Adam Neumann, il volto visibile che ha lasciato WeWork

WeWork ha recentemente presentato istanza di fallimento. Con un un debito di un miliardo di dollari. Qualcosa di impensabile fino a pochi anni fa, quando era un gigante e aveva più di 700 uffici in 39 Paesi. Creato 13 anni fa da Adam Neumannquesta startup voleva rivoluzionare il noleggio di uffici attraverso il coworking. La sua aura di modernità in stile Silicon Valley ha attirato gli investitori. Ma poi è arrivata la pandemia. E la telelavoro. E il sogno di Neumann è diventato un gigante indebitato che, per il momento, continuerà a operare in attesa di un acquirente.

L’ascesa fulminea di WeWork ha portato persino alla creazione di una serie per Apple TV+, WeCrashed. Il titolo indica già la direzione giusta. Anche se non era complicato profetizzare un finale così disastroso se si tiene conto di ciò che la serie mostra, una possibile caduta all’inferno già nel 2019. Quell’anno, il fondatore e CEO Adam Neumann abbandonò la nave. La sua creatura era cresciuta enormemente grazie al suo capacità di vendere il suo prodotto. Ma i suoi investitori si erano resi conto che Neumann non era stato del tutto onesto con loro.

Tuttavia, Adam Neumann è riuscito a uscirne indenne alla ricerca di nuove opportunità commerciali. La sua azienda, WeWork, sarebbe andata avanti, anche se a rilento. Il miraggio era svanito e i soldi non arrivavano più come un tempo. Era solo questione di tempo prima che i debiti si facessero sentire. Unitamente al cambiamento delle tendenze e alla non redditività dell’attività di WeWork. Il gigante dell’ufficio è caduto. Ma che direcosa ne è stato di Adam Neumann?

Il giovane imprenditore e il suo sogno americano

Adam Neumann è nato in Israele. Il 25 aprile 1979. Al momento in cui scriviamo, ha 44 anni. Dopo aver trascorso cinque anni come ufficiale della Marina israeliana, dall’età di 18 anni, si è recato negli Stati Uniti nel 2001. Lì vivrà a New York con la sorella Adi. E nel 2002 ha iniziato gli studi presso la Baruch College. Come spiega in diverse interviste, voleva divertirsi e guadagnare molto denaro negli Stati Uniti. Poi ha incontrato la sua futura moglie, Rebekah Neumann. E abbandonò la scuola.

Salto temporale. 2010, New York. WeWork apre il suo primo spazio di coworkingi suoi primi uffici per le startup che hanno bisogno di un posto dove lavorare prima di decollare e avere un proprio edificio per uffici. Affitto uffici. Niente di nuovo sotto il sole. Ma Neumann ha un successo tale da diventare uno dei maggiori proprietari di uffici a New York, Londra e in oltre 20 città del mondo. La chiave del suo successo, avvolgendo il suo prodotto immobiliare sotto una un’aura di modernità e tecnologia associata all’imprenditorialità.. Per questo gli investitori si sono subito interessati a quella che sarebbe stata la prossima Google, Uber o Airbnb.

LEGGI  ChatGPT insegue Google: fissata la data di lancio del proprio motore di ricerca.

Ma prima di arrivare a questo punto, Neumann si è cimentato in diverse attività. Come un’azienda di abbigliamento per bambini, Krawlers. Con essa è riuscito a guadagnare 2 milioni di dollari. Ma ha anche perso 3 milioni lungo la strada. O Scrivania verdeun’attività di ufficio condiviso basata sulla sostenibilità. Da questa idea, naturalmente, nasce l’idea di istituire WeWork. Un’idea che non sarebbe stata possibile se Neumann non avesse conosciuto Michael McKelvey attraverso un amico comune, che condivideva l’appartamento con Neumann ed era un collega di McKelvey, che allora lavorava in un piccolo studio di architettura a Brooklyn.

Adam Neumann e il suo periodo in WeWork

Adam Neumann, fondatore di WeWork

Scrivania verde ha iniziato la sua attività nel maggio 2008 con un primo spazio. Un intero piano di un edificio a New York. L’idea è di creare 15 piccoli spazi di lavoro per startup e imprenditori che hanno bisogno di un posto dove iniziare il loro percorso verso il successo. Un anno dopo, nel 2009, McKelvey e Neumann hanno venduto la loro quota di Green Desk al proprietario dell’edificio e socio della startup. Con le lezioni apprese da questa prima impresa insieme, nel 2010 lanceranno WeWork.

Saltiamo dal 2010 al 2019. Dopo nove anni come CEO e cofondatore, Adam Neumann lascia WeWork. Il motivo è che, di fronte alla imminente IPO dell’allora gigante degli uffici di coworking, le informazioni fornite agli investitori mostrano che non tutto era così attraente e finanziariamente sostenibile. Anche se si tratta di un gigante con uffici in tutto il mondo e valutato milioni di dollari, anche le perdite sono valutate in milioni. Questo si aggiunge alle pratiche riprovevoli di Neumannassumere membri della famiglia in posizioni importanti senza alcuna esperienza in merito. O l’acquisto e l’affitto di edifici della sua stessa azienda. O facendo pagare il proprio avviamento per aver utilizzato il suo nome commerciale, WeWork, che aveva registrato a proprio nome. Per un importo di quasi 6 miliardi di dollari.

Quando sono state scoperte tutte queste attività, l’IPO ha dovuto essere rinviata. Sarebbe stato un evento che avrebbe portato miliardi di dollari. Inoltre, Neumann dovette lasciare la propria azienda. Un’uscita forzata per per cercare di far galleggiare WeWork. Già pulita dalle macchie e dalle attività scoperte quell’anno. Tuttavia, la sua valutazione era scesa da 47 a 8 miliardi di dollari. L’IPO non fu possibile fino a due anni dopo, nel 2021.

Che ne è stato di Neumann dopo WeWork?

Adam Neumann, fondatore di WeWork, vive oggi nella Marina Bal Harbour di Miami.

Notizie pubblicate nel New York Post 13 novembre 2023. Nel titolo si legge che il fondatore di WeWork Adam Neumann ha una una nuova lussuosa casa a Miami mentre l’azienda è in bancarotta. Non tutto ciò che è accaduto dopo il fallimento di Neumann nel settembre 2009 cessa di essere l’amministratore delegato di WeWork rimarrà un bel ricordo. Ma Neumann ha ottenuto risultati migliori di quanto potesse immaginare dopo la sua partenza forzata.

LEGGI  Tutto quello che sappiamo sull'iPhone 16: design, caratteristiche, prezzo, data di uscita e altro ancora.

A 44 anni, Adam Neumann vive con la moglie Rebekah e i loro sei figli. E si trova a stretto contatto con personaggi del calibro di Ivanka Trump e Jared Kushner. I vantaggi di vivere in un posto così lussuoso come Bal Harbour Marinaa Miami. E di avere una fortuna di 1,7 miliardi di dollari. Grazie a tutto questo, Neumann può essere visto spesso su uno skateboard.

Al di là della sua vita privata, Neumann acquistò due proprietà nel 2021 per un valore di 44 milioni di dollari. Un acquisto fuori mercato da un investitore locale, Joseph Imbesi. L’acquisto consisteva in due lotti da 50.000 piedi quadrati. Circa 4.700 metri quadrati. Lì Neumann ha fatto costruire la sua attuale villa con vista sul mare.

L’acquisto è stato possibile perché, dopo aver lasciato WeWork, Adam Neumann ha ricevuto 1,7 miliardi di dollari da SoftBankuno dei maggiori investitori dell’azienda. Ma non è tutto. Questo risarcimento per l’uscita precipitosa di WeWork è andato oltre. Per tutto il 2021, Il Wall Street Journal ha riferito di altri pagamenti che SoftBank ha effettuato a Neumann a titolo di buonuscita. Gli importi variavano da tra i 130 milioni di dollari e gli oltre 200 milioni di dollari.. Ha anche ricevuto azioni di WeWork valutata 245 milioni di dollari.

L’ennesima startup di Adam Neumann

Flow è la nuova startup di Adam Neumann, fondatore di WeWork.

Sebbene il fondatore di WeWork Adam Neumann abbia un una villa da sogno e una ricchezza di di 1,7 miliardi di dollari, uno come Adam Neumann non può stare fermo. Per questo motivo, da quando ha lasciato la sua azienda, e dopo successive buonuscite milionarie, Neumann si è nuovamente impegnato con la settore immobiliare. Questa volta creando una startup chiamata Flusso. Fondato ufficialmente nel 2022, è una società immobiliare residenziale.

Anche se in apparenza non offre nulla di nuovo, ha ricevuto un investimento di 350 milioni di dollari da parte della società di venture capital Andreessen Horowitz. Questa azienda, inoltre, ha valutato Flow a 1 miliardo di dollari. Non ha ancora iniziato a fare nulla. Al momento ha sei edifici di appartamenti in Florida e in Tennessee.

Resta da vedere cosa ne sarà di Adam Neumann nei prossimi mesi e anni. Le sue dichiarazioni controverse e i suoi aneddoti bizzarri in passato lo hanno reso un personaggio pubblico che ha fatto parlare di sé. Allo stesso tempo, però, ha attirato gli investitori in passato e continua a farlo oggi.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *