Amazon si lancia alla conquista di DALL-E e Midjourney con la propria IA generatrice di immagini

Amazon è l’ultima azienda a salire sul carro dell’intelligenza artificiale, in grado di generare immagini a partire da una descrizione testuale. Nell’ambito della conferenza AWS re:Invent, l’azienda ha presentato Generatore di immagini Titan. Si tratta di uno strumento che promette di creare immagini “realistiche” e di “qualità da studio”.

Ma non illudetevi di poterlo provare subito. A differenza di soluzioni come DALL-E o Midjourney di OpenAI, Titan Image Generator non è stato sviluppato come applicazione accessibile a tutti via web. Si tratta di una piattaforma per sviluppatori che sarà disponibile attraverso Amazon Bedrock.

“Amazon Titan Image Generator aiuta i clienti di settori come la pubblicità, l’e-commerce, i media e l’intrattenimento a produrre immagini realistiche e di qualità da studio o a migliorare le immagini esistenti utilizzando spunti in linguaggio naturale, per un’ideazione e un’iterazione rapide su grandi volumi di immagini e a basso costo”. dice l’azienda sul suo blog.

Un elemento interessante di questa nuova intelligenza artificiale è che può generare un’immagine attraverso un comando di testo. Ma non si ferma qui. Una volta creato l’oggetto principale, è possibile continuare a modificare il materiale senza alterare la creazione originale.

Durante la conferenza AWS è stato mostrato l’esempio di un’iguana generata artificialmente su uno sfondo piatto e colorato. Successivamente, è stato chiesto all’intelligenza artificiale di rimuovere lo sfondo e sostituirlo con una foresta.. Inoltre, è possibile caricare una foto e chiedere a Titan Image Generator di generare un certo numero di varianti, di scalare la foto ad altre dimensioni o di rimuovere o aggiungere dettagli in parti isolate.

Titan Image Generator, la nuova intelligenza artificiale generativa di Amazon

Immagine di un’iguana generata con Titan Image Generator.

A il sito web dell’AWS si dice che Titan Image Generator è ancora in versione preliminare e che, almeno per ora, i comandi testuali per la generazione di immagini devono essere in inglese. Per il momento non è noto se Amazon abbia intenzione di dotare la sua intelligenza artificiale della capacità di comprendere i comandi in inglese. suggerimenti in altre lingue.

LEGGI  Cosa succederà ai clienti di Orange e MásMóvil dopo la fusione?

L’aspetto interessante di questa nuova proposta è che, non trattandosi di un’applicazione o di un sito web liberamente accessibile, ma di un modello di intelligenza artificiale, Amazon è alla ricerca di sviluppatori che lo utilizzino. per creare i propri generatori di immagini basate sul testo.. L’azienda indica infatti che, oltre alle informazioni utilizzate per addestrare l’IA, i programmatori potranno utilizzare i propri set di dati personalizzati.

Inoltre, Amazon ha deciso che tutte le immagini generate con il Generatore di immagini Titan incorporeranno una filigrana invisibile per impostazione predefinita. L’azienda ha scelto di non fornire troppi dettagli in merito. Ha solo detto che le informazioni non saranno integrate nei metadati del file e che sarà impossibile cancellarle o modificarle.

La società di Andy Jassy intende evitare che questo strumento venga utilizzato per fare disinformazione con immagini false o alterate. Per il momento, il sistema di rilevamento dei watermark sarà collegato a un’API di Amazon, ma non è noto se sia possibile utilizzare strumenti di terze parti per scoprire se un file è stato creato con l’intelligenza artificiale.

Inoltre, l’azienda dichiara che Titan Image Generator include salvaguardie per impedire il suo utilizzo per scopi tossici o distorti.. Tuttavia, la sua efficacia sarà sicuramente testata quando gli sviluppatori saranno in grado di giocare con questa nuova piattaforma di IA generativa.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *