Come impedire a Meta di usare il vostro Instagram e Facebook per addestrare la sua AI

Meta, ex Facebook, ci ha abituati alle polemiche come l’utilizzo dei nostri dati senza autorizzazione, la proliferazione di contenuti sensibili o discutibili, la diffusione di bufale e, più di recente, il modo in cui addestra la sua intelligenza artificiale. Senza andare oltre, Meta AI, l’assistente di Meta basato sull’intelligenza artificiale, utilizza i messaggi degli utenti Instagram e Facebook per affinare il modo in cui trovano le informazioni, le elaborano e comunicano con noi. Il problema è che non ha chiesto il vostro permesso.

Questo è così in gran parte del mondodove le leggi sull’intelligenza artificiale sono assenti o molto permissive nel proteggere la privacy o i dati che i modelli di IA utilizzano per addestrarsi. E in Europa, sebbene norme sulla protezione dei dati sono molto esigenti e c’è un regolamento molto recente sull’IA, Meta ha iniziato a mettere in guardia i suoi utenti su come verrà utilizzata la loro IA delle sue pubblicazioni.

L’avviso è controverso, perché se non fate nulla, Meta può utilizzare i vostri contenuti di Facebook e Instagram per addestrare la sua intelligenza artificiale e funzioni come Meta AI o AI Creative Tools. Inoltre, nel caso in cui non siate d’accordo, il metodo per segnalare il vostro rifiuto è piuttosto particolare. In attesa che l’UE decida, o meno, di intervenire, questa è la situazione in cui vi troverete se vivete in un Paese europeo e utilizzate Facebook e/o Instagram.

Meta AI si allena con i post di Facebook e Instagram

Meta è informando i suoi milioni di utenti europei che, a partire dal 26 giugno, sta aggiornando la sua politica sulla privacy. In particolare, quella che riguarda l’utilizzo delle pubblicazioni, dei contenuti, delle fotografie e di altri dati e informazioni dell’utente che condividete con Facebook e Instagram. Al momento non dice nulla su WhatsApp. Se non avete ancora visto il messaggio, lo vedrete prima o poi sulla vostra app di Facebook o Instagram. O su entrambe.

LEGGI  OpenAI svela il Model Spec, le regole per definire il comportamento ideale delle IA

La parte che ha attirato l’attenzione di molti, che l’hanno denunciata su social network come Threads o Twitter, ora X, ha a che fare con il fatto che, per impostazione predefinita, Meta utilizzerà i contenuti e i dati pubblicati dai suoi utenti su Instagram e Facebook per addestrare la sua intelligenza artificiale. E così fare, ad esempio, che il suo assistente Meta AI per eseguire compiti più complessi o per essere più preciso nelle sue risposte. Meta ha definito tutto ciò “interessi legittimi”.

La cattiva notizia è che la decisione di utilizzare i vostri dati per la meta AI e altre “esperienze” viene presa da Meta autonomamente. La buona notizia è che, nel rispetto delle normative europee, riceverete un avviso al riguardo. E avrete a disposizione un modo per di opporsi a tale uso delle vostre pubblicazioni. Tuttavia, Meta è vago su cosa accadrà se decidete di comunicare la vostra opposizione. “Esamineremo le richieste di obiezione in conformità alle leggi sulla protezione dei dati. Se accettiamo la vostra domandasi applicherà da quel momento in poi”. In altre parole, dovete argomentare il vostro caso e Meta può rifiutare. Vedremo quale sarà la strada legale da percorrere. Ma, per il momento, le cose stanno così.

Quali applicazioni e contenuti sono interessati

Non tutte le applicazioni Meta sono interessate dall'addestramento di Meta AI.Non tutte le applicazioni Meta sono interessate dall'addestramento di Meta AI.

La grande domanda. Meta è un gigante che possiede Facebook, Instagram e WhatsApp. Quindi è naturale che quando fa qualcosa di sbagliato, temiamo il peggio. Cioè, l’aggiornamento della sua politica sulla privacy è un’altra cosa? riguarda tutte le applicazioni Meta applicazioni? Per quanto ne sappiamo, finora, riguarda solo Facebook e Instagram. WhatsApp è fuori. E anche Threads.

LEGGI  Google presenta un Chromebook modulare che può essere aggiornato a piacimento

Per quanto riguarda i dati interessati e che faranno parte dell’addestramento di Meta AI, AI Creative Tools e del modello di Meta AI, il modulo di opt-out specifica che “tra le informazioni che avete condiviso nei nostri prodotti e servizi sono le seguenti”: post, foto e didascalie e messaggi inviati all’AI. Sono esclusi “i contenuti dei vostri messaggi privati con amici e familiari.

Instagram e Facebook dispongono di un modulo per opporsi all'utilizzo dei propri dati da parte di Meta AI e simili.Instagram e Facebook dispongono di un modulo per opporsi all'utilizzo dei vostri dati da parte di Meta AI e simili.

Abbiamo detto che il metodo attivato da Meta è piuttosto discutibile. Si tratta di un modulo. Uno per Facebook e un altro per Instagram. È possibile compilare uno o entrambi i campi. A seconda che si disponga di un account su entrambi i social network o meno. Altrimenti, sono identici. In essi si deve indicare il Paese in cui si risiede, come ad esempio Spagna o Spagnail vostro indirizzo e-mail e le ragioni o gli argomenti per cui non volete che le vostre pubblicazioni siano utilizzate come fonte di informazione. addestrare l’intelligenza artificiale di Meta. E dimenticate l’assistente Meta AI. Per quest’ultimo, è possibile utilizzare due campi diversi.

Come ho già detto, Meta si riserva l’ultima parola. “Esamineremo le richieste di obiezione”, ma nulla impedisce loro di rifiutarle. Inoltre. “Potremmo continuare a trattare le informazioni che vi riguardano per sviluppare e migliorare l’IA di Meta”, anche se l’utente si oppone o non utilizza i nostri prodotti e servizi.“.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *