Cosa dice la legge su questa tecnologia?

Il Fornitori di VPN abbondano su Internet. Le loro applicazioni sono diventate molto popolari per godere contenuti provenienti da altri Paesi non disponibili nel luogo in cui si risiede normalmente. Anche per utilizzare servizi bloccati in un luogo che si sta visitando, per svago o per lavoro. E infine, per proteggere la connessione se si accede alla rete da luoghi pubblici. Ma nonostante la sua popolarità, c’è chi mette in dubbio la sua legalità. In sostanza, per il modo in cui funziona: consentendo di accedere a Internet utilizzando un server come intermediario, situato in un’altra parte del mondo. Quindi, le VPN sono legali?

Innanzitutto, per rispondere a questa domanda, dobbiamo tenere presente che ogni territorio ha e applica la propria legislazione. A livello statale, come in Spagna, o a livello sovrastatale, come nell’Unione Europea. Ciò implica che ogni Paese o regione applica determinate leggi che possono essere simili o, al contrario, molto diverse e persino antagoniste rispetto alle regole a cui siamo abituati. Questo è un aspetto importante, in quanto potreste avere mano libera per utilizzare le VPN, che sono legali nel vostro Paese, ma potreste trovarvi in una situazione in cui non siete in grado di utilizzarle. in viaggio o in soggiorno temporaneo in un territorio in cui le VPN sono illegali.

Quindi, per evitare spiacevoli sorpreseè utile sapere in quali Paesi l’uso delle VPN è legale e in quali no. Questo indipendentemente dal Paese in cui si trovano i server VPN a cui si accede. Ciò che conta, in questo caso, è la posizione di riferimento per scoprire se una VPN è legale. Ovvero, la vostra posizione fisica. Dove vi trovate.

In quali Paesi le VPN non sono legali

Il buone notizie è che quasi tutti i paesi del mondo consentono l’uso delle VPN. Questo include gli Stati Uniti, il Canada, la maggior parte dell’Europa e l’America Latina. Ma esiste un elenco di Paesi o territori in cui le VPN sono legali, , ma con delle eccezioni. Questo include gli Stati Uniti, insieme a Francia e Regno Unito. Ma anche Cina e Russia. E, infine, c’è un terzo gruppo di Paesi in cui le VPN non sono consentite. Paesi come Corea del Nord, Bielorussia, Oman, Iraq o Turkmenistan. Vale la pena di tenerlo a mente se vi recate in questi luoghi.

LEGGI  Dal telelavoro al sonno in ufficio: il nuovo incubo lavorativo di Twitter

L’elenco dei Paesi in cui le VPN sono legali è molto lungo. Ma è utile conoscere i Paesi in cui Le VPN sono legali, ma con caratteri piccoli. In altre parole, sì, ma non in alcuni casi. Se ci si reca in Paesi come la Cina, la Russia, la Turchia, gli Emirati Arabi Uniti, l’India, l’Iran, l’Egitto e l’Uganda, essi decidono quali VPN sono legali e quali no. In questi Paesi, come Cinaè importante impiegare una VPN che offra caratteristiche che mascherare l’uso della VPN. Un buon esempio è NordVPN.

A RussiaAd esempio, dal 2019 sono consentite solo le VPN autorizzate. A tal fine, devono registrare i dati degli utenti e fornirli alle autorità su richiesta. Per questo motivo il fornitore di VPN NordVPN non ha più server in Russia. Invece, in Turchia il suo uso è limitato. Come in Venezuela. Anche in Emirati Arabi Uniti o Egitto, dove utilizzare una VPN per commettere un’attività illegale può comportare ulteriori multe o la reclusione. Ciò include contenuti antigovernativi o Applicazioni VoIP come WhatsApp o FaceTime.

Perché una VPN può essere illegale

Abbiamo già visto che ci sono paesi e/o governi che diffidano dell’uso libero e aperto di Internet. Di conseguenza pongono limitazioni ai servizi VPN. Per renderli illegali o per renderli legali, ma soggetti a determinate regole. Il motivo principale per cui le VPN sono o non sono legali è che impediscono ai Paesi con tendenze autoritarie di di controllare quali contenuti e opinioni vengono diffusi sui social media o su altre piattaforme. In particolare, contenuti politici. Per questo motivo esistono media o, direttamente, applicazioni che non funzionano in questi Paesi. Una VPN consente aggirare queste limitazioni. In modo da poter essere informati quando si viaggia anche se, ufficialmente, non è possibile accedere a determinate pubblicazioni.

La seconda ragione principale per limitare l’accesso a una VPN ha a che fare con la attività illecite, illegali o discutibili che l’utente può svolgere attraverso quella VPN. Ad esempio, scaricare contenuti protetti da copyright o accedere a una piattaforma di streaming non disponibile nel proprio Paese. Sapendo questo in anticipo, l’onere è a carico dell’utente, quindi è consigliabile sapere cosa dice la legge ovunque ci si trovi prima di connettersi a Internet tramite VPN.

LEGGI  Il MoMA presenta la prima opera d'arte generata dall'intelligenza artificiale
Nei Paesi in cui le VPN non sono legali, è consigliabile utilizzare un provider che garantisca la vostra sicurezza.
<span class=image credit><span class=credit label wrapper>Credito<span> <a href=httpsnordvpncomesfeaturesnext generation encryption>NordVPN<a><span>

A Spagna o Messicoper esempio, è possibile utilizzare senza problemi i servizi VPN. Tuttavia, è necessario essere consapevoli della legislazione vigente. Un’attività illegale è comunque illegale, anche se viene svolta attraverso una VPN legale. D’altra parte, paesi come Stati Uniti, Francia o Regno Unitoimpedire l’uso di VPN per l’accesso a contenuti censurati o vietati. Negli Stati Uniti, inoltre, sono molto zelanti nei confronti della copyright di contenuti audiovisivi.

Come scegliere una VPN sicura

Una volta chiarito se il vostro fornitore di VPN è legale nel vostro paese o nel territorio in cui intendete recarvi, e lo stesso vale per il attività che andrete a svolgere Il passo successivo consiste nel considerare il tipo di VPN di cui si ha bisogno per tali attività. Ad esempio, i fornitori di VPN come NordVPN facilita l’accesso a internet da Paesi con blocchi e censure come Cina, Russia o Emirati Arabi Uniti.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *