È il miglior televisore nella sua fascia di prezzo?

L’acquisto di un televisore può diventare un vero incubo se si tiene conto della moltitudine di modelli presenti sul mercato, delle diverse dimensioni o della tecnologia dei pannelli, tra le altre caratteristiche. L’opzione più semplice è quella di optare per un modello Samsung o LG, ma ci sono altri produttori con proposte che possono essere molto interessanti e che includono anche caratteristiche simili alle aziende più tradizionali. Una di queste è TCL, l’azienda asiatica specializzata in prodotti multimediali, che ha in catalogo un televisore QLED molto interessante, che abbiamo potuto testare a Ipertestuale. Stiamo parlando del TCL 65C835appartenenti alla serie C83.

Questa Smart TV, Disponibile nei formati 55″, 65″ e 75″.si distingue in 3 aree chiave. Una di queste è la tecnologia dello schermo: un pannello QLED con retroilluminazione mini-LED che offre anche una risoluzione 4K e fino a 144 Hz. Il 65C835 di TCL si distingue anche per il sistema operativo: Google TV, oltre che per le diverse funzioni software. Il terzo punto per cui questo televisore si distingue è il suo sistema audio firmato Onkyo compatibile con Dolby Atmos. Infine, anche il prezzo è fondamentale. Il TCL 65C835 può essere acquistato a circa 1290 euro.un costo simile a quello di altri televisori con specifiche simili.

La domanda principale, quindi, è se queste tre caratteristiche chiave siano sufficienti per scegliere questo televisore rispetto ad altri con un prezzo simile e, inoltre, se queste caratteristiche – e soprattutto la qualità del pannello – siano all’altezza del prezzo.

Il pannello del TCL 65C835

Un’interessante caratteristica del pannello del TCL 65C835 è il retroilluminazione mini-LED che implementa. A differenza della retroilluminazione a LED convenzionale, questa offre un numero maggiore di diodi per area, poiché le dimensioni dei LED sono notevolmente inferiori. Maggiore è il numero di diodi per area, maggiore è la possibilità di controllare la retroilluminazione e quindi di ottenere neri più puri, avvicinandosi molto agli OLED da questo punto di vista.

Questo, ovviamente, si nota quando si riproducono contenuti sul televisore. Nelle scene più scure non si vede quel nero leggermente grigiastro. I neri sono puri in gran parte dell’area scura, ma non in tutta, perché il pannello mini-LED crea fasci di luce in quelle aree scure dove c’è del colore nelle vicinanze. A ciò si aggiungono l’eccellente nitidezza e il colori molto buoni se riusciamo a calibrarli correttamente attraverso le impostazioni del televisore..

TCL

Il livello massimo di luminosità di 1000 nitsaiuta il pannello a visualizzare bene anche in condizioni di luminosità e supporta la riproduzione di contenuti HDR. Il televisore di TCL ha anche un frequenza di aggiornamento fino a 144 Hz accompagnata da porte HDMI 2.1.. Caratteristiche che possono essere particolarmente utili per gli utenti che cercano un televisore non solo per guardare contenuti multimediali, ma anche per giocare.

LEGGI  Google presenta un Chromebook modulare che può essere aggiornato a piacimento

Per quanto riguarda il suono, il TCL 65C835 è dotato di un sistema di altoparlanti stereo di ONKYO e include un altoparlante dedicato ai bassi situato nella parte inferiore. Il suono è buono, anche se per ottenere il massimo è necessario avere un livello di volume considerevolmente alto.

Google TV o come TCL ha scommesso sul miglior sistema operativo per un televisore

Un’altra caratteristica fondamentale del TCL 65C835 è il suo sistema operativo. Il televisore, in particolare, viene fornito con Google TVun software progettato e personalizzato interamente dall’azienda di Mountain View, senza quasi nessuna modifica da parte di TCL. In effetti, abituato ai cellulari, al momento dell’installazione del TV mi aspettavo di trovare un processo di configurazione un po’ noioso da parte del produttore. È accaduto il contrario. Il processo è estremamente semplice; tutto ciò che serve è un account Google e una serie di passaggi. Tra queste, la scelta delle applicazioni più diffuse da installare sul televisore.

Di applicazioni, tra l’altro, non ne manca nessuna.. Google TV include tutte le piattaforme di streaming più diffuse, compresa Apple TV. È anche possibile utilizzare Google Assistant come assistente intelligente o, in alternativa, Alexa. Il TCL permette anche di trasmettere contenuti dall’iPhone o da qualsiasi altro dispositivo Apple tramite AirPlay e, naturalmente, da un Android tramite Chromecast.

In termini di funzionamento, anche l’interfaccia è molto semplice. Ha un menu principale con i punti salienti e un’area con le app installate in precedenza. L’accesso alle opzioni di configurazione, ecc. avviene tramite i pulsanti specifici di uno dei due pannelli. due telecomandi in dotazione al televisore..

LEGGI  Google cambierà il nome di Bard con uno più semplice
Controlli TCL 65C835

Sì, il TCL 65C835 include due controlli; uno per uso televisivo tradizionale -cioè la DTT integrata. L’altra è incentrata sul sistema operativo e sull’area multimediale.. Entrambi possono essere alternati, non ne esiste uno specifico per ogni funzione. Personalmente, ho toccato a malapena quello destinato al DVB-T, se non per verificare la possibilità di navigare su Google TV.

Il TCL 65C835 vale la pena?

Il TCL 65C835 è disponibile presso alcuni rivenditori, come MediaMarkt, al prezzo di 1289 euro nel caso di questo modello da 65 pollici. Si tratta, ripeto, di un costo simile a quello di altri TV QLED con retroilluminazione mini-LED e offre caratteristiche molto simili a questi.

Nel complesso, il TCL 65C835 è un ottimo televisore. Ha un design che non lascia indifferenti, un pannello con una buona qualità dell’immagine e un suono decente. Allora, Il punto in cui si distingue maggiormente dalla concorrenza è senza dubbio il sistema operativo. Google TV non solo offre una splendida interfaccia, ma permette di scaricare quasi tutte le applicazioni di streaming e dispone di una moltitudine di applicazioni aggiuntive per sfruttare alcune delle funzioni del televisore. L’interfaccia, d’altra parte, è incredibilmente ben adattata; non ci sono lag, né inutili app o servizi di terze parti. Le aggiunte di software di TCL, inoltre, sono della giusta entità. C’è solo l’app di TCL per controllare il TV a distanza e regolare alcune impostazioni dallo smartphone, poco altro.

Il TCL 65C835, quindi, può essere una buona opzione da prendere in considerazione se si è alla ricerca di un televisore di grandi dimensioni con un pannello ampio, un buon audio e, se oltre a tutto questo, è anche un requisito fondamentale avere un’interfaccia pulita e completa.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *