Che fine ha fatto iGBA, l’emulatore di Game Boy per iPhone che ha resistito 48 ore sull’App Store?

L’emulatore iGBA non è più disponibile sull’App Store. Dopo un paio di giorni pieni di gioia e centinaia di migliaia di download, Apple ha deciso di porre fine alle buone notizie. La storia è iniziata lo scorso fine settimana, quando la prima applicazione di emulazione per Game Boy Advance è ufficialmente arrivata nel negozio dell’azienda.

Questo emulatore di Game Boy è arrivato sull’App Store in seguito a un cambiamento nelle politiche di revisione delle applicazioni: da poco più di una settimana fa gli sviluppatori possono caricare applicazioni che emulano le console retrò. Purtroppo, la gioia è durata poco. Circa 48 ore, infatti.

Al momento l’applicazione non può più essere scaricata. È sparita dai TOP, le ricerche non restituiscono risultati validi e il sito web link diretto conferma che è stato eliminato dal negozio.

Il motivo? Apple ha commentato che cancella iGBA per aver violato le sue politiche di revisione 4.3 e 5.2.che si riferiscono rispettivamente allo spam e al copyright. La cosa buffa è che i problemi di copyright non sono legati ai giochi che possono essere emulati. o un reclamo da parte di Nintendo.

iGBA è una copia non autorizzata di un altro emulatore.

L’euforia per giocare a Zelda o Pokémon su iPhone ha messo in ombra una realtà di cui pochi si sono resi conto: l’app è una copia. Ieri, sul social network Threads, il creatore di GBA4iOS, un emulatore per Game Boy Advance pubblicato al di fuori dell’App Storesi è lamentato della palese copiatura della sua applicazione e della sua pubblicazione nel negozio ufficiale con il nome di iGBA.

LEGGI  Il Chicago Tribune e altri giornali citano in giudizio OpenAI e Microsoft per violazione del copyright

È qui che entra in gioco il punto 5.2 dell’App Store sul copyright. Apple non la rimuove perché è un problema di Nintendo, ma perché iGBA è una palese copia di un’altra applicazione. “Non ho dato a nessuno il permesso di farlo, ma ora è in cima alle classifiche”, ha dichiarato Testut, lo sviluppatore di GBA4iOS.

Assicuratevi che la vostra applicazione includa solo contenuti creati da voi o di cui avete la licenza d’uso. L’applicazione potrebbe essere rimossa se ha oltrepassato il limite e ha utilizzato contenuti senza autorizzazione. Naturalmente, questo significa anche che l’applicazione di qualcun altro può essere rimossa se ha “preso in prestito” dal vostro lavoro.

Estratto dalla Sezione 5.2 sul Copyright dell’App Store

Sfortunatamente, l’emulatore che ha inondato i social media di foto e video era una copia illegittima, cosa che di solito non interessa molto agli utenti, ma che Apple prende molto sul serio.

Collegamento iGBA non funzionante
Messaggio dopo aver provato a scaricare iGBA da un link diretto

Altri emulatori in arrivo

Fortunatamente per tutti, la rimozione dell’emulatore non è dovuta a un problema di copyright con la grande Nintendo, ma a un problema minore. relativo solo all’iGBACosa significa questo? Che le app di emulazione hanno ancora un posto nell’App Store e prima o poi saranno disponibili nuove opzioni.

Il divieto di utilizzare applicazioni di questo tipo è stato revocato poco più di una settimana fa, quindi molto probabilmente gli sviluppatori sono già al lavoro per portare il loro codice sull’App Store. È solo questione di tempo prima che un buon emulatore GBA sia disponibile per l’iPhone senza il timore di scomparire.

Ora, se avete scaricato iGBA prima della sua scomparsa, potete ancora godervelo. Apple l’ha rimosso dal suo negozio di applicazioni, ma non ne ha limitato l’uso sugli iPhone che lo avevano precedentemente scaricato.

LEGGI  Ecco come Logitech sta progettando il desktop del futuro.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *