Adobe presenta Project Stardust, un’intelligenza artificiale in grado di modificare e aggiungere oggetti alle foto

Nell’ambito dell’evento MAX, Adobe ha presentato una serie di progetti basati sull’intelligenza artificiale per facilitare il lavoro creativo. Tra i più importanti ci sono Il progetto Stardust, un motore di editing per il riconoscimento degli oggetti. che utilizza l’intelligenza artificiale per modificare le fotografie. Sebbene il progetto sia nelle prime fasi di sviluppo, i risultati sono sorprendenti.

Project Stardust consente di selezionare e modificare vari elementi nelle foto. Quando si apre un’immagine, lo strumento separa automaticamente gli oggetticome se fossero organizzati in livelli. L’utente può selezionarli con un clic per modificarli o eliminarli senza lasciare traccia.

La demo mostra una barra degli strumenti che si attiva quando viene selezionato un oggetto e che include opzioni come Invertire la selezione, Capovolgere, Riordinare o Cancellare. Inoltre, gli utenti possono generare oggetti tramite testo (come ChatGPT). e Project Stardust li aggiungerà in un’area definita dell’immagine. L’intelligenza artificiale regolerà automaticamente l’oggetto per integrarlo in modo naturale.

Un’altra interessante aggiunta è la possibilità di eliminare gli elementi di sfondo nelle foto.. Il pulsante Rimuovere i distrattori rimuove automaticamente gli oggetti indesiderati, come i turisti che si intrufolano nell’ultimo viaggio. Il motore di riconoscimento è in grado di separarli, anche se esiste la possibilità di affinare la selezione con un pennello.

Video YouTube

“Project Stardust è un nuovo potente editor di riconoscimento degli oggetti che rivoluziona l’editing delle immagini e sposta o rimuove magicamente gli oggetti semplicemente facendo clic su di essi”. Con Project Stardust, gli utenti possono facilmente selezionare, modificare e rimuovere elementi complessi in qualsiasi immagine, consentendo loro di selezionare le persone in una fotografia, spostarle in un punto diverso della composizione e riempire lo sfondo dove si trovavano in precedenza. Gli utenti possono anche cambiare elementi come il colore dei vestiti di una persona e la posizione in cui si trova, trattando qualsiasi immagine come un file a strati”.

Adobe

Infine, la demo di Adobe ha rivelato che è possibile intercambiare elementi esistenti utilizzando l’IA generativa.. È sufficiente selezionarlo, descrivere in linguaggio naturale l’oggetto con cui si intende sostituirlo e premere il pulsante “Genera”. Project Stardust regolerà le dimensioni e la rotazione in base alla posizione dell’originale nella foto.

Sebbene Project Stardust sia ancora in fase iniziale, in futuro la tecnologia potrebbe essere integrata in prodotti come Adobe Photoshop.

Adobe vuole integrare l’intelligenza artificiale in tutti i suoi prodotti.

Progetto Stardust Adobe

Adobe non vuole rimanere indietro nella corsa all’intelligenza artificiale e ha integrato questa tecnologia nella sua suite di prodotti. Oltre a Project Stardust, sono stati mostrati altri prototipi di strumenti che potrebbero entrare nelle applicazioni della Creative Suite. Nel campo della fotografia, Project See Through è in grado di eliminare i riflessi nelle immagini. cattura dietro il vetro.

Il progetto Dub Dub può tradurre una registrazione o una traccia audio in un’altra lingua.semplificando il processo di doppiaggio. Premendo un pulsante, lo strumento genera una traccia e la adatta automaticamente al dialogo. Il tutto preservando la voce dell’oratore originale.

Per quanto riguarda il design, Adobe ha annunciato Project Neo, un’intelligenza artificiale che incorpora forme 3D in progetti 2D. senza la necessità di aprire Blender o altri strumenti. Sebbene questo strumento non generi modelli complessi con milioni di poligoni, è in grado di svolgere compiti semplici come infografiche, poster o loghi.

Tutti i progetti fanno parte di Sneaks, una serie di progetti di prototipi sviluppati dagli ingegneri Adobe per mostrare la portata della tecnologia e la sua possibile applicazione nella futura suite di prodotti. L’azienda ha reso disponibili alcuni dei suoi esperimenti all’indirizzo il sito web di Firefly per consentire agli utenti di testare e fornire feedback.

LEGGI  Android 15 per i telefoni Xiaomi: 22 modelli confermati ufficialmente
Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *