Ecco tutto quello che sappiamo su “AI Pin”, l’enigmatico primo dispositivo di Humane

Poco più di 6 mesi fa, Umano era sulla bocca di tutti, ma in circostanze piuttosto particolari. All’epoca, la startup fondata da due ex dipendenti Apple aveva chiuso un nuovo round di investimento multimilionario, quando quasi nessuno sapeva cosa facesse. L’unica cosa che si sapeva era che l’azienda lavorava nel campo dell’intelligenza artificiale e che intendeva creare un dispositivo che la sfruttasse.

Settimane dopo, l’azienda ha offerto il primo assaggio di un enigmatico dispositivo chiamato AI Pin. Nell’ambito di un TED Talk, Imran Chaudhri, cofondatore di Humane, ha dato una dimostrazione dell’apparecchiatura in questione. Il poco che è stato mostrato in quell’occasione è stato una specie di spilla che potrebbe svolgere molteplici compiti: dalla proiezione di interfacce tattili su qualsiasi superficie, al riconoscimento di oggetti o alla traduzione in tempo reale, tra gli altri.

Con un’attesa ancora una volta alle stelle, Humane aveva promesso che l’AI Pin sarebbe stato presentato ufficialmente in ottobre, ma così non è stato. L’azienda ha scelto di rimandare il lancio al prossimo ottobre. 9 novembrequando finalmente potremo dare un’occhiata approfondita alle sue caratteristiche e capacità. La cosa curiosa è che il ritardo sarebbe stato voluto per evitare di coincidere con le notizie di una collaborazione tra Sam Altman, CEO di OpenAI e investitore di Humane, e Jony Ive per creare l'”iPhone dell’AI”.

Vorremmo quindi approfittare di queste righe per rivedere tutto ciò che sappiamo finora sull’AI Pin, uno sviluppo che oggi suscita interesse e scetticismo in parti uguali.

Un rapido ripasso: cos’è Humane

Humane è stata fondata nel 2018 con Imran Chaudhri y Bethany Bongiorno in testa. I due si sono conosciuti mentre lavoravano in Apple, anche se i dati relativi al loro passato in Apple sollevano qualche dubbio. Secondo quanto riferito, Bongiorno ha ricoperto il ruolo di direttore dell’ingegneria del software, dirigendo i progetti iOS e macOS. Chaudhri, invece, sostiene di aver partecipato alla creazione di iPod, iPhone, iPad, Apple Watch e vari modelli di Mac.

Nonostante quello che sembra essere un curriculum invidiabile, gli imprenditori non avrebbero lasciato Apple in buoni rapporti.. Cupertino non sarebbe contenta di essere legata a Humane, in particolare a Chaudhri, che si sarebbe preso “un eccessivo credito personale” per i risultati ottenuti dal lavoro di un gruppo più ampio di lavoratori.

LEGGI  Nothing Ear (Stick): il design più iconico, ora in forma cilindrica.

La verità è che i suddetti hanno tagliato i ponti con l’azienda Apple nel 2017 per iniziare un proprio percorso. Dalla sua creazione, Humane ha raccolto 230 milioni di dollari di capitale e ha ottenuto il sostegno di Sam Altman, il CEO di OpenAI.. L’azienda vanta anche un’alleanza strategica con Microsoft e collaborazioni con Volvo e LG, senza però fornire dettagli sulla portata delle partnership.

AI Pin, il indossabile che vuole cambiare il gioco

La prima dimostrazione dell’AI Pin risale ad aprile, come già detto. In quell’occasione, abbiamo potuto vedere come questa molletta potesse proiettare un’interfaccia grafica sul palmo della mano dell’utente.. In questo modo, ad esempio, era possibile rispondere a una telefonata utilizzando il palmo della mano come “schermo”.

Ma questa era solo una delle sorprendenti funzioni dimostrate da Humane sul palco. Il dispositivo fungerà anche da assistente personale e utilizzerà vari sensori e telecamere per svolgere diversi compiti. Dal riconoscimento di elementi nello spazio intorno all’utente, alla traduzione di frasi in tempo reale utilizzando una voce identica a quella dell’utente ma completamente generata dall’intelligenza artificiale.

Indossabili umani

Ciò che colpisce è che, a quanto pare, non richiede un telefono cellulare o di essere collegato ad altre apparecchiature per funzionare.. All’inizio di ottobre, Humane ha approfittato della settimana della moda di Parigi per presentare il gadget durante una sfilata di Coperni. Tuttavia, l’azienda non ha rivelato troppo sulle sue caratteristiche.

“L’AI Pin di Humane è un dispositivo indossabile intelligente sviluppato da zero per l’intelligenza artificiale. Progettato per essere integrato nel vostro stile personale e nella vostra gamma di abbigliamento, si integra perfettamente nella vostra vita quotidiana. Creato con la fiducia e la trasparenza al centro dell’esperienza, senza parole d’ordine e senza ascolto o registrazione continua, l’AI Pin riflette la nostra visione di costruire prodotti basati sui nostri valori di fiducia, verità e gioia. L’AI Pin, che non ha bisogno di essere abbinato a uno smartphone o a un altro dispositivo complementare, comprende un sistema di riconoscimento ottico alimentato dall’AI e un display a proiezione laser.”

Humane on X (Twitter).

La descrizione ufficiale di Humane è tutt’altro che chiarissima. Lo stesso vale per quanto pubblicato da Bethany Bongiorno, cofondatrice e CEO della startup. L’imprenditrice ha definito l’AI Pin come “un telefono, un computer contestuale e una piattaforma software”. che è stato sviluppato solo ed esclusivamente per sfruttare l’intelligenza artificiale.

LEGGI  MARVEL: questi robot magnetici sono in grado di scalare le pareti in pochi secondi

GPT, un gadget costoso e un abbonamento mensile?

Come per alimentare il hype di Humane e del suo AI Pin, la rivista TEMPO ha recentemente incluso il dispositivo nel suo elenco di “migliori invenzioni del 2023”.. La pubblicazione ha confermato che l’indossabile include una fotocamera, un microfono e altri sensori, anche se non ha specificato quali.

All’epoca si ipotizzò che potesse includere un sensore LiDAR e una fotocamera a tempo di volo (ToF), ma la notizia non è ancora stata confermata o smentita. Si parla invece dell’introduzione di luci che si accendono quando viene attivato uno dei metodi di input, per avvisare gli altri che potrebbero essere registrati.

Anche sul software AI Pin i dettagli sono scarsi. Secondo TIMEil wearable utilizza un’intelligenza artificiale che mescola componenti sviluppati dalla stessa Humane con la tecnologia GPT di OpenAI.. Tuttavia, non è noto quale versione dell’IA che alimenta ChatGPT sia presente nel dispositivo.

“Utilizzando una combinazione di software proprietario e GPT di OpenAI, il dispositivo consente di porre domande complesse, effettuare chiamate o inviare messaggi di testo, il tutto utilizzando solo la voce. Nel frattempo, una fotocamera integrata è in grado di identificare gli oggetti e fornire informazioni contestuali, come le stime delle calorie di un alimento. […] E se si ha bisogno di immagini, un piccolo proiettore le genera direttamente sul palmo aperto della mano”.

TIME, su Humane’s AI Pin.

Un recente rapporto di L’Informazione indica che l’AI Pin di Humane non sarà affatto economico. L’indossabile, che sarà alimentato da un processore Qualcomm Snapdragon, costerà circa 1.000 dollari. Ma la storia non finirebbe qui, in quanto sarebbe necessario pagare un abbonamento mensile per utilizzarlo. Il canone mensile corrisponderebbe al piano dati necessario al dispositivo per connettersi al cloud senza la necessità di abbinarlo a uno smartphone.

Inoltre, Humane stessa fungerebbe da operatore mobile virtuale e sarebbe responsabile della vendita di pacchetti di connettività agli utenti. Ci sono ancora molte domande a cui rispondere, ma è probabile che il 9 novembre avremo informazioni più precise su cosa sta facendo il primo gadget di questa eccentrica azienda.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *