Gemini arriva su Google Foto: trovare qualcosa nella vostra galleria non sarà più un grattacapo

Google Foto sta per trarre vantaggio da Gemelli con una nuova funzione alimentata dall’intelligenza artificiale. È Chiedi foto (Chiedi foto), che vi permetterà di trovare in pochi secondi tutti i tipi di informazioni memorizzate nella vostra galleria.

Se siete persone che fotografano tutto per non dimenticare nulla, ma poi vi ritrovate con un’infinità di dati sparsi negli album del vostro telefono, il nuovo Google Foto è l’ideale per voi. Con Gemini, potrete chiedere all’app di trovare e mostrare una particolare informazione. Ma non finisce qui.

Durante la sua presentazione al Google I/O, Sundar Pichai ha fatto l’esempio di chiedere a Google Photos quale fosse la targa della vostra auto. Google Photos è stato in grado di analizzare le immagini di una galleria e di generare una risposta in base a ciò che è stato estratto da esse. Ma l’intenzione è che Ask Photos diventi uno strumento molto più completo, e che possa comprendere il contesto di ciò che viene chiesto e il materiale disponibile..

“Le potenti funzioni multimodali di Gemini sono in grado di comprendere il contesto e il soggetto della foto per estrarre ogni tipo di dettaglio. Ad esempio, se chiedete ‘quali erano i temi dei compleanni di Elena’, Ask Photos analizzerà le decorazioni dello sfondo o le decorazioni della torta”, spiegato Mountain View.

È anche possibile chiedere a Google Foto di aiutarvi a creare collezioni di foto, o anche di correggere una risposta sbagliata che Gemini vi ha dato. I californiani spiegano che l’intelligenza artificiale sarà capace di ricordare le correzioni quando sarete consultati di nuovo sullo stesso argomento.

Ask Photos porta la potenza di Gemini in Google Foto

Ask Photos porta la potenza di Gemini in Google Foto

Il nuovo strumento Ask Photos, basato su Gemini, arriverà su Google Foto nei prossimi mesi. I suoi sviluppatori hanno chiarito che si tratta di una funzione sperimentalequindi è probabile che inizialmente le risposte fornite non siano accurate al 100%.

LEGGI  La Formula 1 utilizzerà l'intelligenza artificiale per rilevare quando i piloti superano il limite della pista

Un altro punto cruciale della questione riguarda la privacy. Il fatto che un’intelligenza artificiale possa accedere alle immagini della nostra galleria non è qualcosa da lasciare al caso. Google dichiara che il materiale analizzato non sarà utilizzato per addestrare “alcuna IA generativa al di fuori di Google Photos”; nemmeno altri prodotti o servizi che utilizzano Gemini.

Per quanto riguarda le interazioni con Domanda a Foto, Mountain View indica che nella maggior parte dei casi nessuno esaminerà il contenuto delle conversazioni con l’intelligenza artificiale. Anche se ci saranno casi eccezionali per evitare un uso dannoso o abusivo di questa funzione di Google Foto.

Google non ha specificato una data di rilascio per questo strumento di Google Photos, anche se promette che sarà presto. Con Gemini sullo sfondo, Ask Photos mira ad approfondire la presenza dell’IA nella galleria del nostro smartphone. I californiani ci assicurano che questa funzione sarà in grado di “fare più cose” in futuro, quindi terremo d’occhio gli ulteriori sviluppi.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *