I visori per la realtà mista di Microsoft sono letteralmente un grattacapo per l’esercito americano.

Il progetto IVASL’IVAS di Microsoft ha generato polemiche fin dal suo esordio ed è ancora lontano dal fornire i risultati desiderati. Come riportato da Bloombergil test più recente del visore per la realtà mista sviluppato per l’esercito americano ha rilevato che la sua implementazione è un grattacapo. Nel senso più letterale del termine.

Un rapporto del Pentagono recentemente trapelato indica che più dell’80% dei soldati che ha utilizzato il casco basato sulla tecnologia HoloLens nausea, mal di testa e affaticamento degli occhi.. Il documento parla di “carenze fisiche che hanno influito sulla missione”, cioè che non hanno permesso il normale svolgimento delle esercitazioni previste.

Indica inoltre che il disagio fisico si è verificato meno di tre ore dopo che gli utenti hanno indossato il visore per la realtà mista. Ma non è tutto, perché sono state riscontrate anche diverse lacune importanti nel funzionamento del casco IVAS, che Microsoft dovrà affrontare se vuole che il progetto continui.

Gli specialisti dell’esercito degli Stati Uniti affermano che il cuffie richiede ancora miglioramenti al display e al campo visivo, nonché al funzionamento dei sensori che consentono la visione in condizioni di scarsa illuminazione. Inoltre, è necessario ottimizzare l’affidabilità del dispositivo, che continua a soffrire di guasti che lo rendono completamente inutilizzabile.. Anche se si nota che questi ultimi sono stati meno frequenti rispetto ai test precedenti.

Opinioni discordanti sul visore per la realtà mista di Microsoft.

I problemi con le cuffie IVAS hanno fatto scattare ancora una volta un campanello d’allarme sulla fattibilità della loro implementazione, nonostante i progressi compiuti da Microsoft negli ultimi anni. Bloomberg indica che l’accettazione del visore per la realtà mista rimane bassa tra i soldatiche nella fase di test non hanno riscontrato alcuna prova che influisca sulla loro capacità di portare a termine una missione.

LEGGI  Amazon presenta nuovi chip per alimentare l'intelligenza artificiale nei suoi data center

Ma anche gli effetti fisici della sua attuazione sono oggetto di dibattito interno. All’interno delle forze armate statunitensi lo considerano un po’ esagerato parlare di caschi che causano “menomazioni fisiche”. Tuttavia, hanno riconosciuto la necessità di apportare miglioramenti per risolvere i problemi legati alla vestibilità e al comfort di utilizzo.

È anche importante notare che c’è un enorme interesse economico dietro questo visore per la realtà mista. La partnership tra Microsoft e l’Esercito degli Stati Uniti per lo sviluppo e l’implementazione di IVAS ha una durata di 10 anni e prevede un investimento pari a quasi 22 miliardi di dollari. Tuttavia, il Congresso si è dimostrato riluttante ad approvare una spesa così ingente.

Solo per l’anno fiscale in corso, l’esercito americano ha richiesto 424 milioni di dollari per il programma. Tuttavia, non è ancora stato approvato dal Senato e dalla Camera dei Rappresentanti, in quanto i legislatori attendono i risultati degli ultimi test sul campo.

IVAS, la tecnologia HoloLens adattata all’uso militare

HoloLens

Il progetto del visore per la realtà mista IVAS è stato lanciato nel 2018 e ha rapidamente generato polemiche, anche all’interno di Microsoft. Nel febbraio 2019, un gruppo di dipendenti dell’azienda di Redmond ha manifestato contro l’armamento della tecnologia HoloLens. Tuttavia, l’azienda ha deciso di portare avanti l’iniziativa.

Come spiegato, il casco incorpora diversi sensori, telecamere e GPS. Questo permette ai soldati di essere equipaggiati con imaging termico, visione notturna e navigazionetra le altre caratteristiche, direttamente su uno schermo davanti ai loro occhi. Inoltre, le informazioni vengono distribuite attraverso una rete tattica che consente ai membri del plotone di sapere dove si trovano i loro compagni in tempo reale.

“I dispositivi consentono ai soldati di vedere dove si trovano e cosa li circonda proiettando nel loro campo visivo immagini olografiche, mappe tridimensionali del terreno e una bussola”.

Microsoft, sul visore di realtà mista IVAS.

Dopo i primi test sul campo, Microsoft ha dovuto riprogettare alcuni componenti del suo visore per la realtà mista. Uno di questi era il controller che i soldati indossano sul petto e che si collega direttamente all’elmetto. L’azienda di Redmond ha dovuto modificarlo per renderlo più resistente, perché si rompeva quando i soldati strisciavano su terreni diversi.

LEGGI  Google lancia un coworker abilitato all'intelligenza artificiale e altre grandi novità per Workspace

Lo scorso settembre, l’Esercito degli Stati Uniti ha approvato la consegna dei primi 5.000 IVAS prodotti da Microsoft. Dovevano essere consegnati alle forze armate nel 2021, ma sono stati lasciati nel limbo a causa delle preoccupazioni sulle loro prestazioni. Tuttavia, si tratta ancora di un numero esiguo se si considera che l’intenzione è quella di produrre inizialmente circa 120.000 unità del visore per la realtà mista.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *