Flipboard avvia l’integrazione con Mastodon e altri servizi basati su ActivityPub

Anche Flipboard ha iniziato ad aprirsi al fediverse. Lunedì la piattaforma ha annunciato che sta iniziando a passare i suoi account utente ad ActivityPub. In questa prima fase, alcuni account di Flipboard saranno visibili e potranno essere seguiti da milioni di utenti. di applicazioni sociali decentralizzate, come Mastodon.

L’azienda aveva già annunciato all’inizio dell’anno la sua intenzione di partecipare all’universo federato. Ha iniziato integrando la propria applicazione con Mastodon tramite un’API. In seguito ha creato un proprio server Mastodon, prima di integrare completamente ActivityPub.

“Siamo in procinto di sostituire l’intero sistema di back-end sociale con ActivityPub”, ha dichiarato Mike McCue, CEO di Flipboard. The Verge. “Penso che Flipboard sarà il primo servizio mainstream per i consumatori che esisteva in un walled garden e passerà ad ActivityPub”.

ActivityPub è un protocollo di social networking aperto, creato dal World Wide Web Consortium (W3C), l’organismo responsabile degli standard aperti che guidano il web moderno. Oltre a Mastodon, anche WordPress e Pixelfed supportano il protocollo. Threads, noto anche come il Twitter di Instagram, ha annunciato la scorsa settimana di aver iniziato a testare la sua integrazione.

Il processo di apertura di Flipboard avverrà in tre fasi distinte. A partire da oggi, l’azienda sta federando 25 editori e creatori. L’azienda ha dichiarato in un comunicato stampa che ciò consentirà loro di effettuare test e raccogliere feedback. comunicato stampa. A partire da gennaio, consentiranno a tutti gli utenti dell’universo di seguire e interagire con qualsiasi curatore pubblico su Flipboard. Infine, a partire da aprile del prossimo anno, consentiranno a qualsiasi utente di seguire e interagire con qualsiasi account pubblico.

I primi a testare l’integrazione di Flipboard con Mastodon e ActivityPub

Flipboard lancia l’integrazione con ActivityPub, a partire da Mastodon

Flipboard ha spiegato di aver collaborato con un primo elenco di 25 editori e creatori per aiutarli a federare i loro account. Tra questi, The Verge, Semafor, The Conversation e diverse organizzazioni no-profit. “Riconosciamo che stiamo contribuendo a creare un precedente per il modo in cui altri servizi saranno federati in futuro, quindi procederemo in modo ponderato e collaborativo”, ha aggiunto McCue.

LEGGI  Le grandi sorprese e gli assenti ai Premi Emmy 2024

Si tratta della più grande espansione dell’ecosistema Flipboard da quando è stato lanciato come social magazine nel 2010. “Con la federazione di altri servizi, il valore del fediverse aumenterà in modo esponenziale e daremo vita a un’era più vivace e interoperabile per le persone che creano grandi contenuti e per tutti coloro che ne usufruiscono”, ha dichiarato McCue.

Anche Threads, di Meta, ha evidenziato il processo di integrazione con ActivityPub come “l’inizio di una nuova era di reti diverse e interconnesse”. Mark Zuckerberg, CEO di Meta, ha spiegato che, per il momento, avrebbe lasciato che I post di Threads vengano visualizzati su piattaforme come Mastodon e altre reti che supportano il protocollo di social networking aperto e decentralizzato.

Nel caso di Flipboard, si è sempre affidato ai curatori per trovare materiale valido da far leggere agli utenti. L’unica differenza è che ora questi curatori potranno pubblicare su Flipboard e altrove tutti insieme.

Gli utenti potranno scegliere di non pubblicare i loro flip su Mastodon, ma l’adesione sarà l’esperienza predefinita. Flipboard conta più di 10.000 editori di riviste sociali. e più di un quarto di milione di persone che selezionano contenuti utilizzando la sua app. Mastodon conta oggi circa 1,5 milioni di utenti attivi mensili, il che potrebbe rappresentare un notevole incremento per il fediverse quando l’integrazione con Flipboard sarà completamente implementata.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *