiste un proiettile magicoa prescindere da quello che dice un colorato comunicato stampa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *