Dropbox condivide i tuoi file con OpenAI senza che tu te ne accorga

Dropbox è stata accusata di aver condiviso i dati degli utenti con OpenAI. L’azienda ha implementato una funzione guidata dall’intelligenza artificiale per trovare i file o ottenere informazioni, ma ha dimenticato di informare i suoi clienti. La mossa ha provocato il fastidio di diversi utenti, che accusano l’azienda di utilizzare i dati personali per addestrare i modelli OpenAI..

Secondo un rapporto di ArsTechnicaDropbox è al centro di una polemica dopo che è stato scoperto un’opzione che condivide informazioni con terze parti. Dropbox AI, una funzione in fase di test, invia i file ad altre aziende per l’analisi. Attualmente, OpenAI è l’unico partner autorizzato da Dropbox per questi compiti, anche se l’elenco potrebbe essere ampliato in futuro.

La mossa ha suscitato il disappunto degli utenti, in quantoLe funzioni di intelligenza artificiale sono abilitate per impostazione predefinita. sugli account degli utenti. L’azienda sostiene che l’intelligenza artificiale di Dropbox è offerta solo agli utenti che partecipano alla fase alfa, tuttavia un’analisi di il sito web di assistenza mostra che questa funzione è disponibile per tutti i clienti paganti nei paesi di lingua inglese..

Dropbox dichiara di “utilizzare solo partner tecnologici di terze parti autorizzati” e di assumersi la responsabilità del trattamento dei dati degli utenti. Dichiara inoltre che non consentirà a OpenAI (o a qualsiasi altra società) di addestrare i propri modelli sui dati degli utenti senza il loro consenso.

Il problema è che Dropbox ha attivato questa funzione sulla maggior parte dei suoi clienti senza comunicarglielo.Molti condividono quindi le loro informazioni personali senza saperlo. Solo il Canada, il Regno Unito e i Paesi dello Spazio economico europeo sono stati risparmiati, in quanto l’azienda avrebbe dovuto affrontare cause legali per violazione delle leggi sulla privacy.

LEGGI  Samsung collabora con Tesla e integra i suoi prodotti in SmartThings Energy

Come funziona l’intelligenza artificiale di Dropbox e quali dati vengono condivisi con OpenAI

Secondo la descrizione del sito web di assistenza, gli utenti possono affidarsi all’intelligenza artificiale di Dropbox per trovare rapidamente i propri file, riassumere i contenuti e altro ancora. Intelligenza artificiale è in grado di visualizzare in anteprima i file di testo, le foto e i video compatibili; è sufficiente fare clic su uno di essi e chiedere informazioni al chatbot. L’intelligenza artificiale di Dropbox è integrata anche nella ricerca, per cui è possibile porre domande nella barra di ricerca per trovare file specifici.

La nuova funzione supporta i documenti di Office, gli e-book, i PDF con testo selezionabile e i file di testo. file audio e video, compresa la voce. In quest’ultimo caso, l’intelligenza artificiale genererà una trascrizione per essere in grado di rispondere alle domande su di essi.

Dropbox AI

“Le funzioni di Dropbox utilizzano una combinazione di apprendimento automatico e intelligenza artificiale per generare contenuti utili e accurati”, si legge sul sito. “Alcune di esse utilizzano software di partner esterni che richiedono l’invio di dati attraverso LLM esterni e modelli di AI generativi per generare risposte”. I vostri file all’interno di Dropbox vengono inviati a un’intelligenza artificiale di terze parti. solo quando decidi di interagire con le funzioni AI”.

Karla Ortiz, una delle artiste che ha fatto causa a Midjourney e Stability AI, ha osservato. il pericolo di abilitare una funzione del genere per impostazione predefinita.

“Dropbox sostiene di non addestrare modelli senza consenso, ma ha accettato i suoi clienti automaticamente. Quindi, l’implicazione è che addestrano modelli con i vostri dati preziosi e segreti, a meno che non vi opponiate manualmente?

Molte persone che pagano per Dropbox sono aziende o professionisti che hanno lavori preziosi, informazioni e accordi di riservatezza. Questo significa che Dropbox ha appena dato a Open AI l’accesso a quelle informazioni? Dropbox sta addestrando modelli su quelle informazioni preziose?”.

Karla Ortiz

Dopo l’ondata di critiche, Dropbox è stata costretta a chiarire la sorte delle informazioni. In un sito web di domande frequentil’azienda afferma che i dati condivisi con OpenAI saranno cancellati dopo 30 giorni. Sottolinea inoltre che non saranno utilizzati per addestrare i propri modelli di intelligenza artificiale.l.

LEGGI  "Non con una pistola puntata alla testa": Elon Musk rivela il piano per rendere Twitter il nuovo WhatsApp

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *