Google Maps abbraccia l’intelligenza artificiale generativa in una delle sue funzioni più utili

Google Maps sarà aggiornato a abbracciare l’intelligenza artificiale generativa. Il gigante tecnologico ha annunciato l’incorporazione a breve di una delle sue funzioni più utili. Gli utenti che utilizzano l’app per scoprire posti dove mangiare o divertirsiriceveranno raccomandazioni basate sull’intelligenza artificiale.

Secondo un post pubblicato sul blogI grandi modelli linguistici di Google analizzeranno le informazioni provenienti da milioni di siti registrati su Maps. L’intelligenza artificiale si baserà sulle recensioni delle guide locali più affidabili per offrire suggerimenti agli utenti. Questa funzione prenderà in considerazione le categorie più utili, in modo da ottenere raccomandazioni per ristoranti, bar, negozi di abbigliamento, mercati delle pulci e altro ancora.

Per ottenerlo, Google utilizzerà le guide locali più attive, che si occupano di recensire i luoghi su Maps attraverso commenti e foto. I modelli verranno addestrati a partire da contenuti curati e forniranno un riassunto con foto a chi ne farà richiesta.. Gli interessati dovranno solo chiedere a Google Maps di raccomandare un luogo e l’IA generativa farà il resto.

“Diciamo che state visitando San Francisco e volete pianificare qualche ora di ricerca di reperti antichi unici. Chiedete a Maps cosa state cercando, ad esempio. luoghi con un’atmosfera antica a San Francisco“, ha dichiarato Míriam Daniel, direttore di Google Maps. “I nostri modelli di intelligenza artificiale analizzeranno le ricche informazioni di Maps sulle attività e gli spazi vicini, insieme a foto, valutazioni e recensioni della comunità, per fornire suggerimenti affidabili”.

Una caratteristica notevole di questa integrazione è che l’intelligenza artificiale supporta le domande di follow-up. Ciò significa che se si chiede a Maps di consigliare un ristorante, prenderà come base le query precedenti e suggerirà luoghi vicini o con un’atmosfera simile. I suggerimenti possono essere memorizzati nei preferiti o condivisi con i propri contatti.

Google Maps IA generativa nelle raccomandazioniGoogle Maps IA generativa nelle raccomandazioni

Maps e altre app di Google optano per l’intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale generativa è qui per restare e, nel caso delle app di Google, era chiaro che sarebbe stata al centro dell’attenzione fin dal momento in cui è stata annunciata l’integrazione con questa tecnologia. Durante l’ultima conferenza per gli sviluppatori I/O 2023, l’azienda tecnologica ha confermato che i suoi servizi riceveranno PaLM 2 miglioramenti guidati dall’intelligenza artificiale..

LEGGI  L'USB 4 sarà due volte più veloce e sarà ancora possibile utilizzare i cavi esistenti.

Nel caso di Mappeè stata annunciata la visualizzazione immersiva dei percorsi, un sistema che mette insieme miliardi di istantanee di Street View con immagini satellitari per osservare i cambiamenti di una città in tempo reale. La vista immersiva fornisce dettagli su elementi come veicoli, attraversamenti pedonali, topografia del terreno, condizioni meteorologiche o vegetazione per dare un’idea del percorso da seguire.

Il si basano su materiale esistente in Maps per il loro addestramento.. La tecnologia si è anche affidata a sviluppatori esterni per integrare visualizzazioni 3D e altri elementi. Nel caso delle raccomandazioni locali, Google utilizzerà l’esperienza delle sue guide locali per garantire l’affidabilità delle informazioni.

Guide generative guidate dall’intelligenza artificiale saranno disponibili in una fase iniziale per alcune città degli Stati Uniti.. Google ha dichiarato che questo è solo l’inizio della sua strategia per potenziare l’applicazione con capacità di intelligenza artificiale. Per ora non si sa se sarà disponibile in Spagna, Messico e altri Paesi in cui Maps è molto presente.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *