ARM ha un piano per dominare l’auto autonoma e ha appena compiuto un passo fondamentale per raggiungerlo.

ARM sta accelerando il passo con l’auto autonoma e intelligente. L’azienda britannica ha annunciato questa settimana il lancio di una serie di tecnologie per questi casi, tra cui strumenti per software software e la virtualizzazione, nonché una nuova gamma di hardware progettato specificamente per queste esigenze.

Tra le nuove funzionalità vi sono un trio di nuovi nuclei con il cognome AE alla fine del loro nome, che significa automobilistico migliorato e si traduce in inglese come ottimizzato per le automobili. Questi acronimi, introdotti da ARM nel 2018 con l’introduzione del Cortex-A76AE, sono utilizzati per designare i progetti incentrati su veicoli connessi, intelligenti o autonomi.

Tre nuovi core per le auto autonome

Il più ambizioso dei tre nuovi core è l’ARM Neoverse V3AE. Si tratta di una variante del chip Neoverse V3 che l’azienda ha introdotto all’inizio del 2024 per rispondere alle richieste dei server cloud y bordo -un mercato in cui ARM sta diventando sempre più importante. Questa versione AE, secondo ARM, permette a chi la implementa di avere una propria capacità di elaborazione del server per qualsiasi compito legato all’intelligenza artificiale, alla guida autonoma o all’assistenza alla guida.

Braccio

L’azienda britannica ha anche presentato il Cortex-A720AE e Cortex-A520AE. Questi si basano su Cortex-A720 e Cortex-A520, due noti core presenti nei chip dei telefoni cellulari come il Qualcomm Snapdragon 8 Gen 3. Il Cortex-A720AE offre prestazioni leggermente superiori, mentre il Cortex-A520AE offre un consumo energetico inferiore.

D’altra parte, ARM ha introdotto il Cortex-R82AE un processore in tempo reale – e il Mali-C720AEun ISP configurabile per elaborare qualsiasi segnale di immagine proveniente dalle telecamere o dai sensori dell’auto.

LEGGI  Elon Musk porterà internet satellitare Starlink nella Striscia di Gaza

ARM vuole essere la chiave dell’auto autonoma

Tutti questi elementi possono essere combinati in modi diversi per ottenere SoC ad alte prestazioni che soddisfino le esigenze delle aziende automobilistiche. È inoltre importante chiarire che ARM non produce questi processori. L’azienda crea i progetti e, una volta completato il lavoro, altre aziende li realizzano. È una dinamica simile a quella della telefonia mobile. ARM progetta i core Cortex e, successivamente, aziende come Samsung o Qualcomm li implementano nei SoC che arrivano sul mercato.

Oltre a questi tre nuovi core, ARM ha annunciato un’intera gamma di software e sistemi di virtualizzazione che facilitano il lavoro dell’intera filiera. partner e cerca anche di accelerare i tempi di immissione sul mercato delle nuove tecnologie.

Interni del SUV Mercedes EQSInterni del SUV Mercedes EQS

Tra i marchi che utilizzeranno questi sviluppi di ARM figurano Marvell, MediaTek, NVIDIA, NXP, Renesas, Telechips e Texas Instruments, ha dichiarato l’azienda in un comunicato.

Considerando la grande trasformazione che l’industria automobilistica sta subendo – e subirà, non sorprende che ARM stia accelerando in questo settore e cerchi di diventare il partner privilegiato per tutte le aziende del settore.. Un obiettivo che ha ancora più senso se si considera che il mercato della telefonia mobile – la gallina dalle uova d’oro dell’ultimo decennio – sta crescendo a fatica – e in alcuni casi addirittura diminuendo – a causa dell’elevata maturità raggiunta dal mercato.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *