I televisori 8K saranno vietati in Europa?

Un nuovo punto di conflitto potrebbe essere scatenato sulla Unione Europea se si avanza una proposta di legge che vieterebbe la vendita di televisori 8K. Il motivo del veto sarebbe l’aggiornamento dell’indice di efficienza energetica, che imporrebbe limiti severi al consumo massimo di energia di questi dispositivi, attualmente sotto esame per non essere efficienti come altri televisori con pannelli a risoluzione inferiore.

Se la misura sarà approvata, entrerà in vigore a partire da 1° marzo 2023come indicato in El Mundo. Se attuata, significherebbe che i produttori di TV 8K non potranno più continuare a venderli nel blocco europeo. Il rapporto indica che il divieto potrebbe essere applicato anche ad altri modelli, in particolare ad alcuni con pannelli OLED 4K e QD-OLED da 65 pollici.

Secondo Pannelli piattiHD, Attualmente i televisori 8K non hanno un limite massimo di consumo energetico.. Possono quindi essere venduti normalmente nell’Unione Europea. Tuttavia, l’indice di efficienza energetica aggiornato imporrebbe un tetto massimo di consumo energetico più basso ai nuovi televisori prodotti. Verrebbero eliminate le esenzioni per le apparecchiature con schermi 8K.

La situazione ha già provocato la risposta dell’Associazione 8K, che lo scorso settembre ha reso pubblica la sua preoccupazione per questo scenario. A meno che non cambi qualcosa, il marzo 2023 rappresenterà un problema per il settore emergente dell’8K”, si legge. […]. A quel punto entreranno in vigore le nuove norme dell’UE sul consumo di energia. I limiti di consumo energetico dei televisori 8K (e dei display basati su microLED) saranno così bassi che praticamente nessuno di questi dispositivi li supererà. Non si tratterà solo di una bocciatura, ma anche dell’obbligo di non vendere questi dispositivi nell’UE”, hanno dichiarato.

LEGGI  James Webb cattura una tarantola cosmica nella sua nuova immagine

Addio ai televisori 8K nell’Unione Europea?

Secondo l’agenzia, il maggior consumo energetico dei televisori 8K è dovuto a diverse ragioni. Uno di questi è che i loro pannelli richiedono maggiore potenza della retroilluminazione per creare la stessa luminanza di un display 4K di dimensioni equivalenti.

Inoltre, sottolineano che i chip dei televisori 8K devono avere più transistor di quelli utilizzati nelle apparecchiature 4K, poiché richiedono un’elaborazione delle immagini “più sofisticata”. Di conseguenza, sostengono, il consumo di energia finisce per essere più elevato. E, pur affermando che si stanno sviluppando nuove tecnologie per rendere questi dispositivi più efficienti dal punto di vista energetico, dicono di essere ancora al lavoro su nuove tecnologie per renderli più efficienti, non sono ancora pronti per essere applicati a breve termine..

“Se il settore 8K non reagisce e il comitato di regolamentazione non risponde, il nuovo regolamento avrà delle conseguenze. Come già accennato, nessuno dei televisori 8K è in grado di superare il nuovo indice di efficienza energetica e pertanto la vendita in Europa sarà vietata. Ciò avrà ripercussioni sui produttori di TV e sui loro partner di fornitura, nonché sugli integratori dei mercati consumer e professionali dell’UE”, hanno dichiarato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *