Un robot in grado di sentire gli odori è ora una realtà

Per quanto un robot sia in grado di percepire l’ambiente circostante con telecamere, microfoni, altoparlanti, sensori tattili e di movimento, non saprà mai cosa significhi passare davanti a una pizzeria e sentire il morbido odore del fast food che ci seduce. O almeno così pensavamo. Recentemente, un gruppo di scienziati sono riusciti a replicare il sistema olfattivo degli esseri viventi nei robot. utilizzando antenne di insetti e intelligenza artificiale.

Il progetto è stato guidato da Neta Shvil, dottoranda, insieme al dottor Ben Maoz della Fleischman School of Engineering e ai professori Yossi Yovel e Amir Ayali della School of Zoology. Tutti con sede presso il Scuola di Neuroscienze Sagol dell’Università di Tel Aviv..

Pubblicato in Notizie sulle neuroscienzelo studio spiega come l’olfatto degli esseri viventi sia stato replicato in un robot. Finora, è la tecnologia più avanzata in grado di rilevare gli odori.che supera di 10.000 volte le prestazioni di altri prodotti tecnologici specializzati in questo settore.

Per il suo funzionamento è stata sviluppata una piattaforma “bioibrida”. Vale a dire, utilizza sensori biologici direttamente collegati a sistemi elettronici. In questo modo, insieme ad algoritmi di intelligenza artificiale, hanno sviluppato questo robot in grado di rilevare gli odori in un modo che nessun altro dispositivo è stato in grado di fare finora.

Il robot che si basa sull’intelligenza artificiale e sulla biologia per annusare il mondo circostante.

Come funziona il sistema bioibrido di questo robot? Secondo lo studio, Sono state utilizzate antenne estratte da una locusta del deserto. Queste parti biologiche sono state poi collegate a sistemi elettronici in grado di misurare la quantità di segnale elettrico prodotto dalle antenne quando rilevano un odore.

Robot a intelligenza artificiale

Dare al robot la capacità di caratterizzare gli odori in base al loro segnale di uscita, il dispositivo elettronico era collegato a un’intelligenza artificiale. Con tutte queste informazioni, gli scienziati sono riusciti a sviluppare un sistema in grado di differenziare correttamente otto degli odori puri che il nostro sistema olfattivo riconosce. Tra questi, geranio, marzapane e limone.

La tecnologia sviluppata per questo robot funziona più o meno come i sensi umani.. In noi, lo stimolo viene percepito da un organo sensoriale e poi il cervello lo converte in impulsi elettrici per decodificare l’informazione. “La natura è molto più avanzata di noi, quindi dobbiamo usarla”, afferma il dottor Ben Moz. “Il principio che abbiamo dimostrato può essere utilizzato e applicato ad altri sensi, come la vista e il tatto…”, conclude.

Ma, perché abbiamo bisogno di un robot in grado di sentire gli odori? Le applicazioni di questa tecnologia sono più importanti di quanto sembri. Dal rilevamento di droghe ed esplosivi all’identificazione di cellule tumorali. Anche l’industria agricola potrebbe trarne vantaggio, individuando i parassiti che potrebbero rappresentare un pericolo per le colture.

Ad esempio, alcuni animali hanno capacità sorprendenti di individuare esplosivi o droghe; la creazione di un robot con un senso biologico dell’olfatto potrebbe aiutarci a preservare la vita umana e a identificare i criminali in un modo che oggi non è possibile. Alcuni animali sono in grado di rilevare le malattie. Altri possono percepire i terremoti. Il cielo è il limite.

Dr. Ben Maoz della Facoltà di Ingegneria Fleischman presso la Scuola di Neuroscienze Sagol dell’Università di Tel Aviv.

LEGGI  ASUS e Alienware presentano i primi monitor a 500Hz al CES 2023

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *