Google Chrome cambia per sempre: la nuova barra di ricerca alimentata dall’AI

Google Chrome ha pronta un’altra integrazione AI per il suo browser. L’azienda ha annunciato la l’arrivo di modelli di apprendimento automatico nella barra di ricerca.. Quella che ha chiamato Omnibox sarà aggiornata con il modello versione M124 per imparare dall’uso quotidiano in modo molto più intelligente che mai.

Ora, questa barra superiore stava già imparando dall’uso quotidiano, ma secondo Google, , lo faceva in modo maldestro e poco flessibile.. I suoi algoritmi sono elementari e non consentono di contestualizzare o apprendere le fasi successive. Ha un sistema di misurazione che assegna punti agli URL visitatima con un processo arcaico per i tempi in cui viviamo.

Il nuovo modello si avvale del apprendimento automaticoche è una categoria dell’intelligenza artificiale che consente di studiare comportamenti e modelli per identificarli e utilizzarli a piacimento. In questo caso, Google Chrome vuole cambiare e migliorare la barra di ricerca come mai prima d’ora.

Ecco come funziona la nuova barra di ricerca di Google Chrome

Beh, la prima cosa da fare è accettare il fatto che molto presto un modello di apprendimento automatico monitorerà l’uso della barra di ricerca.. Finora si trattava di un algoritmo che registrava la vostra attività, assegnava un punteggio e forniva raccomandazioni. Ora tutto cambia: Omnibox sarà in grado di studiare i movimenti, le azioni, il contesto e i passaggi successivi all’inserimento di un URL.

A quale scopo? Vuole migliorare le raccomandazioni che offre all’utente durante le ricerche.. L’intelligenza artificiale sarà ora in grado di sapere come interagite con un URL e se è quello che volevate davvero visitare. Google ha fornito un esempio molto interessante nel suo blog.

LEGGI  Rosalía e Björk pubblicano un disastroso video musicale realizzato con l'AI

Immaginate di entrare in una pagina attraverso la barra di ricerca e di abbandonarla immediatamente perché non mostrava ciò di cui avevate bisogno. Finora, l’algoritmo ha assegnato un punteggio molto positivo a questo URLperché si era cliccato su di esso con l’intenzione di entrare. In questo senso, la nuova IA è in grado di rilevare che l’utente è uscito non appena lo visita, capendo che non dovrebbe assegnare un punteggio adeguato a quell’indirizzo perché non è servito allo scopo..

Ma non finisce qui, Google Chrome intende utilizzare il contesto della ora e data per rendere questi risultati autoformati ancora più efficaci. In altre parole, offrirà a seconda dell’ora del giorno. Inoltre, differenzia le intenzioni di ricerca effettuate il mercoledì e il sabato.

Un Google Chrome più intelligente e personale

Detto questo, l’obiettivo di Google Chrome con questa nuova funzione basata sull’intelligenza artificiale è quello di ritornare alla browser uno strumento più personaleche capisce come lo si usa e lo adatta a ogni occasione. Naturalmente, trattandosi di un apprendimento automatico è necessario dargli un po’ di tempo per comprendere i vostri modelli, identificarli e utilizzarli per fornirvi raccomandazioni migliori.

Anche se la novità è trasparente per l’utente, è possibile che questo strumento cambi completamente il modo in cui molti utenti utilizzano l’attuale barra di ricerca. Tuttavia, si tratta di una funzionalità che per il momento può essere sfruttata solo da Google Chrome M124 per desktop. Ovvero su Windows, Mac e ChromeOS. Ora è probabile che arrivi presto anche sul vostro smartphone.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *