I rifiuti elettronici crescono più velocemente di quanto riusciamo a riciclarli, avvertono le Nazioni Unite

Il mondo sta affrontando una crisi dei rifiuti elettronici senza precedenti. Secondo l’ultimo rapporto delle Nazioni Unite, i rifiuti elettronici crescono più velocemente di quanto riusciamo a riciclarli. Secondo gli esperti, entro il 2030 ci saranno 82 milioni di tonnellate di questi rifiuti in tutto il mondo.

Il rapporto, prodotto congiuntamente dall’Istituto delle Nazioni Unite per la Formazione e la Ricerca (UNITAR) e dall’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (ITU), mostra che 62 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici saranno generati entro il 2022.. Si tratta di quasi il doppio di quanto prodotto nel 2010 e la crescita è in media di 2,3 milioni di tonnellate all’anno. L’aspetto forse più allarmante dello studio è che solo il 22,3% dei rifiuti elettronici è stato formalmente raccolto e riciclato.

“L’aumento della produzione di rifiuti elettronici sta superando di quasi cinque volte l’aumento del riciclaggio formale”, hanno dichiarato i direttori dell’UNITAR e dell’ITU. Ciò è dovuto al progresso tecnologico, all’aumento dei consumi, alle limitate possibilità di riparazione, ai brevi cicli di vita dei prodotti, alla crescente elettrificazione e all’inadeguatezza delle infrastrutture di gestione dei rifiuti elettronici”.

La Spagna, uno dei maggiori produttori di rifiuti

Rifiuti elettronici
<span class=image credit><span class=credit label wrapper>Credito<span> Johann H Addicks<span>

Lo studio rileva che l’Europa è il continente che genera la maggior quantità di rifiuti elettronici all’anno, ma è anche il primo nel riciclaggio. Spagna supera la media e ogni cittadino produce in media 19,6 kg di rifiuti all’anno. e si trova in ritardo rispetto a Paesi come Germania, Francia e Italia. In termini di raccolta e riciclaggio, il Paese iberico tratta 395.200 tonnellate all’anno, pari al 42% dei rifiuti prodotti.

LEGGI  Nuovo DJI Mic 2: il miglior microfono per i creatori di contenuti viene rinnovato

Anche in Messico la situazione è delicata. Solo nel 2022, il Messico ha generato 1.500 tonnellate di rifiuti elettronici, secondo solo a Stati Uniti e Brasile. Il Ministero dell’Ambiente e delle Risorse Naturali (SEMARNAT) ha sviluppato una normativa per la gestione di questi rifiuti. Tuttavia, ogni Stato è responsabile della sua applicazione e non esiste un controllo rigoroso per sanzionare chi non si adegua.

Secondo i dati raccolti dall’UNITAR e dall’ITU, ogni messicano ha prodotto 11,8 kg di rifiuti elettronici.. A differenza della Spagna e di altri Paesi europei, il tasso di riciclaggio in Messico è del 3,5%.. Sebbene i dati siano preoccupanti, SEMARNAT identifica già questo tipo di rifiuti come prioritari e stabilisce strategie per promuovere il riciclaggio e ridurre lo scarico illegale.

Che cos’è l’e-waste e perché è un problema?

I rifiuti elettronici, noti anche come e-waste, sono tutti i dispositivi elettrici o elettronici indesiderati o non funzionanti. Tra questi vi sono vecchi televisori, computer, telefoni cellulari ed elettrodomestici. Pur essendo apparentemente innocui, i rifiuti elettronici sono rappresentano una minaccia significativa per la salute umana e l’ambiente a causa dei materiali di cui sono fatti.

Molti prodotti elettronici contengono componenti come piombo, mercurio, cadmio o ritardanti.. Queste tossine possono fuoriuscire se i rifiuti elettronici non vengono trattati e portati in discarica, contaminando il suolo e le fonti idriche.

Se bruciati, rilasciano fumi tossici che inquinano l’aria e causano problemi respiratori. Nell’uomo, l’esposizione può danneggiare il cervello, i reni e il sistema nervoso, , provocando problemi di sviluppo, difficoltà di apprendimento e persino il cancro. Le tossine presenti nei rifiuti elettronici perturbano gli ecosistemi e danneggiano la fauna selvatica, È quindi essenziale trattarlo correttamente.

Le politiche di riciclaggio non sono sufficienti per combattere i rifiuti elettronici. Iniziative come il diritto alla riparazione e le leggi che obbligano i produttori a offrire pezzi di ricambio per un periodo di tempo più lungo ridurrebbero la quantità di rifiuti causati da un cambio di telefono cellulare o computer.

LEGGI  Sony presenta ULT: una gamma di diffusori e cuffie che vi lasceranno a bocca aperta con il loro suono.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *