Digital Financial Officer

Tecnologia

Cybersecurity. Un mercato da oltre un miliardo

La sicurezza informatica? Una priorità sempre maggiore per le aziende. Complici la necessità di adeguarsi al GDPR e la diffusione del cybercrime, siamo di fronte a un mercato che supera un miliardo di euro in valore, in crescita del 12% rispetto al 2016.

Il GDPR traina il mercato della cybersecurity

Non sono dati che stupiscono quelli dell'Osservatorio Information Security & Privacy del Politecnico di Milano. A investire di più per rafforzare la sicurezza informatica sono ovviamente in primis le grandi aziende (il 78% della spesa si concentra intorno a loro). È il GDPR a trainare il mercato: oltre un’impresa italiana su due è al lavoro sui progetti di compliance relativi alla nuova normativa UE, al via ufficialmente dal 25 maggio 2018. Solo il 34% sta ancora valutando un piano di intervento. Il 58% delle realtà, in ogni caso, ha riservato un budget per il GDPR ed è quindi pronto a investire.

Privacy e sicurezza: i nuovi professionisti

Più attenzione per il GDPR significa anche più investimenti per la sicurezza sul lungo termine. Oltre la metà delle imprese punta a interventi pluriennali, contro un piccolo 12% che si dichiara pronto a investire nella cybersecurity solo in caso di necessità. Del resto il 39% delle aziende sta già inserendo nuovi professionisti della sicurezza nell’organico e ben il 49% esperti in ambito privacy: il 28% delle realtà ha anche un Data Protection Officer. Emergono anche figure emergenti: il Chief Information Security Officer, il Security Administrator, il Security Architect, il Security Engineer e il Security Analyst.

Attenzione anche per la sicurezza mobile e cloud …

Accanto al GDPR resta alta la preoccupazione anche per i problemi di sicurezza più comuni: il 19% delle aziende sta investendo per la Business Continuity & Disaster Recovery, il 14% per la Network Security, il 9% per il Security Testing, il 6% per i sistemi di Identity e Access Management e il 4% per la Data Loss Prevention. E cresce l’attenzione in particolare per il canale mobile e il cloud, sempre più a rischio hacker (circa il 60% delle aziende ha speso per tutelarsi in questi due ambiti).

… e per formazione e cyber insurance

Segno più, infine, anche per la formazione in tema sicurezza in azienda (in crescita per il 56% delle imprese) e per la cyber insurance, cioè le polizze assicurative contro il rischio cyber (nel mirino della metà delle realtà del campione).

Le ultime notizie su: cybersecurity, Sicurezza informatica, GDPR, Politecnico di Milano

Questo sito utilizza i cookie di navigazione e di profilazione pubblicitaria, anche di terze parti.
Puoi disattivare i cookie dal tuo browser. Proseguendo la navigazione, accetti l'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.