Amazon vuole farvi dormire bene con Halo Rise, il suo monitor del sonno compatibile con Alexa.

In occasione del consueto evento annuale dedicato all’hardware, Amazon ha presentato il Halo Riseil suo primo monitor del sonno. Il suo scopo, ovviamente, è quello di aiutarvi a dormire meglio. Il dispositivo integra una lampada, un piccolo altoparlante e diversi sensori. in grado di analizzare il sonno e di fornire informazioni precise.

Secondo Amazon, Halo Rise è dotato di sensori con un consumo energetico minimo. Inoltre, si basa sull’apprendimento automatico per identificare gli schemi durante il sonno. Ad esempio, il respiro o i movimenti durante la notte. L’azienda spiega che la sua tecnologia è stata formata per facilitare la polisonnografia notturna, che in parole povere è lo studio del sonno e aiuta a diagnosticare eventuali disturbi del sonno.

Amazon ha fatto di tutto per rendere l’Halo Rise il più automatico possibile. Non appena ci si corica a letto, il dispositivo inizia a funzionare senza bisogno di attivarlo o accenderlo: non utilizza batterie, ma si collega direttamente alla rete elettrica. Al risveglio, sarà possibile accedere a un riepilogo della propria attività con tutti i tipi di informazioni.che include un grafico che mostra il tempo trascorso in ogni fase del sonno, insieme a un punteggio del sonno e a informazioni sull’ambiente in cui si dorme”, aggiungono.

Cosa si intende per “ambiente di sonno”? Amazon è consapevole che anche le condizioni circostanti influenzano la qualità del sonno. Per questo motivo, Halo Rise analizza la temperatura, l’umidità e i livelli di luce durante la notte.. Sulla base di queste informazioni, l’app Amazon Halo può essere utilizzata per fornire consigli sull’illuminazione per ottimizzare l’ambiente della stanza.

Halo Rise si integra con Alexa

Evidentemente, Halo Rise sarà… Compatibile con Alexa. Tuttavia, l’assistente non è integrato direttamente al suo interno, quindi è necessario affidarsi a un dispositivo secondario, come Amazon Echo, per ottenere vari dati. È possibile chiedere informazioni sul sonno della notte precedente o di svegliarsi con una determinata canzone.

LEGGI  Google sta lavorando a un'intelligenza artificiale per aiutarvi a capire la calligrafia del vostro medico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *