Gaizka Toquero a Bolavip: “Marcelo Bielsa ha segnato un prima e un dopo nella storia dell’Athletic Club de Bilbao”.

Gaizka Toquero Pinedo (Vitoria, Spagna, 1984) sa meglio di chiunque altro cosa significhi la filosofia di uno dei club più esemplari e speciali de LaLiga. Presente in alcuni dei momenti migliori di un colosso come l’Athletic Club Bilbao, l’ex attaccante dei Los Leones ripercorre la sua carriera nel Bolavip con un’intervista in cui spiccano Marcelo Bielsa, Euskadi e la Coppa del Mondo.

Una pietra miliare dei piani di El Loco durante la sua permanenza a San Mames quasi 10 anni fa.Toquero ha modellato la sua figura attorno a uno sport che lascerà a livello professionale nell’estate del 2019. Sia negli uffici che ai microfoni della piattaforma. DAZN, Il leggendario numero ‘2’ dell’Athletic Club de Bilbao ripercorre a Bolavip una carriera in cui il nome di Bielsa è fondamentale in tutti i sensi.

La filosofia della squadra basca, le sfide da affrontare fuori dal campo, la sua impressione sul calcio “moderno”, la nazionale basca e la Coppa del Mondo. che prenderà il via a breve in Qatar, tutti presenti in un’intervista con Bolavip dove Gaizka lascia riflessioni importanti su uno sport che negli ultimi anni è mutato come non mai.

Che cosa sta facendo attualmente?

“Un bel po’ di cose, tutte legate al calcio. Ho iniziato a fare l’agente dopo il mio pensionamento e poi si sono aperte diverse strade. Lavoro come partner di DAZN e presto sarò ambasciatore di ASM. che offre borse di studio e sono anche con una società di consulenza sportiva che offre servizi alle società sportive e sto lavorando a la mia metodologia per creare accademie con il mio nome”.

Come vede il calcio ora come commentatore?

“In fin dei conti penso che il mondo del calcio sia un’industria molto grande, è vero che ha un aspetto diverso. Il fatto di essere stato un giocatore per così tanti anni ti fa capire un po’ di più l’ambiente, ma quando te ne vai si apre una vasta gamma di possibilità di lavoro legate ad esso”.

Ha mai pensato di diventare un coach?

“Quando ero un giocatore, sì, alla fine della giornata sei sempre nello spogliatoio e vuoi continuare a vivere il calcio perché è quello che ti appassiona. È ciò che si ha in mente e ciò che si vede: uno spogliatoio e un campo da calcio. Ho conseguito la qualifica di allenatore di livello 1, ma con il passare degli anni e l’avvicinarsi del momento di lasciare il lavoro, mi sono reso conto che mi piaceva di più la parte di ufficio che quella di allenatore. Do molta priorità alla mia famiglia e fare l’allenatore rende difficile gestire la propria vita familiare in modo ottimale. In questo senso c’è molta instabilità”.

Cosa cambierebbe dell’industria del calcio?

“È diventato un business e ci sono pratiche molto scorrette.. È vero che esistono in qualsiasi lavoro o settore, ma vorrei che tutto fosse più pulito. Non parlo solo di giocatori o rappresentanti, ma dell’intero settore. Vorrei che tutto fosse più pulito da quegli scandali che si vedono nell’ufficio delle imposte, mancati pagamenti, cattiva gestione, ecc. Quando tutti i settori diventeranno più professionali, credo che tutto sarà più pulito”.

Il sogno di diventare calciatore…

“Prima di arrivare all’Éibar non avevo la pressione che penso abbiano i ragazzi di oggi.. Il bisogno che i bambini hanno in questo momento dell’ambiente, dei genitori, degli allenatori e degli agenti è molto dannoso. Hanno troppa pressione in testa che non permette loro di godersi il calcio come abbiamo fatto noi. Fino a 23 anni non ho avuto il tipo di pressione che vedo subire ai giovani”.

Come spiegherebbe il significato di Atletico?

“È uno stile di vita, una convinzione. Molte persone potrebbero non capirlo. Si compete con persone che hanno più potere e con un calcio globalizzato. Prima a Madrid, nella Real Sociedad o a Bilbao si vedeva una grande percentuale di giocatori nazionali, ora non più. Per un club come l’Athletic il mercato è sempre più piccolo.ma credo che la filosofia del club dimostri che se si lavora bene la propria metodologia anche in una popolazione che non supera quella della comunità di Madrid. (3 milioni di abitanti), è possibile rimanere nell’élite come l’Athletic ha fatto per tutta la vita. Non ho mai avuto uno spogliatoio migliore di quello dell’Athletic per il senso di appartenenza che c’è all’interno”.

È qualcosa che deve essere cambiato?

“L’Athletic è un club di soci e saranno loro a votare. Non c’è alcun obbligo legale di farlo e se si continuerà a farlo sarà perché i tifosi vogliono farlo. Una grande maggioranza vuole mantenere la filosofia”.

Lezama, la migliore città sportiva della Liga?

“Non so se sia il migliore, ma senza dubbio uno dei migliori. Quest’anno sono stati effettuati ampi lavori di ristrutturazione. Credo che rimangano in prima linea, Lezama per l’Athletic è vita, è la loro squadra, è il 90% dei loro giocatori. Cambiano i presidenti e cambiano i consigli di amministrazione, ma Lezama è fondamentale”.

Che significato ha avuto Marcelo Bielsa per la sua figura?

“Marcelo ha portato molto all’Athletic, non solo in termini sportivi ma anche istituzionali. Ha portato una visione esterna che ci ha permesso di credere che in quel momento avevamo la capacità di battere chiunque. Abbiamo giocato alla pari con qualsiasi squadra, non importa se Barcellona, Espanyol o Albacete. Per me ha apportato grandi cambiamenti, Marcelo è uno studioso di calcio e ci ha fatto imparare molto sul calcio. La scomparsa di Marcelo ha segnato un prima e un dopo nella storia dell’Athletic”.

Le piacerebbe rivederlo al San Mamés?

“Quello che voglio è che i grandi allenatori vengano a San Mamés.. Ora c’è Ernesto, che è un grande allenatore e lo ha dimostrato nelle sue precedenti tappe, dove sono stati raggiunti grandi risultati. Se fosse arrivato Marcelo Anche lui sarebbe stato un ottimo allenatore, ha sempre dimostrato di tenere all’Atletico e di impegnarsi per l’Atletico. Non so quale sia il migliore, ma sono entrambi ottimi DT per prendere Bilbao. Al momento non vedo nessuno migliore di Ernesto per prendere il club”.

Il calcio è stato ingiusto nelle finali del 2012?

“Non so se sia stato ingiusto, alla fine il calcio ti mette dove devi essere. Penso che abbiamo fatto un ottimo lavoro In quegli anni siamo arrivati dove siamo arrivati e il calcio ci ha portato dove meritavamo di essere. Se si arriva in finale, è perché si è fatto qualcosa di buono…Il Real Madrid ha meritato di vincere la Champions League l’anno scorso? Ci sono state molte partite, rimonte e tutto quello che volete, ma alla fine è stato il Madrid a raggiungere la finale e a vincerla. Il calcio non è ingiusto per nessuno. Si va fino a dove si va”..

Lionel Messi o Cristiano Ronaldo?

“Alla fine tendiamo sempre a paragonarli perché pensiamo che siano stati i migliori giocatori del mondo o della storia grazie ai loro dati, ma sono molto diversi.. Pep Guardiola lo ha detto di recente: è meglio Haaland o Messi? Messi genera i gol da solo e Haaland ha bisogno della squadra. Penso che sia la stessa cosa con CR7, che non si scaglierà contro sette giocatori, ma segnerà un calcio di bicicletta che Messi non farebbe e ti farà vincere la Champions League. Penso che siano totalmente diversi, che Messi sia migliore tecnicamente e che sia più differenziato, ma i gol di Cristiano sono valsi a vincere grandi titoli. In termini di proiezione, Messi è più completo”.

Gli ultimi anni della sua carriera…

“Penso che il supporto psicologico sia necessario, ma non solo in quegli anni. Ronaldo ha rivelato in un documentario di DAZN che, nonostante abbia vinto tutto e sia uno dei migliori giocatori della storia, aveva bisogno di aiuto psicologico e non l’ha ricevuto.. È ovvio che quando si smette e si finiscono i 14 anni di monitoraggio delle partite, degli allenamenti e dei pasti bisogna essere preparati, ma ci sarà chi ha bisogno di aiuto e chi no. Nel mio caso l’ho gestita molto bene perché avevo ben chiaro cosa volevo fare. Ho dovuto ritirarmi a causa di un infortunio al ginocchio, che mi ha costretto a prepararmi per quello che sarebbe successo.

La nazionale dei Paesi Baschi, un motivo di orgoglio

“Non avendo avuto l’opportunità di giocare nella squadra maggiore spagnola, era molto importante per me rappresentare i Paesi Baschi. Mi sono sentito bene, sono uscito dall’ambiente del club, ho gareggiato e fatto grandi amicizie nonostante i derby tra Athletic, Real Sociedad, Eibar, Alaves e Osasuna. I campi di allenamento ci hanno regalato un’ottima atmosfera, molto diversa da quella che si respira in Sudamerica nei derby, come quello tra Boca e River. Oggi non è possibile competere con Euskadi in modo ufficiale, ma il sentimento è molto forte”.

La posizione di Zurich può essere cambiata?

“È molto complicato. In fin dei conti siete in un paese chiamato Spagna, nel bene e nel male, e ci saranno giocatori che vogliono competere con la Spagna, la Catalogna o l’Euskadi, il che lo rende molto complicato. A Zurigo hanno già abbastanza cose, ma in futuro chissà”.

Qualche previsione per Qatar 2022?

“Ho due squadre che mi piacciono molto, Francia e Brasile. Credo che il Brasile abbia finalmente quell’equilibrio tra attaccanti e difensori che lo rende il migliore del mondo. La Francia ha la squadra e la panchina per fare bene. Alla fine bisogna essere una squadra, faccio sempre l’esempio del Burgos, una capolista di seconda divisione che non può essere paragonata a nessuno in Spagna in termini economici…Il PSG ha i migliori giocatori del mondo, ma non raggiunge la finale di Champions League. Avere i migliori giocatori non sempre rende la squadra migliore. In una Coppa del Mondo così breve, è più importante avere un gruppo coeso e fare squadra piuttosto che stelle individuali”.

La Spagna di Luis Enrique…

“Ad esempio, possono fornire prestazioni e risultati. La Spagna ha ottimi giocatori in tutte le linee e, anche se non ha i migliori giocatori, ha una squadra con cui può lottare. Hanno giocatori giovani e affamati e se riescono a diventare una squadra possono andare lontano”..

LEGGI  Il Real Madrid non è riuscito a battere il Girona, ma è tornato in testa alla classifica de LaLiga
Vittoria
WRITTEN BY

Vittoria

Ciao, sono Vittoria. Sono una redattrice di DFO Media, dove mi immergo nel mondo dello sport, decifrando le tendenze e condividendo le storie che ci sono dietro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *