Google ha cercato di far arrivare internet ovunque con un pallone aerostatico

Google ha iniziato come un semplice motore di ricerca. Semplice perché la sua homepage era minimalista. Ma non perché fosse semplice nel suo funzionamento, alimentato da algoritmi che hanno cambiato il modo in cui cerchiamo le cose su Internet. Oggi Google è molto di più. Tanto per cominciare, la sua società madre si chiama Alfabeto. E offre servizi online a milioni di persone, aziende ed enti pubblici. Pubblicità online, cloud computing, software, applicazioni mobili e online, e-commerce, dispositivi elettronici… Si tratta persino di una provider internet. Ma non tutti i progetti di Google sono finiti bene. Un esempio recente è Stadia. Un altro era Progetto Loon. Un provider di Internet attraverso palloncini ad elio.

Negli Stati Uniti, Google agisce in qualità di fornitore di Internet e di Televisione IPTV con il nome Google Fiber. Lo fa dal 2010 e ha clienti in città come Atlanta, Nashville, San Antonio, Kansas City e Orange County, California. E indirettamente in città importanti come Chicago, Denver, Miami, Seattle, San Francisco e San Diego. Non è ancora alla pari con AT&T, Verizon o Xfinity in termini di copertura o di numero di clienti, ma si sta gradualmente facendo strada. Una strategia intelligente se si considera che praticamente tutte le aree di business di Google si basano su Internet.

Non è un caso, quindi, che nell’ormai lontano 2011, Google abbia deciso di lanciare il Progetto LoonProgetto Loon. Era sorto proprio in X, o Google Xil think tank da cui sarebbero emersi i futuri successi di Google. Più persone possono accedere a Internet, più clienti potenziali avete. In seguito sarebbe stata scorporata come azienda indipendente. E nel 2021, è arrivato il momento e ha rinunciato al suo tentativo per trasportare Internet con palloncini ad elio.

LEGGI  Google presenta Gemma, la sua nuova IA open source basata su Gemini
Fonte: Progetto Loon (Google)

Internet per tutti in palloncini riempiti di elio

Nel gennaio 2022, la popolazione mondiale era di circa 7,91 miliardi di persone. Di questi, 4,95 miliardi sono gli utenti di InternetUtenti di Internet. Cioè il 62,5% del totale. Ci sono Paesi con una penetrazione di Internet del 100%, come gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrein, il Qatar e il Liechtenstein. Se guardiamo al Paesi più rilevantiLa Cina ha il 54% degli utenti di Internet, gli Stati Uniti l’87%, la Russia l’81%, la Spagna l’86%, il Messico l’80%, l’Argentina il 74% e il Cile l’82%.

In conclusione. Prima di raggiungere il 100% della popolazione mondiale, la strada da percorrere è ancora lunga. E ancora di più se consideriamo che ci sono Paesi in cui la fibra ottica è ampiamente diffusa. Altre sono dominate dall’uso di tecnologie mobili come il 4G e il 5G e, infine, ci sono aree del pianeta che continuano a dipendere da connessioni lente e di scarsa qualità. Da qui il tentativo di Google di offrire una soluzione conveniente e pratica per portare internet nelle aree remote e rurali a velocità accettabili.

I progetti successivi, come Starlink, si basano sul modello di distribuzione dei satelliti specificamente progettato per fornire copertura e accesso a Internet. E dalle ultime informazioni che conosciamo su questo progetto da parte di Elon Musktutto fa pensare che stia andando abbastanza bene. Ma progetti come Starlink, che ha più di 12.000 satelliti in orbita intorno alla Terra richiedono molti investimenti.

Il progetto Loon si basa sul dispiegamento di palloncini ad elio.

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Project-Loon-Balloon-Announcement.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Project-Loon-Balloon-Announcement.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ width=”780″ height=”520″ alt=”Il progetto Loon si basa sul dispiegamento di palloni ad elio” class=”wp-image-1436296 perfmatters-lazy” data-recalc-dims=”1″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Project-Loon-Balloon-Announcement-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ 1436296″ data-permalink=”https://hipertextual.com/2022/10/project-loon-google-globos-internet/project-loon-balloon-announcement” data-orig-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Project-Loon-Balloon-Announcement.jpg?fit=1920%2C1280&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-orig-size=”1920,1280″ data-comments-opened=”1″ data-image-meta=”{“aperture”:”0″,”credit”:””,”camera”:””,”caption”:””,”created_timestamp”:”0″, “copyright”:””, “focal_length”: “0”, “iso”: “0”, “shutter_speed”: “0”, “title”:””, “orientation”: “0”}” data-image-title=”Project Loon Balloon Announcement” data-image-description=”” data-image-caption=””

Il progetto Loon si basa sul dispiegamento di palloncini ad elio.

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Project-Loon-Balloon-Announcement.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Project-Loon-Balloon-Announcement.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ width=”780″ height=”520″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/10/Project-Loon-Balloon-Announcement-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ alt=”Il progetto Loon si basa sul dispiegamento di palloni ad elio” class=”wp-image-1436296″ image-credit”>Credito: Progetto Loon (Google)

Primo volo del Progetto Loon: Nuova Zelanda

Progetto Loon (2011) che sarebbe poi diventata una società con il nome di Loon LLC (2018), ha voluto cercare un’alternativa economicamente più valida. Hanno optato per palloncini riempiti di elio. Verrebbero posizionati ad un’altezza compresa tra i 18 e i 25 chilometri e insieme permetterebbero di realizzare una rete wireless che consente connessioni senza fili a velocità simili a quelle delle reti 3G. Questo all’inizio.

Il primo impiego di Loon è stato due anni dopo la sua creazione come progetto del think tank o incubatore denominato X o Google X. Nell’estate del 2013, Google avrebbe distribuito una prima rete di palloni gonfiati a elio. Palloni ad elio di grandi dimensioni. Circa 30 in totale. Il luogo scelto è stato Christchurchin Nuova Zelanda. I palloni erano alimentati da pannelli solari ed erano visibili all’occhio umano. Una volta dispiegati, hanno formato una rete che rifornirebbe circa 50 personei primi partecipanti al progetto come clienti di prova.

Secondo quanto riportato da diversi media all’epoca, i responsabili di Progetto Loon avevano in programma di dispiegare un totale di 300-400 palloni. Questo potrebbe sembrare costoso in termini di implementazione e manutenzione. Ma stiamo parlando di aree remote dove la diffusione della fibra ottica era molto costosa. E che ha portato benefici solo a poche persone. Se tutto è andato bene, Progetto Loon avrebbe continuato il suo lavoro in altri Paesi come l’Australia, il Sudafrica e l’Argentina.

I palloni comunicavano tra loro grazie a un sistema di laser.
Fonte: Progetto Loon (Google)

L’eredità del Progetto Loon

Quasi nove anni dopo il lancio dei primi palloni aerostatici della Progetto LoonAll’inizio del 2021, i responsabili del progetto hanno annunciato la fine del progetto. Nel suo blog ufficiale, ospitato sul sito di Xil comunicato esamina il lavoro svolto da Loon in Nuova Zelanda e successivamente in Porto Rico, Perù e Kenya. Ha anche tentato la fortuna in Brasile y Sri Lanka. Nel secondo caso, nel marzo 2016, è diventato il secondo paese al mondo con il più alto numero di copertura tramite LTEuna tecnologia che offre velocità superiori al 4G senza raggiungere l’attuale 5G.

A livello tecnico, le reti di palloni aerostatici sono state perfezionate collegandoli l’uno all’altro per mezzo di una sistema laser. In un post più recente sullo stesso blog, datato settembre 2021, il team che ha lavorato a Loon ricorda che il progetto è fallito ma che, lungo il percorso, è servito per imparare molto sulla stratosfera. In questo senso, i dati ottenuti con i sensori incorporati nei palloni sono stati resi pubblici per chiunque volesse consultarli. Soprattutto scienziati e ricercatori. In particolare, i dati ottenuti da oltre 2.100 voli e relativi al periodo compreso tra agosto 2011 e maggio 2021.

Dall’altro, chiunque può consultare informazioni relative al progetto attraverso The Loon Library, un documento di oltre 400 pagine che esamina a livello tecnico tutto ciò che è stato coinvolto nel progetto: sistema di volo, comunicazioni, software utilizzato e tutto ciò che è stato appreso lungo il percorso.

Un pallone aerostatico del Progetto Loon che si alza in cielo
Fonte: Progetto Loon (Google)

Una nuova speranza all’orizzonte

La domanda da un milione di dollari è: cosa è andato storto? La risposta è semplice. Il progetto Loon aveva uno scopo lodevole. Ma fare del bene a volte è sbagliato perché non è conveniente dal punto di vista finanziario. L’idea era quella di portare Internet nelle aree in cui l’installazione della fibra ottica o delle antenne mobili era troppo costosa. Costoso per le aree in cui viveva un numero limitato di persone. In altre parole, l’investimento non si ripagherebbe mai. Infatti, uno dei primi a beneficiare di Progetto Loonun agricoltore neozelandese, ha pagato somme astronomiche per avere Internet via satellite.

Quindi, mentre Loon ha continuato a ricercare e a ridurre i costi di dispiegamento dei suoi palloni e delle altre infrastrutture a terra, c’era ancora una spesa che rimaneva proibitiva per le persone che potevano beneficiarne. Google avrebbe potuto finanziare il progetto con i suoi milioni di dollari di profitti, ma nessuno sbocco economico L’idea è stata abbandonata. D’altra parte, in alcune aree in cui aveva dispiegato i suoi palloni aerostatici, le reti 3G e 4G erano già state installate, rendendo inutile il dispiegamento aereo di Google.

Ma non tutto è perduto. Se la chiusura di Loon è stato prodotto all’inizio del 2021, nel settembre 2022 alcuni media hanno riportato il ritorno di questo progetto con un nome diverso: Aalyria. Il suo capo, la startup Tecnologie Aalyriaè stata fondata all’inizio del 2022 da ex dipendenti di Google. Ma sebbene i due progetti siano collegati, in realtà hanno poco a che fare l’uno con l’altro. Innanzitutto, non ci sono palloncini. E Google non è coinvolto nel progetto. Per prima cosa, l’obiettivo è offrire internet a banda larga utilizzando il software che è stato utilizzato nel Progetto Loon per trasformarlo in un sistema basato sul cloud che gestisce le reti che collegano satelliti, aerei e navi.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *