Ascoltare musica sarà più costoso: Spotify aumenterà i prezzi, così come Apple Music e YouTube.

L’aumento dei prezzi si fa sentire anche sulle piattaforme di streaming, e Spotify potrebbe essere il prossimo. Dopo la presentazione dei risultati trimestrali, la società ha confermato che prevede di di aumentare il prezzo della quota per tutto il 2023.come hanno già fatto Apple Music e YouTube.

Daniel Ek, amministratore delegato di Spotify, ha spiegato nel dettaglio alla Wall Street Journal che non prevede che il futuro aumento dei prezzi comporti una diminuzione del numero di abbonati.. L’azienda sostiene che mentre negli Stati Uniti il piano premium individuale è rimasto a 9,99 dollari al mese dal 2011, in altri mercati il prezzo è aumentato e non ha comportato una perdita di clienti. Il fatto che non sia l’unica piattaforma ad aumentare i prezzi potrebbe anche significare che i suoi già 195 milioni di utenti paganti (in crescita del 13% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno) manterranno il loro abbonamento.

Tuttavia, non è noto, quanto potrebbero aumentare i piani di Spotify. Il piano più popolare, il piano Premium Single, costa attualmente 9,99 euro al mese. La piattaforma prevede anche altri piani, come il piano Duo a 12,99 euro al mese, il piano Famiglia a 15,99 euro al mese e l’offerta studenti a 4,99 euro al mese.

Spotify segue le orme di Apple Music e YouTube

I prezzi di Spotify sono molto simili a quelli precedentemente inclusi in Apple Music. Pertanto, nei prossimi mesi potremmo assistere ad un aumento simile a quello effettuato dall’azienda di Cupertino. In questo caso, il piano individuale costerà ora 10,99 euro al mese (1 euro in più); il piano studenti, 5,99 euro al mese; e il piano famiglia, 16,99 euro al mese. Apple Music ha anche un piano voce a 4,99 euro al mese.

LEGGI  OpenAI afferma che è "impossibile" creare un'intelligenza artificiale senza violare il copyright

Il motivo del futuro aumento dei prezzi di Spotify, inoltre, sembra essere legato anche all’aumento del prezzo delle licenze.. Daniel Ek, tuttavia, ha assicurato che cercherà di raggiungere un accordo reciprocamente vantaggioso con le aziende.

YouTube, da parte sua, ha anche aumentato il prezzo dell’abbonamento premium in alcuni Paesi. Questo cambiamento inizierà ad essere applicato a partire dal 21 novembre, laddove, ad esempio, negli Stati Uniti, il piano individuale passerà da 17,99 a 22,99 dollari al mese. (e 29,99 euro al mese se l’abbonamento viene effettuato tramite un dispositivo Apple). In Argentina, invece, l’aumento sarà da 179 a 699 pesos al mese.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *