Il Chicago Tribune e altri giornali citano in giudizio OpenAI e Microsoft per violazione del copyright

A gruppo di giornali statunitensi , tra cui il Chicago Tribune su Microsoft e OpenAI per violazione del copyright. Seguendo le orme del New York Timesi giornali hanno presentato una denuncia contro i giganti tecnologici per aver utilizzato articoli e contenuti protetti per addestrare i loro modelli di intelligenza artificiale.

Come riportato da Axiosil gruppo formato dal New York Daily News, Chicago Tribune, Denver Post, Orlando Sentinel, San Jose Mercury News, South Florida Sun Sentinel y Registro della Contea di Orange hanno intentato una causa presso il Tribunale del Distretto Sud di New York per violazione del copyright. I giornali sostengono che OpenAI e Microsoft hanno rubato milioni di articoli protetti da copyright senza autorizzazione o pagamento..

“Microsoft e OpenAI hanno semplicemente preso il prodotto del lavoro di reporter, giornalisti, editorialisti, direttori, editori e altri che contribuiscono ai giornali locali”, cita l’azione legale. “Il tutto senza tenere conto degli sforzi, per non parlare dei diritti legali, di coloro che creano e pubblicano le notizie da cui dipendono le comunità locali”.

Il gruppo giornalistico, di proprietà della società di investimenti Alden Global Capital, aggiunge che OpenAI e Microsoft minano il suo core business con lo streaming dei suoi contenuti senza pagare un centesimo. L’azione legale cita una serie di esempi in cui ChatGPT ha riprodotto parola per parola i testi rubati.e persino contenuti falsi generati dall’intelligenza artificiale.

“Come se non bastasse il plagio del lavoro degli editori, i prodotti degli imputati sono spesso soggetti ad “allucinazioni” in cui questi prodotti diffamano la credibilità degli editori attribuendo falsamente rapporti imprecisi alle testate giornalistiche degli editori”, notano.

I querelanti chiedono che Microsoft e OpenAI paghino un risarcimento finanziario per aver utilizzato illegalmente contenuti giornalistici nei loro modelli di IA.

LEGGI  X (Twitter) accusato di aver ricevuto denaro da gruppi terroristici

Microsoft e OpenAI, sotto il fuoco incrociato dell’intelligenza artificiale

Satya Nadella (Microsoft) e Sam Altman (OpenAI)

La causa intentata dal Chicago Tribune e da altri quotidiani statunitensi si aggiunge a quella di un arretrato di procedimenti legali che OpenAI sta affrontando. a causa della sua intelligenza artificiale. Qualche mese fa, Il New York Times ha intentato una causa contro Microsoft e OpenAI per aver violato i suoi diritti d’autore, diventando così la prima causa sul diritto d’autore intentata da una testata giornalistica.

Il NYT afferma che la tecnologia elementi estratti illegalmente per l’addestramento dei modelli modelli di intelligenza artificiale. L’azione legale indica anche un impatto sull’attività principale del giornale, dal momento che ChatGPT sta diventando un concorrente rubando quote di pubblico ai media tradizionali.

Le cause contro OpenAI e altre società di intelligenza artificiale concordano su un punto. Le aziende hanno rubato materiale protetto per addestrare i loro modelli linguistici senza chiedere l’autorizzazione o pagare. Il NYT e altri giornali accusano OpenAI di estrarre articoli esclusivi per gli abbonati (paywall) e trarne profitto.

A differenza del Times e di altre pubblicazioni come FT, Axel Springer o APFiliali di Alden Global Capital non hanno tentato di negoziare con OpenAI o Microsoft. Fonti vicine al gruppo di investitori affermano che altri giornali potrebbero unirsi alla causa in una fase successiva.

I querelanti chiedono un risarcimento per il furto di materiale e per i danni alla credibilità. Nei singoli casi (come quello del NYT), OpenAI è tenuta a distruggere i dataset di addestramento ChatGPT. che includono la sua proprietà intellettuale.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *