Bad Bunny arrabbiato con i fan dopo che la canzone di AI è diventata più virale del suo album

Bad Bunny non è contento che una canzone che imita la sua voce tramite l’intelligenza artificiale sia diventata più virale del suo album; Nessuno sa cosa succederà domani. Cantante portoricano ha espresso la sua insoddisfazione attraverso il suo canale WhatsApp con la canzone che è diventata popolare su TikTok e nella quale vengono imitate anche le voci di artisti come Justin Bieber e Daddy Yankee.

La cantante si è scagliata contro i fan che stanno rendendo popolare la canzone la canzone generato da AI attraverso il suo canale WhatsApp, che conta già più di 19 milioni di iscritti. Bad Bunny ha chiesto ai suoi fan di “se vi piace quella canzone di merda che sta diventando virale su tiktok, uscite dal gruppo”, e che non li vuole nemmeno in tour. “È per questo che ho fatto il nuovo album, per sbarazzarmi di gente del genere”.

Infatti, Nessuno lo sail primo brano tratto dal nuovo album di Bad Bunny, rivela che si tratta di un album dedicato ai suoi “veri fan”.. In esso si possono ascoltare versi come “ehi, la gente deve smetterla di essere così stupida e pensare di conoscere la vita delle celebrità”, “è così che i miei veri fan sono felici” o “non eri un mio vero fan, ecco perché ti ho lanciato il mio cellulare, quelli veri, li amerò sempre”.

Nostalgiala canzone creata dall’AI che ha fatto arrabbiare Bad Bunny

La canzone che è diventata virale su TikTok si intitola Nostalgiaed è stato creato con l’AI da un utente chiamato FlussoGPTche ha generato anche altre canzoni che sono diventate popolari sul social network cinese.

La canzone di Bad Bunny, tuttavia, non è l’unica ad essere diventata virale su TikTok. Un brano di Drake e The Weeknd generato dall’AI è diventato uno dei brani più virali della piattaforma. Persino i Grammy avrebbero preso in considerazione l’idea di inserirlo tra i brani candidabili in alcune categorie, dal momento che la canzone è stata effettivamente scritta da un essere umano. Alla fine, però, secondo quanto riportato, è stata rifiutata.

Questo, naturalmente, è un problema per gli artisti, che non ricevono alcun compenso o royalty per l’uso della loro voce attraverso l’IA.e che ritengono che gli stiano sottraendo il suo lavoro. La canzone virale di Bad Bunny generata dall’IA, lo ribadiamo, sembra essere diventata più virale di qualsiasi altro brano dell’artista.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

LEGGI  Microsoft presenta Copilot+ PC: i suoi computer progettati per l'AI
Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *