Android 15 avrà una modalità di quarantena: ecco come porre fine al pericolo delle app dannose

Le potenziali caratteristiche di Android 15 continuano a trapelare man mano che il sistema operativo si avvicina. Il leaker Mishaal Rahman ha condotto un’analisi approfondita di una potenziale funzione di punta che verrebbe integrata in Google Play Protect. Si tratterebbe di un’opzione per mettere in quarantena le applicazioni con l’obiettivo di isolarle dal resto del software e prevenire azioni dannose.

Secondo la fonte, Google starebbe apportando modifiche alla radice di Android 15 per poter integrare la funzione di quarantena. Ciò migliorerebbe l’attuale Play Protect, offrendo un isolamento completo per le applicazioni con comportamento dannoso. Attualmente, il sistema ne consiglia la disinstallazione, , ma ora potrebbe fare un ulteriore passo avanti.

Con la modifica, Android prenderebbe decisioni importanti da solo. Per Rahman, consigliare l’eliminazione di un’app va bene, ma non è sufficiente se il sistema pensa davvero che stia facendo qualcosa di sbagliato. L’idea è quella di limitare il tempo che passa da quando l’applicazione inizia a comportarsi male a quando l’utente decide di eliminarla. Questo periodo di tempo verrebbe reso privo di problemi dall’opzione di quarantena..

Come funziona la quarantena delle app su Android 15

Tuttavia, il leaker ha confermato che questa opzione non funziona allo stesso modo degli antivirus per Windows. Android non è sviluppato nello stesso modo, quindi non è in grado di isolare un file completamente dal resto del sistema. Ciò che può fare è parlare con le relative API e evitare di collegarle alle parti più importanti del sistema operativo..

Quindi, nel caso in cui Android 15 dovesse offrire la funzione di quarantenaQuesta potrebbe funzionare isolando le app nel modo seguente:

  • Le notifiche dell’app isolata non verranno visualizzate.
  • Le azioni avviate vengono interrotte quando l’app entra in modalità quarantena.
  • Tutte le finestre, comprese le applicazioni recenti, verranno nascoste.
  • La possibilità di far squillare il dispositivo sarà bloccata.
  • Altre applicazioni non potranno accedere ai vostri servizi.
  • Non sarà più possibile accedere al sistema e ai collegamenti alle trasmissioni.
  • Non sarà possibile connettersi a nessuna rete dati o WiFi.
LEGGI  Max risolve la più grande lacuna di HBO: l'app Fire TV.

Tuttavia, l’applicazione continuerebbe a comparire nell’elenco generale con la sua solita icona. Il sistema avrebbe la possibilità di isolarla, ma non di nasconderla all’utente. Alla richiesta di avvio, Android segnalerebbe lo stato di quarantena e offrirebbe immediatamente l’opzione di eliminarlo, mantenerlo nello stesso stato o toglierlo dalla modalità di isolamento.

Questa situazione di quarantena è davvero interessante, poiché limiterebbe quasi tutte le azioni di un’applicazione con intenzioni dannose.. Molte di queste app iniziano a comportarsi male qualche tempo dopo il download, consentendo loro di sfuggire alla prima scansione di Play Protect e di scatenarsi.

Con la modalità di quarantena, quando viene rilevato anche il minimo movimento sospetto, il sistema operativo isola l’applicazione, impedendole di continuare a funzionare.. Con il metodo attuale, se l’utente ignora il messaggio di avviso, l’applicazione può continuare a fare il male senza alcuna barriera che glielo impedisca, per cui l’eventuale passività non influisce sulla sicurezza.

D’altra parte, questa quarantena dipende dal fatto che Play Protect rilevi correttamente gli utilizzi inappropriati delle app e sia abbastanza accorto da isolarle. Fortunatamente, secondo l’interfaccia filtrata, l’utente potrà inviare le applicazioni anche in questa modalità. per limitarne l’uso e verificare se è la causa dei problemi del dispositivo.

Tuttavia, la fonte citata non rivela quando vedremo attiva la funzione di quarantena.. Questa funzione è stata oggetto di discussioni nel codice del sistema operativo, quindi non è chiaro se sia finalmente un’opzione da prendere in considerazione per Android 15.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *