come continuare a guardare la TV e i nuovi canali

Il consumo di contenuti televisivi è cambiato molto negli ultimi anni. I televisori intelligenti hanno reso popolare l’accesso alla TV attraverso le applicazioni applicazioni ufficiali dei rispettivi canali televisivi. A ciò si aggiungono YouTube, gli OTT come Netflix, Prime Video o HBO Max, la pay TV (Movistar, Orange, Agile TV…), l’IPTV in chiaro e le piattaforme gratuite Pluto o Samsung TV Plus. Tutto ciò fa sì che il consumo di DTT perda seguito. Tuttavia, in Spagna ci sono più di 28,2 milioni di persone che ogni giorno accendono il televisore. Milioni di utenti che presto potranno godere del DTT in HD o DTT in alta definizione. Diciamo addio ai canali SD con la qualità d’immagine più bassa.

Il DTT è ancora il modo predefinito di guardare i contenuti di milioni di spettatori. E non ci hanno reso le cose facili. Sebbene sia stata lanciata nel 2000, solo nel 2005 si è iniziato a parlare di DTT, la televisione digitale terrestre. Televisione Digitale Terrestre. Stavamo passando dalla TV analogica in chiaro alla TV digitale. E ci venivano promessi più canali, più contenuti e una migliore qualità dell’immagine e del suono. Fino ad oggi, abbiamo assistito alla nascita, alla chiusura e all’apertura di canali canali televisivi. Abbiamo anche. Abbiamo dovuto risintonizzare i nostri televisori e adattare le nostre antenne a fare spazio al 5G.

Cosa significa DTT ad alta definizione

Bene. Anche se sembrava che tutto fosse già in ordine Molti di noi si sono accorti che qualcosa non andava con la DTT. I televisori guadagnavano centimetri e qualità dell’immagine. Oggi milioni di persone possiedono un televisore 4K. E i televisori HD sono già la maggioranza. È difficile trovare apparecchi più vecchi senza sintonizzatore DVB-T o che non supportino l’alta definizione. In questo contesto, quindi, è stato sorprendente che si vedesse ancora canali SD sul DTT. L’anno scorso, la metà dei canali era trasmessa in uno standard vecchio di 25 anni. Ma nel 2024 le cose cambieranno.

Sono state discusse diverse scadenze per che tutta la DTT sia in HDI nuovi programmi sono stati rinviati a causa della mancanza di interesse da parte dei gruppi mediatici pubblici, e soprattutto privati, di questo Paese. Anche la pandemia di COVID non ha aiutato. Ma finalmente abbiamo un giorno da segnare sul calendario. Mercoledì 14 febbraio 2024, tutta la DTT sarà trasmessa in HD o alta definizione.. I canali SD scompariranno dalla rete televisiva per conformarsi agli standard attuali. Come spiegato da il Boletín Oficial del Estado un anno fa.

L’eliminazione dei canali SD e la scelta dell’HD DTT ha molte implicazioni. Stiamo abbandonando il trasmissioni in qualità 576 e vedremo contenuti con una risoluzione di 720 o 1080 pixel. Non solo. RTVE, l’emittente pubblica spagnola, inizierà ad offrire trasmissioni in qualità 4K al pubblico dopo un lungo periodo di test. E, in futuro, questo apre la porta ad altri gruppi mediatici per iniziare a trasmettere in 4K. Ma cerchiamo di essere pazienti. Inoltre, la chiusura dei canali SD libera la banda a 26 GHz, necessaria per le trasmissioni in 4K. la piena diffusione del 5G in Europa.

LEGGI  Questo robot cucina le patatine fritte meglio di un essere umano
Photocall TV

Tutte le DTT sono obbligate a effettuare il passaggio al digitale terrestre

In pratica, nelle ultime settimane e mesi si sono susseguiti annunci e cambiamenti nella rete televisiva. Il canali televisivi locali e regionali sono stati i primi ad abbandonare la qualità standard. Ad esempio, 3Cat (Catalogna), ha iniziato a trasmettere sul DTT esclusivamente in alta definizione il 16 gennaio.

Altri hanno annunciato che lo faranno prima o poi. La maggior parte di loro il 12 febbraio: EITB (Paesi Baschi), Canal Sur (Andalusia) o TV Aragona, tra cui molti altri. Gli ultimi ad annunciare questo cambiamento sono stati il gruppo Mediaset Españache già trasmette in HD Telecinco, Cuatro y Sii pazzoma che trasmette su canali SD come FDF, Boing, Divinity y Energia. Da parte sua, è probabile che Atresmedia farà l’annuncio a breve.

Come prepararsi alla DTT in HD

Ora che conosciamo i vantaggi della trasmissione DTT solo in HD, è il momento di esaminare gli aspetti negativi. Ogni cambiamento comporta effetti collaterali. Un aspetto che non dovrebbe interessare la stragrande maggioranza della popolazione, ma che potrebbe riguardare anche voi. Il requisito principale per guardare il DTT in HD è che il televisore sia dotato di un sistema integrato per la trasmissione di immagini. sintonizzatore DVB-T compatibile con quella risoluzione.

Avete il vostro televisore ha più di dieci anni? Allora potrebbe essere necessario cambiare il televisore. Tuttavia, già nel 2008 era possibile acquistare televisori compatibili con l’HDTV. Se lo avete acquistato nel 2013, è certo che il televisore è compatibile. E supporta persino lo standard DVB-T2. Avete acquistato il televisore negli ultimi dieci anni? Allora non c’è nulla di cui preoccuparsi. Se non sapete se il vostro televisore è compatibile, eseguire una risintonizzazione in questo momento.

Che dire del antenna individuale o comunitaria? In linea di massima, se già oggi si riceve un segnale sufficiente per vedere i canali DTT HD, significa che l’antenna funziona già correttamente. In caso contrario, “potrebbe essere necessario regolare l’antenna per ottimizzare la ricezione ricezione del segnale. Nel caso di un condominio, potrebbe essere necessario installare moduli aggiuntivi o aggiornare quelli esistenti, quindi l’associazione dei proprietari di casa dovrebbe contattare un installatore autorizzato”.

Il sintonizzatore DVB-T, compatibile con l’HD

Se al momento non guardate nessun canale TV HD, avete due possibilità. È possibile passare a un altro dispositivo o acquistare un sintonizzatore esterno. per il digitale terrestre HD. Se il vostro televisore ha più di cinque anni, lo avete già pagato. E se ci sono modelli molto costosi, ce ne sono anche di molto economici. Assicuratevi solo che sia compatibile con il DVB-T per l’HD. E già che ci siete, assicuratevi che sia anche compatibile con il DVB-T2. Così sarete pronti per il futuro.

Per guardare il DTT ad alta definizione, i televisori devono essere dotati di un sintonizzatore HD compatibile con la tecnologia DVB-T2. standard DVB-T compatibile con il codec H.264/MPEG-4 AVC. Finora, per la visione DVB-T a definizione standard è stato utilizzato lo standard DVB-T con codec MPEG-2. In alcuni media si parla di standard DVB-T2, che non è supportato da tutti i televisori attuali. Tuttavia, per il momento, si continuerà a utilizzare lo standard precedente per coprire il praticamente tutti i televisori televisori attuali.

LEGGI  Xiaomi Watch S3 è ufficiale: eSIM, sensore di pressione sanguigna e design innovativo
TCL 65C835TCL 65C835

Risintonizzare i canali, sì o no?

Da questo momento in poi, se il televisore è dotato di un sintonizzatore HD integrato e l’antenna funziona correttamente, è necessario modificare le impostazioni? Se siete già sintonizzati sui canali HDTV, non dovete cambiare nulla. Attualmente coesistono canali SD e HD. Alcuni di essi mostrano il nominativo corrispondente. Anche se è possibile controllare da soli la qualità guardando l’indicatore del proprio televisore nelle informazioni sui canali.

Per quanto riguarda i canali SD attuali, passeranno automaticamente all’HD ma dalla stessa frequenza. Quindi non sarà necessario risintonizzarli. Ma nulla vieta di risintonizzare il 14 febbraio per essere sicuri. A proposito, se avete dubbi sui canali DTT trasmessi e su come trovarli, questa pagina del governo spagnolo può aiutarvi con il sintonizzazione dei canali e altri argomenti correlati.

L’unica eccezione è il Clan TVE. Con il passaggio all’HD, cambierà anche il multiplex, per cui potreste doverlo cercare di nuovo per vederlo correttamente. E, a partire dal 6 febbraio, potrebbe essere necessario risintonizzarsi per trovarlo. La 1 UHDil canale RTVE in qualità 4K, cioè con risoluzione 2160p. Attualmente può essere sintonizzato in quasi tutta la Spagna, con trasmissioni di prova. E dal 6 febbraio trasmetterà una programmazione simile a quella del canale principale di RTVE, ma con la stessa qualità del canale principale di RTVE, ma con la stessa risoluzione del canale principale di RTVE. con una risoluzione molto più alta. Ideale per eventi sportivi, film, serie e documentari, ma anche per ogni tipo di contenuto.

E per quanto riguarda l’IPTV e le piattaforme?

Il passaggio dalla DTT all’alta definizione e la chiusura dei canali SD riguarda solo le trasmissioni DTT, cioè tramite antenna TV. Sono esclusi da questa transizione i canali canali IPTV che trasmettono via Internet. Sia dai siti web ufficiali o dalle applicazioni di ciascun gruppo mediatico, sia attraverso piattaforme a pagamento come Movistar Plus+, Vodafone TV, Orange TV, Agile TV o Tivify.

Nel caso dei canali IPTV, molti stanno già trasmettendo con un HD o di qualità similequindi è meglio guardare questi canali in questo modo piuttosto che sulla DTT. Con il passaggio alla DTT ad alta definizione, la qualità sarebbe equivalente. D’altra parte, le piattaforme in chiaro o a pagamento che trasmettono canali televisivi, non sono obbligate a di offrire tutti i loro contenuti in HD. Dipenderà quindi dalle singole emittenti e dai loro accordi con ciascun provider.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *