D’ora in poi, i vostri dispositivi domestici intelligenti smetteranno di puzzare.

L’interoperabilità dei dispositivi per la casa intelligente è un vero disastro. Dalla compatibilità con i diversi ecosistemi al funzionamento con altri dispositivi, anche con quelli della stessa marca. È un pasticcio. Ecco perché le grandi aziende che si occupano di casa connessa stanno cercando di risolvere il problema da molto tempo. E la risposta è la Materia.

Vi abbiamo già parlato di Matter in diverse occasioni. È uno standard promosso dalla Connectivity Standards Alliance (CSA), di cui fanno parte aziende come Apple, Google, Amazon, Samsung, Philips, ecc. L’idea è che i dispositivi Matter siano compatibili tra loro e con i diversi ecosistemi, eliminando in un colpo solo i problemi attualmente esistenti.

Tuttavia, Matter non è stato esente da problemi e ritardi: sarebbe dovuto arrivare l’anno scorso, ma ha subito diversi ritardi. Ora, ufficialmente, la CSA ha annunciato che Matter 1.0, la prima specifica dello standard, è ora disponibile per l’implementazione da parte dei produttori. La conseguenza diretta è che, in futuro, i vostri dispositivi domestici intelligenti smetteranno di puzzare.

Tutti compatibili con tutti e, in mezzo, la Materia.

In altre parole, tutti i produttori che vogliono lanciare nuovi prodotti (o aggiornare quelli attuali) hanno a disposizione uno standard che renderà tutti i prodotti interoperabili, in grado di funzionare con tutti i marchi e le piattaforme con maggiore privacy, sicurezza e semplicità per i consumatori. Ciò significa che, d’ora in poi, se vedete la Materia, non importa se si utilizza Google, Apple o Alexa, funzionerà. E in modo trasparente.

In realtà, Apple include già menzioni e menu di sistema per Matter nella beta del suo sistema operativo, anche se la compatibilità non è ancora ufficiale. Tuttavia, Matter non è solo un modo semplice per collegare i dispositivi della casa intelligente, ma un insieme completo che mira a rivoluzionare l’ecosistema IoT.

LEGGI  Valetudo: controlla il tuo robot aspirapolvere senza collegarlo a Internet e senza mettere a rischio la tua privacy.

Wi-Fi e filo: due punti di forza di Matter

Secondo la CSA, più che una semplice specifica, lo standard Matter 1.0 comprende anche strumenti specifici per i produttori e, soprattutto, per le aziende, Le tecnologie di rete sottostanti a Matter che è il punto più importante: Wi-Fi e Thread.

Da un lato, l’integrazione Wi-Fi consente ai dispositivi Matter di interagire su una rete locale ad alta larghezza di banda e permette ai dispositivi smart home di comunicare con il cloud. Thread, invece, fornisce una rete a maglie ed è particolarmente efficiente in termini di efficienza e, soprattutto, di cinaffidabile per quanto riguarda il funzionamento.

Tuttavia, questi non sono gli unici sistemi di comunicazione e connessione implementati nello standard. Questa versione iniziale di Matter supporta Ethernet, Wi-Fi, Thread e utilizza il Bluetooth Low Energy per l’avvio del dispositivo.

I principali produttori passano a Matter

L’elenco iniziale dei tipi di dispositivi è un po’ più limitato: illuminazione e alimentazione (cioè luci e prese), controllori HVAC, tende e tapparelle, sensori di sicurezza e di protezione, serrature delle porte e dispositivi multimediali, compresi i televisori, oltre agli hub e alle loro applicazioni. Per il momento i video sono esclusi.

Ora resta da vedere chi rimarrà fuori. È molto probabile che molti dispositivi, soprattutto quelli economici, non vengano aggiornati a Matter e che alcuni produttori non vogliano adeguarsi allo standard. Per il momento, i grandi stanno puntando tutto su Matter.

Ikea, Apple, Aqara, Amazon? tutti faranno il salto

Google ha annunciato che tutti i suoi altoparlanti e display intelligenti Nest saranno aggiornati ai controller Matter, compresi Nest Hub Max, Nest Hub (seconda generazione) e i router Nest Wifi, che saranno router Thread. Signify ha anche confermato che il suo ponte (quello di Philips Hue) sarà aggiornato a Matter.

LEGGI  Elon Musk perdona diversi account Twitter sospesi

Amazon aggiornerà tutti gli Echo, Echo Dot, Echo Show, Echo Plus, Echo Flex ed Echo Studio per renderli compatibili con Matter, e quelli che verranno in futuro. Eve ha inoltre confermato che tutti i suoi dispositivi compatibili con Thread sono pronti per essere aggiornati a Matter.

Un altro grande attore della casa connessa, Xioami/Aqara, ha annunciato che Aqara fornirà il supporto Matter per i suoi prodotti esistenti basati su Zigbee via (OTA), anche se solo per gli hub più recenti come M2 e M1S.

L’aggiornamento del software esporrà anche i dispositivi secondari di Aqara a Matter, che li esporrà a Matter. consentono di collegarsi ad altri dispositivi di terze parti compatibili con Matter.. Ikea ha già pronto un hub compatibile con Matter che sarà lanciato nelle prossime settimane.

E l’elenco continua.

Tuttavia, non è molto chiaro cosa accadrà alla collezione di mozzi di diversi produttori. Al momento tutti indicano che aggiorneranno i loro hub attuali, ma non sembra esserci alcuna volontà da parte dell’utente di poter unificare i prodotti secondari senza l’hub del produttore, almeno quelli senza l’implementazione di Thread.

Si suppone che Matter voglia semplificare la casa connessa e sicuramente l’interoperabilità è più che garantita, ma tutto sommato Matter 1.0 evidenzia ancora il fatto che non saremo in grado di sbarazzarci presto della collezione di hub attualmente collegati al router.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *