Federico Valverde, il tuttofare di Charrúa che brilla alla Casa Blanca

“Il mio ruolo è quello di correre fino a quando non potrò più correre, fino a quando le mie gambe non cederanno”.nelle parole di Federico Valverde simboleggia una definizione di vita. Una così grande che lo ha catapultato nel tessuto centrale del cuore dell’Unione Europea. Real Madrid e, in sostanza, del Squadra nazionale dell’Uruguay.

Le parole di Valverde definirlo completamente. Ma il 24enne uruguaiano (22 luglio 1998) è molto di più. La sua abilità e la sua eleganza, unite a gol fondamentali, lo hanno portato da tempo a un livello superlativo.

Tanto che, in un breve lasso di tempo, questo tuttofare si è allenato a Penarol ha realizzato il suo sogno: che tutti i Santiago Bernabéu coreografare il suo nome e inserirlo come elemento essenziale della squadra più potente e vincente del mondo.

Il suo sviluppo precoce lo ha messo in luce agli occhi di Oscar Washington Tabárezex allenatore della nazionale Squadra nazionale Charrúada Valverde aveva 13 anni. Un puro intenditore, il Maestro Tabárez ha visto nel centrocampista molto più di un giocatore duro. “Conosco Fede da quando aveva 13 anni. Ho seguito tutti i suoi sviluppi. Era un calciatore molto diverso da quello che è ora. Era piccolo, magro. E aveva tratti diversi della personalità: era estremamente timido. Ma già gli allenatori delle sue categorie, nel suo club e nella nazionale, vedevano che aveva cose che i giocatori normali non hanno, soprattutto una visione sorprendente per un’età così giovane”.ha dichiarato che nel 2019 il Maestro. Membro delle squadre U-15, U-17 e U-20 prima di entrare nella nazionale maggiore, Tabárez Se ne prendeva cura e lo teneva presente perché sapeva che lì c’era un diamante levigato che poteva ancora essere migliorato.

L’essenza del Valverde è stato costruito a partire dal lavoro come il più grande tesoro da esporre. Suo padre, Julioha lavorato come guardia di sicurezza nei casinò ed è stato venditore ambulante nelle strade di Montevideo. E sua madre, Dorisvendeva abiti di seconda mano. Da quella casa borghese, Valverde ha iniziato a forgiare il suo sogno, il suo grande sogno: smettere di volare come un “uccellino” (come veniva chiamato da piccolo per la sua stazza e il modo in cui correva) e diventare un giocatore professionista.

LEGGI  Wanda Nara ha caricato 3 foto senza vestiti, a letto e la sorella ha detto: "Opalalaaaaaaa".

Nelle squadre giovanili di Peñarol è diventato rapidamente essenziale. Tanto che, nel 2015 e all’età di 16 anni, è andato a fare un provino per il Arsenale Il club inglese ha offerto ai Carboneros 3,5 milioni di euro per il promettente giocatore uruguaiano, già protagonista nelle giovanili del suo paese.

Dopo quel processo è tornato a Montevideo e, in non più di tre mesi, passò a giocare nella Primera. Con questo passo è arrivato il Real Madrid che se l’è assicurata per 5 milioni di euro, ma a una condizione: che Valverde per unirsi alla squadra Merengue solo quando ha compiuto 18 anni.

Prima di sbarcare sul Real Madridil centrocampista ha trascorso del tempo con la filiale, il Castigliacon Santiago Solari come allenatore. Nessun posto nella squadra principale, perché Zinedine Zidane non lo riteneva pronto per il grande salto, l’uruguaiano è stato ceduto in prestito a Deportivo La Coruña. La decisione ha segnato una svolta per la famiglia Valverde che ha ricevuto da Zidane una spinta. L’obiettivo dell’allenatore francese era quello di incoraggiare il giocatore a continuare a crescere attraverso la continuità.

Qualche tempo dopo, Valverde restituito a Madrid e divenne uno degli strateghi e dei luogotenenti del centrocampo bianco, dove vinse un Champions Leagueuna Coppa del mondo per club, due Coppe del Re, una Supercoppa europea e due Supercoppe spagnole.

Nazionale uruguaiana:

Forse la sua più grande frustrazione è stata quella di non aver fatto parte della Selezione del vostro paese in Russia 2018nonostante abbia partecipato all’ultima parte del processo e abbia segnato un gol fondamentale per il cammino dell’Uruguay verso la finale. Coppa del Mondoprima Paraguay ad Asunción. “Ho dovuto soffrire molto quando sono stato escluso perché per qualsiasi giocatore andare ai Mondiali con la propria nazionale è la cosa più bella che ci possa essere”.ha detto. Valverde in un’intervista. Ha aggiunto: “Essere lasciato fuori mi ha fatto male, ma mi ha aiutato a migliorare come calciatore e a continuare a crescere sotto ogni aspetto. Grazie a Dio oggi ho questa opportunità e la sfrutterò al massimo, cercando di dimostrare perché posso partecipare alla Coppa del Mondo”..

Il tempo è passato e Valverde è oggi il proprietario del centrocampo della squadra che gestisce. Diego Alonso. A Qatar 2022, Uruguay farà parte del Gruppo H con Portogallo, Ghana e Corea del Sud. Oltre a Valverde, Uruguay si sta affidando alla nuova generazione composta da Valverde, Rodrigo Bentancur, Giorgian de Arrascaeta y Nicolas de la Cruz che si uniscono all’esperto Fernando Muslera, Diego Godín, Luis Suarez y Edinson Cavani.

LEGGI  "Spero che dieci Hag si inginocchi e chieda scusa per la mancanza di rispetto a Cristiano Ronaldo".

Tutte le partite del Gruppo H (*):

Data 1:

  • Uruguay vs. Corea del SudGiovedì 24 novembre, ore 16:00, Education City Stadium.
  • Portogallo vs. GhanaGiovedì 24 novembre, ore 19:00, stadio 974.

Data 2:

  • Corea del Sud vs. GhanaLunedì 28 novembre, ore 16:00, Stadio della Città Educativa.
  • Portogallo vs. UruguayLunedì 28 novembre, ore 22:00, Stadio Iconic, Lusail

Data 3:

  • Corea del Sud vs. PortogalloVenerdì 2 dicembre, ore 18:00, Education City Stadium.
  • Ghana vs. UruguayVenerdì 2 dicembre, ore 12.00, Stadio Al Janoub.

(*) Tutte le partite sono mostrate in ora locale. In Spagna è di -1, in Argentina e Cile di -6, in Colombia di -7 e in Messico di -8.

Vittoria
WRITTEN BY

Vittoria

Ciao, sono Vittoria. Sono una redattrice di DFO Media, dove mi immergo nel mondo dello sport, decifrando le tendenze e condividendo le storie che ci sono dietro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *