LaLiga chiede di denunciare i dirigenti di Apple, Google e Huawei in Spagna per non aver bloccato l’app IPTV

LaLiga ha chiesto di convocare come indagati i dirigenti di Apple, Google e Huawei. top manager di Apple, Google e Huawei in Spagna con l’obiettivo di accusare le tre aziende di “reato di grave disobbedienza” per aver permesso agli utenti dei loro negozi di app di scaricare l’applicazione Newplayche permetteva di guardare le partite di calcio illegalmente.

L’organizzazione ha inoltre chiesto che le tre società siano accusate di aver “collaborato” con lo sviluppatore di Newplay. Essi sostengono, come dettagliato da LaLiga nei documenti del procedimento ottenuti da ElDiario.esche “l’indagato ha utilizzato il suo ‘semplice’ lettore video come strumento necessario ai suoi clienti per accedere ai servizi televisivi che offriva in cambio di un abbonamento o di pubblicità, in violazione dei diritti dei proprietari dei contenuti”.

Newplay, che non è più disponibile su App Store, Play Store o App Gallery (il negozio di applicazioni di Huawei), era un’applicazione con la quale gli utenti potevano evitare di pagare per la ritrasmissione dei contenuti distribuiti da LaLiga. Nello specifico, si trattava di una piattaforma IPTV (Internet Protocol TV). Essa consente di visualizzare su Internet i contenuti comunemente trasmessi in televisione.

Newplay, tuttavia, offriva lo streaming gratuito su Internet dei canali a pagamento che trasmettevano le partite de LaLiga. Allo stesso tempo, Google, Apple e Huawei ne hanno beneficiato attraverso la pubblicità e gli introiti pubblicitari. commissioni derivanti dalla versione a pagamento dell’app..

LaLiga è già riuscita a bandire Newplay dai negozi di applicazioni.

Film sul calcio per celebrare la Coppa del Mondo in Qatar

Il giudice istruttore a cui LaLiga ha chiesto di convocare i dirigenti di Apple, Google e Huawei in Spagna come indagati, infatti, ha chiesto a queste tre aziende nel 2022 di rimuovere Newplay dai rispettivi negozi di applicazioni.

LEGGI  Google presenta un Chromebook modulare che può essere aggiornato a piacimento

Le tre aziende tecnologiche hanno anche dovuto impedire agli utenti che avevano già scaricato l’applicazione di accedervi. Oltre a “cessare immediatamente il pagamento delle commissioni”. delle ingenti commissioni che Google, Huawei e Apple hanno ricevuto per la versione a pagamento di Newplay offerta ai loro utenti. Tuttavia, nessuno di loro ha rispettato questi due ultimi requisiti.

Da parte loro, NewPlay dichiara che la piattaforma è solo “un lettore multimediale come VLC o qualsiasi altro” e che non ha nulla a che fare con gli elenchi di contenuti de LaLiga che gli utenti distribuiscono attraverso di essa.

“Sono gli utenti che, attraverso metodi completamente estranei allo sviluppatore di Newplay, si procurano le playlist. Queste playlist vengono condivise dagli utenti nello stesso modo in cui il P2P veniva condiviso in passato. Così come gli utenti di eMule e di Torrent non potevano essere perseguiti, la stessa cosa sta accadendo ora. Quello che sta succedendo è che stanno cercando un capro espiatorio, che è il programmatore di Newplay”, ha detto.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *