Apple si affida a OpenAI per l’intelligenza artificiale di iOS 18. Non è un’idea così buona come si potrebbe pensare

iOS 18la prossima versione del sistema operativo dell’iPhone, avrà capacità di intelligenza artificiale nonostante gli sforzi insufficienti di Apple per sviluppare modelli proprietari in grado di competere con OpenAI e il suo ChatGPT, oltre che con Google e Gemini. Come ribadito da Mark Gurman (di Bloomberg), l’azienda di Cupertino collaborerà con la società di Sam Altman per includere il popolare chatbot e potenziare alcune funzioni con l’intelligenza artificiale. Ma è davvero una buona idea?

Apple, in particolare, ha in programma di combinare alcune funzioni di intelligenza artificiale locale (che funzionano sia sul dispositivo che nel cloud) in iOS 18. L’azienda, infatti, come spiega Gurman, ha deciso di aggiungere un’intelligenza artificiale locale ad altre funzioni. L’azienda, infatti, come spiega Gurman nei dettagli ha fatto progressi nello sviluppo di funzioni di IA in aree come l’editing delle immagini., suggerimenti di applicazioni o funzioni di completamento automatico in applicazioni come Calendar. Ma queste non sembrano offrire nulla di diverso rispetto all’IA generativa che Google include nei suoi servizi – attraverso Gemini Pro – o che Adobe integra nei suoi programmi di editing.

Il piano di Apple, ora, è di combinare la propria intelligenza artificiale in iOS 18 con quella di OpenAI per offrire ai propri utenti qualcosa di diverso e poter così competere con produttori come Google o Samsung, che integrano anch’essi funzioni AI nei propri smartphone. Si tratta, ovviamente, di una strategia a breve termine, qualcosa che serve a mettersi in gioco e a non rimanere indietro in termini di sviluppo di prodotti di IA. E, in realtà, ha i suoi vantaggi.

LEGGI  Copilot Pro di Microsoft: come provarlo gratuitamente

Combinare la propria IA con quella di OpenAI consentirebbe all’azienda di lanciare funzioni quali un chatbot alimentato dall’intelligenza artificiale molto più avanzato di qualsiasi altro che l’azienda stessa potrebbe sviluppare autonomamente, almeno nel breve periodo. Ciò è particolarmente vero se si considerano le difficoltà di Apple nell’addestramento di un’intelligenza artificiale, poiché non dispone di un proprio motore di ricerca per alimentare il modello. Inoltre, Apple non subirebbe alcun danno nel caso in cui l’IA fallisse, poiché non è un prodotto del suo stesso sviluppo.

L’affidamento di Apple a OpenAI presenta notevoli svantaggi

Tim Cook con il logo Apple alle spalle

Questo, però, non permetterebbe ad Apple di essere un forte concorrente dell’IA. contro OpenAI o Google; si limiterebbe a soddisfare la domanda degli utenti. Per non parlare degli altri inconvenienti che l’azienda di Cupertino dovrebbe affrontare in seguito alla partnership con la società di Sam Altman.

Uno di questi è la libertà con cui Apple può lanciare funzioni AI (e farle progredire) in iOS 18 e nelle future versioni dei suoi sistemi operativi. L’azienda dovrà attenersi alla tabella di marcia di OpenAI, oltre che ai termini e alle condizioni della società di AI. In altre parole, Apple perderebbe il controllo di un elemento che sarà fondamentale nel medio termine.

Un chiaro esempio è quello di quando l’azienda californiana ha rinunciato a Intel per optare per i propri processori per il Mac, permettendole non solo di migliorare notevolmente l’apparecchiatura, ma anche di avere la libertà di lanciare un modello quando l’azienda lo ritiene necessario.

Apple potrebbe anche incontrare delle difficoltà nell’affidarsi a OpenAI. Queste includono, l’enfasi sulla privacy degli utenti e sul fatto che l’azienda raccoglie pochissimi dati dagli utenti, con poche eccezioni. In un modo o nell’altro dovrà condividere le informazioni con OpenAI. Inoltre, sviluppare un modello linguistico simile a GPT o Gemini preservando la privacy degli utenti è quasi impossibile, considerando che questo è praticamente l’unico modo per addestrare qualsiasi modello.

LEGGI  Queste estensioni di Google Chrome violano la vostra privacy

D’altra parte, l’azienda non ha attualmente la capacità di addestrare i propri modelli.. I loro servizi attuali potrebbero non essere sufficienti a questo scopo. Non dispongono di un motore di ricerca per alimentare le informazioni di un proprio modello di IA, né di una piattaforma video per addestrare modelli che potrebbero fungere da alternativa a Sora o ad altre IA che generano video.

L’IA sarà al centro dell’attenzione in iOS 18

iOS 18iOS 18

In ogni caso, come spiega Gurman, gli annunci di Apple sull’IA in iOS 18 non saranno così impressionanti come quelli di OpenAI o Google. E molte funzioni passeranno addirittura inosservate agli utenti. Infatti, il suddetto giornalista sostiene che, internamente, Apple teme che i suoi clienti scelgano semplicemente di non usarle.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *