Carlo Ancelotti e una macchina vincente chiamata Real Madrid: eguaglia Di Stefano

Le Merengues stanno volando in un inizio di stagione mai visto prima in quasi 60 anni e che rende molto chiari i passi da seguire per entrare nella storia. Carlo Ancelotti eguaglia il Real Madrid di Alfredo Di Stefano e può battere ogni record il 9 ottobre.

© Getty ImagesCarlo Ancelotti, Alfredo Di Stefano e il Real Madrid.

“Continuiamo a lottare, a soffrire e a vincere”.Il messaggio della squadra sui social media dopo quella che è stata l’ottava vittoria consecutiva in otto partite finora disputate. Carlo Ancelotti Carlo Ancelotti sta volando, il suo Real Madrid sta volando e le Merengues stanno eguagliando i record di quasi 60 anni fa che appartenevano a un certo Alfredo Di Stefano. Possono rompere tutto in poche settimane.

Alcuni criticheranno il loro gioco, la loro forma e persino il mercato dei trasferimenti, ma i Los Blancos continuano a battere chiunque incroci il loro cammino. Eintracht, Almeria, Celta, Espanyol, Betis, Celtic, Maiorca e RB Lipsia, i club che dal 2018 non sono riusciti a scalfire nemmeno un punto dal Real Madrid più vincente (Liga, Champions League e due Supercoppe), oltre a un allenatore che fa la storia quasi quotidianamente.

“Volevamo giocare per vincere e la vigilanza difensiva era molto importante. Per questo non abbiamo spinto troppo a centrocampo, ma quando le energie sono calate abbiamo spinto di più e abbiamo meritato la vittoria.Alcune delle parole pronunciate ieri sera dal tattico alla guida di un Real Madrid che continua a battere record.

Con la vittoria di ieri, Carlo Ancelotti ha ottenuto la centesima vittoria in Champions League. Un totale impressionante, secondo solo ai 102 di Sir Alex Ferguson. L’italiano, condannato a continuare a farsi conoscere in un torneo dove nessun allenatore ha sollevato più Orejonas. Il tempo ci dirà fino a che punto, ma questo Real Madrid vanta record che si avvicinano ad alcune delle pagine più dorate della sua storia.

Alla pari con Di Stefano

Per trovare una squadra Whites che abbia iniziato la stagione con otto vittorie bisogna tornare indietro alle stagioni 1968-1969 e 1961-1968, dove un certo Alfredo Di Stefano ha condotto una delle camere più impressionanti mai viste al Bernabéu. Né le squadre di Butragueño, Raúl, i Galacticos o quelli di Cristiano Ronaldo si sono avvicinati a quanto fatto da Carletto e dai suoi uomini.

Ma resta una sfida: superare le undici vittorie consecutive del Real Madrid (68-69). La tabella di marcia è più che chiara e Se Carlo Ancelotti vincerà nel derby, contro l’Osasuna, lo Shakhtar e in trasferta a Getafe, avrà realizzato il miglior inizio di stagione nei 120 anni di storia delle Merengues.

LEGGI  Ufficiale: Antony è il nuovo giocatore del Manchester United, il secondo acquisto più costoso della storia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.