Come funziona l’Iron Dome di Israele?

Gli attacchi di Hamas contro Israele dalla Striscia di Gaza nel fine settimana hanno portato ancora una volta l’Iron Dome sotto i riflettori. Cupola di ferro. Il sistema, noto anche come Cupola di ferrofa parte del sistema di difesa antiaerea di Israele. Dalla sua implementazione nel 2011, è diventato un elemento essenziale per proteggere le città da vari tipi di minacce.

Le immagini più suggestive dell’Iron Dome in funzione provengono da intercettazione di razzi e mortai. Tuttavia, non si limitano a questo. Le sue batterie sono progettate per rispondere ad attacchi di artiglieria con proiettili da 155 millimetri, droni e altri veicoli aerei.

Il Cupola di ferro è stato sviluppato anche per contrastare gli attacchi di munizioni a guida di precisione. Si sostiene persino che sia in grado di “abbattere” i missili da crociera.

L’Iron Dome di Israele è considerato uno dei sistemi antiaerei di maggior successo al mondo, con un tasso di efficacia del 90%.. Tuttavia, gli eventi degli ultimi giorni, in cui sarebbero stati lanciati più di 3.000 razzi dalla Striscia di Gaza, hanno riaperto il dibattito su sulla sua vulnerabilità agli attacchi di massa o di saturazione..

Ecco come funziona l’Iron Dome di Israele.

L’idea di Israele di sviluppare un proprio sistema antiaereo è nata negli anni ’90 a causa dei ripetuti attacchi missilistici di Hezbollah dal Libano. Il progetto ha preso forma solo nella prima metà degli anni 2000, anche se solo dopo il conflitto armato del 2006 si è deciso di portare avanti l’iniziativa.

Nel 2007, il ministero della Difesa israeliano ha annunciato lo sviluppo di Iron Dome, con un finanziamento iniziale di 210 milioni di dollari. Gli Stati Uniti sono stati il principale finanziatore per la sua creazione, avendo stanziato circa 1,6 miliardi di dollari tra il 2011 e il 2021..

Il Cupola di ferro attualmente consiste in una dozzina di batterie antiaeree distribuite in tutto Israele. Ognuna di esse è dotata di un radar, un centro di controllo e un sistema di lancio.. Quest’ultimo consiste solitamente in tre o quattro lanciatori dotati di 20 missili ciascuno.

Rafael Advanced Defense Systems è stato il principale sviluppatore dell’Iron Dome, ma non l’unico. Anche Israel Aerospace Industries (IAI) ha collaborato con l’area Ricerca e Sviluppo delle Forze di Difesa israeliane.

Un elemento cruciale dell’Iron Dome è che le sue parti sono mobili. Possono quindi essere caricati su camion e trasportati dove sono più necessari. Per quanto riguarda il suo sistema di rilevamento e lancio, i dettagli specifici del suo funzionamento sono tenuti segreti.

Tuttavia, è noto che il Iron Dome è stato progettato per neutralizzare gli attacchi portati da 4 a 70 chilometri distanza. Inoltre, può funzionare 24 ore su 24 e in qualsiasi condizione atmosferica. Si stima che ogni batteria possa proteggere un’area di circa 150 chilometri quadrati. L’obiettivo principale del sistema è quello di proteggere le città israeliane dal possibile impatto di razzi, proiettili di artiglieria o qualsiasi altra minaccia che tenti di infiltrarsi attraverso le vie aeree.

LEGGI  Nuovo DJI Mic 2: il miglior microfono per i creatori di contenuti viene rinnovato
Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *