Perché il “Pajaporte” ha senso: Escrivá spiega le ragioni del provvedimento

Il nuovo annuncio Sistema di verifica dell’età per l’accesso ai contenuti online ha suscitato molte polemiche fin dal suo annuncio. In parte a causa delle preoccupazioni su come funzionerà effettivamente questo processo di conferma della maggiore età sulle pagine di contenuti per adulti e, più in particolare, sul limite di 30 accessi che questo meccanismo consentirà.

Al di là dei dubbi e delle incognite su quello che è noto anche come “Pajaporte”, la verità è che questo sistema di verifica dell’età non è affatto una cattiva idea. In effetti, ci sono diverse ragioni per cui una cosa del genere viene attuata in Spagna, e lo stesso José Luis Escrivá, Ministro per la Trasformazione Digitale e la Funzione Pubblica, li ha illustrati nel dettaglio sul suo profilo ufficiale X (Twitter).

In particolare, il sistema di verifica dell’età per l’accesso ai contenuti online o “Pajaporte”. ha lo scopo di proteggere i minori che cercano di accedere a contenuti per adultiLe restrizioni attuali sono praticamente inesistenti. Infatti, la maggior parte chiede solo di accettare che l’utente che visita il sito sia maggiorenne. Questo non impedisce ai minori di accedere regolarmente a contenuti pornografici; 7 su 10 lo fanno, spiega Escrivá, e in media molti di loro vi accedono per la prima volta all’età di 9 o 11 anni.

L’impatto della pornografia sui minori è un problema serio

Pornografia su Internet / 8M

L’accesso a contenuti pornografici da parte dei minori influenza anche il loro comportamento. Il ministro spiega che il 90% dei giovani ritiene che questo tipo di contenuti assomigli alla sessualità reale.e che per 1 minore su 3 “è l’unica fonte di informazioni affettivo-sessuali”. Questo è un problema se si considera che molti dei contenuti per adulti pubblicati su questi siti sono contenuti mainstream che denigrano le donne.

LEGGI  Call of Duty: Modern Warfare 3" non sarà disponibile quest'anno su Xbox Game Pass

A proposito di quest’ultimo aspetto, Escrivá assicura che è stato dimostrato che “le aggressioni sessuali commesse da minori sono più che raddoppiate negli ultimi anni” e che “prove crescenti collegano la pornografia a questo fenomeno”. Questo, però, non è del tutto veroNon ci sono prove che le aggressioni sessuali da parte di minori siano legate al consumo di contenuti per adulti.

Il “Pajaporte” non ha lo scopo di limitare il consumo agli adulti.

PassaportoPassaporto

Il “Passaporto”, quindi, non ha lo scopo di controllare il consumo di questi contenuti da parte degli adulti, ma piuttosto di ribadire, impedire ai minori di accedervi. Il sistema di verifica dell’età per l’accesso ai contenuti online è solo un processo di verifica attraverso un meccanismo di identificazione digitale già utilizzato da 20 milioni di spagnoli – che si tratti di Cl@ve, DNI-e o certificati elettronici -, come dichiarato dal Ministro Escrivá.

In altre parole, si tratta di un piccolo sforzo – dato che il processo di verifica è un passo aggiuntivo per poter accedere a questi siti web – che gli adulti dovranno fare per proteggere i minori dai pericoli del consumo di questo tipo di contenuti in tenera età.

Tuttavia, rimangono molti dubbi sul numero di accessi e su cosa significhi il cosiddetto “Pajaporte” in termini di privacy e sicurezza dell’utente adulto che lo utilizza per visualizzare questi contenuti. Escrivá assicura che con questo sistema è impossibile “rintracciare l’utente”, nonostante il governo spieghi nelle specifiche tecniche dello strumento che gli accreditamenti vengono rilasciati attraverso un server. Ciò significa che sarà possibile sapere chi li richiede, ma non a quali siti accede.

LEGGI  Grok, l'intelligenza artificiale di Elon Musk e X (Twitter), arriva in Europa

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *