Come entrare in empatia con i robot? Secondo questi ricercatori, il contatto visivo è fondamentale

Il rapporto uomo-robot è mediato, irrimediabilmente, dalla consapevolezza del primo dell’artificialità del secondo. Pertanto, l’empatia non è un sentimento frequente quando ci leghiamo alle macchine. Questo vale anche per gli umanoidi: anche la somiglianza visiva non aiuta a raggiungere una maggiore vicinanza. Dovremmo sforzarci di migliorare il nostro rapporto con gli automi? Perché la complicità sarebbe un bene per noi?

I ricercatori dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) hanno intrapreso uno studio interessante e unico nel suo genere, in cui hanno esplorato come entrare in empatia con le macchine. A tal fine, sono stati condotti test in cui è stato chiesto agli esseri umani di condividere esperienze emotive con gli automi. Ad esempio, è stato chiesto loro di guardarsi negli occhi e di accompagnarsi l’un l’altro come in una gita al cinema, godendosi un film insieme.

Come spiegato dall’IIT in un comunicatoi risultati di questa ricerca aprono la strada a una migliore relazione tra esseri umani e robot. In questo senso, permettono di comprendere e progettare le circostanze ottimali per la collaborazione di entrambi nello stesso ambiente. L’obiettivo non è banale, in un mondo in cui le entità meccaniche acquistano sempre più importanza con la crescita delle loro capacità.

“L’intenzionalità è un fattore cruciale”, afferma un ricercatore che sta esplorando il rapporto tra esseri umani e robot.

rapporto tra uomo e robot
Agnieszka Wykowska con iCub Credit IIT

In dialogo con Ipertestualeil ricercatore dell’IIT, Agnieszka Wykowskaillustra i dettagli dello studio da lei condotto. Secondo lei, hanno utilizzato il robot iCubche ha un aspetto umanoide, anche se la sua interiora meccaniche sono in bella vista. Realizzato presso l’istituzione italiana in collaborazione con altre università europee, l’automa è stato sviluppato secondo la filosofia dell’open source e, in tal senso, è stato inteso come un tassello fondamentale per la ricerca nel settore.

Per migliorare il rapporto tra esseri umani e robot, hanno sottolineato l’importanza di coinvolgere le parti in “esperienze emotive comuni”. Perché è rilevante?

Alcuni partecipanti hanno interagito con un robot che si comportava come un essere umano. Questo includeva l’espressione di emozioni durante la visione di un film. Inoltre, hanno scambiato sguardi. Queste interazioni fanno parte di un 2022 studioin cui gli autori hanno dimostrato che l’intenzionalità attribuita dai partecipanti a iCub aumenta. Riteniamo che questo sia fondamentale per l’emergere di un senso di agency congiunta con il robot.

LEGGI  Android TV si aggiorna ad Android 14: quali sono le novità?

Ci spieghi cos’è l’agenzia congiunta con i robot?

La professoressa Agnieszka Wykowska dirige lunità Social Cognition in Human Robot Interaction dellIstituto Italiano di Tecnologia Credit IIT

“Agente intenzionale” significa che lo consideriamo come qualcuno dotato di stati mentali, come desideri, obiettivi, intenzioni, credenze o sentimenti. Durante i filmati, iCub si comportava “come se” capisse il contenuto e “come se” avesse reazioni emotive. In questo modo ha dato l’impressione di avere degli stati mentali. Pertanto, è stato percepito come un agente intenzionale.

Quali variabili l’hanno portata a esplorare il rapporto tra esseri umani e robot da questa prospettiva, e la popolarità di sistemi di intelligenza artificiale come ChatGPT e Gemini è stata una motivazione?

Questo lavoro è stato ispirato dall’osservazione che le persone sembrano sperimentare l’agency congiunta in modo abbastanza automatico con altri esseri umani. Al contrario, sembra essere meno automatico quando si interagisce con le macchine. Questo ci ha portato a chiederci quale possa essere la differenza tra esseri umani e robot. E se l’intenzionalità, che tendiamo ad associare automaticamente agli altri esseri umani, fosse l’ingrediente chiave. Pur essendo una strada interessante, non ci siamo concentrati direttamente sulle interazioni tra esseri umani e modelli di intelligenza artificiale, come ChatGPT.

Può dirci come avete progettato gli esperimenti per differenziare la percezione del robot come artefatto meccanico da quella di un agente intenzionale?

Come ho riferito, alcuni partecipanti sono stati esposti a un’interazione simile a quella umana con iCub, in cui hanno anche guardato dei film insieme. In questa situazione, il robot ha espresso emozioni simili a quelle umane, reagendo ai video. Questo ha aumentato la propensione a percepire iCub come un agente intenzionale. D’altra parte, i partecipanti alla condizione “robot meccanico” non sono stati esposti a queste interazioni e quindi lo hanno percepito più come un artefatto meccanico.

Quali sono le implicazioni pratiche di questo esame del rapporto uomo-robot?

I nostri risultati suggeriscono che se si vuole evocare un senso di agency congiunta – che è un meccanismo fondamentale per una collaborazione fluida ed efficiente – l’intenzionalità percepita del robot è probabilmente un fattore cruciale. Inoltre, ipotizziamo che l’aspetto umano di un sistema di IA incarnato, come un automa dall’aspetto umanoide, possa facilitare l’attribuzione di intenzionalità e la conseguente nascita di un’agenzia congiunta con la macchina. Tuttavia, poiché nel nostro studio abbiamo utilizzato solo il robot iCub e non altre macchine, non possiamo fare alcuna affermazione in merito.

LEGGI  Il robot da cucina di Lidl al prezzo più basso per il Black Friday

I prossimi passi della ricerca

rapporto uomo-robotrapporto tra uomo e robot
In studi futuri i ricercatori intendono esaminare le sfaccettature morali legate ai robot Credit IIT

Uma Navare è un membro del team guidato da Wykowska all’IIT. È stata incaricata di registrare le risposte neurali mediante l’elettroencefalogramma (EEG) per valutare le variabili nella relazione uomo-robot. “In questo studio, le misure comportamentali mostrano che i partecipanti hanno provato un senso di agency simile per le proprie azioni e per quelle del robot solo quando la macchina si è presentata come intenzionale”, afferma la ricercatrice.

“D’altra parte, le scoperte neurali suggeriscono che queste differenze comportamentali derivano dal modo in cui il cervello elabora le informazioni sensoriali“Nell’esperimento 1, in cui i partecipanti interagivano con il robot apparentemente meccanico, le risposte neurali erano maggiori per i risultati prodotti dai partecipanti stessi, rispetto a quelli prodotti dal robot. Al contrario, nell’esperimento 2, quando i partecipanti hanno interagito con il robot apparentemente intenzionale, abbiamo scoperto che le risposte neurali dei partecipanti agli output sensoriali prodotti da loro stessi e dal robot erano quasi identiche”.

Alla domanda su quali saranno i prossimi passi nell’esame del rapporto uomo-robot, il ricercatore dell’IIT conclude: “In futuro, abbiamo in programma di esaminare la relazione tra l’attribuzione di un’agenzia intenzionale e la moralità. Siamo interessati a rispondere a questa domanda: è possibile per noi percepire i robot come moralmente responsabili dei risultati delle azioni, anche se non sono percepiti come agenti intenzionali?

Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista Scienza Robotica.

Elaborazione .

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *