System/360 e la grande rivoluzione informatica della compatibilità

Il storia dell’informatica non può essere spiegata senza menzionare IBM. Il gigante blu. O Grande Blu in inglese. Una delle più grandi aziende tecnologiche che oggi eccelle in aree quali il calcolo quantistico e il supercalcolo. Ma la sua nascita risale alla fine del XIX secolo, prima dell’avvento dei supercomputer. transistor o il tubi a vuoto. Il loro ruolo è stato importante in varie fasi della nostra storia. Come ad esempio il lancio nel 1981 del Personal Computer IBM, il personal computer che sarebbe diventato il standard industriale. E decenni prima, la stessa cosa era accaduta con il System/360 o S/360.

Considerando che Il PC di IBM ha reso una macchina funzionante in un dispositivo che chiunque poteva avere a casa, i computer System/360 stavano rivoluzionando l’industria dei computer in un momento in cui solo le grandi aziende e gli enti pubblici potevano permettersi una macchina grande, ingombrante e, soprattutto, poco maneggevole, incompatibile con la macchina del vicino. Non solo, i mainframe dello stesso produttore potevano essere incompatibili tra loro e avere componenti che non potevano essere scambiati. Con System/360 tutto questo sarebbe cambiato.

Come IBM stessa sottolinea sul proprio sito ufficiale, nel libro Da buono a grandeJim Collins ritiene che il IBM System/360 è stato una delle tecnologie che ha avuto il più grande impatto nella storia degli Stati Uniti. Paragonabile solo alla Ford T o il Boeing 707. Queste due invenzioni di ingegneria meccanica hanno reso possibile, da un lato, l’acquisto di un’automobile da parte di chiunque. Il Boeing 707 ha reso popolari i voli commerciali. Qualcosa che prima potevano fare solo le classi più ricche. E il S/360 trasformò i computer da scatole stagne e immutabili in macchine che potevano essere aggiornate ed espanse. senza dover ripartire da zero o riscrivere tutto il software..

LEGGI  Il reality show "The Squid Game" ha una data di debutto su Netflix
Credito: Storia del computer

Il computer come dispositivo a tenuta stagna

Pensiamo, per un momento, a Netflix o YouTube. Si tratta di due delle applicazioni più diffuse al giorno d’oggi. E troviamo che praticamente su qualsiasi dispositivoIn altre parole, possiamo installare la stessa applicazione su macchine diverse con sistemi operativi diversi. E tutti sono compatibili tra loro in un modo o nell’altro. Possiamo inviare messaggi e file, aprire e modificare documentio foto o video… In linea di massima, nessun problema.

fa 30-40 anni fa non era una cosa così normale. A volte era difficile trovare un programma per Windows che avesse una versione per Mac. E poi c’erano i problemi di compatibilità hardware. Trovare una stampante, uno scanner o altro periferica che fosse compatibile con un Mac in un mercato monopolizzato da Windows, è stata un’odissea. Oggi, praticamente qualsiasi periferica funziona con qualsiasi piattaforma e sistema operativo. Mobile o desktop.

Perché nel anni ’50 e ’60la situazione era ancora peggiore. Ogni produttore assegnava ai propri computer un propri comandi. E i loro componenti hardware erano unici. Alcuni erano addirittura costruiti per un particolare cliente. Nella misura in cui non si potevano riutilizzare i componenti con modelli diversi da quello originale, con alcune eccezioni.

La situazione era tale che se si decideva di acquistare una nuova macchina, dello stesso o di un altro produttore, si doveva riscrivere il software che si aveva sulla macchina originale.. Non c’era modo di collegare le due macchine e fare una migrazione come facciamo oggi con due smartphone quando ne compriamo uno nuovo. E stiamo parlando di macchine con prezzi proibitivi alla portata solo di aziende rinomate, università o agenzie governative..

IBM System/360 Modello 40
Credito: Museo di storia del computer

Macchine che lavorano con altre macchine

Il informatica modernacome la conosciamo, è fiorita dopo la seconda guerra mondiale. Macchine gigantesche grandi come armadi che potevano occupare un’intera stanza e che operava, prima con schede perforatee poi con istruzioni che venivano inserite con una tastiera o una macchina simile a una dattilografa o con una macchina da scrivere. nastri magnetici. Le loro funzioni erano più vicine a quelle delle attuali calcolatrici che a quelle degli attuali supercomputer. Ma erano comunque risparmiare tempo e fatica.

LEGGI  Apple Music Replay è ora mensile: come vedere le statistiche di ciò che si è ascoltato ogni mese

Alla fine degli anni ’50, la necessità di di elaborare grandi quantità di dati sta facendo aumentare considerevolmente la vendita di computer. Il censimento, la gestione di tasse e imposte, le registrazioni contabili… Tutto ciò che può richiedere l’uso di un computer. elenchi con cifreera suscettibile di essere automatizzato da un computer. Solo dal IBM 140112.000 unità sono state vendute tra il 1959 e il 1971. Ma, come spiega James W. Cortada in un articolo su IEEE SpectrumSe l’IBM 1401 diventava obsoleto, si avevano tre possibilità: acquistare altri IBM 1401, passare a un IBM 7000 o fare il salto alla concorrenza. In tutti e tre i casi, è necessario riscrivere il software y assumere più professionisti per la loro manutenzione e gestione.

IBM System/360 avrebbe cambiato la situazione. Secondo le parole di IBM: “l’S/360 ha segnato l’inizio dell’era del compatibilità dei computer“. “Per la prima volta, macchine della stessa linea di prodotti potevano funzionare tra loro. Di fatto, ha segnato un punto di svolta nel campo emergente del scienza dell’informazione e la comprensione di sistemi complessi. Dopo l’S/360, non si parlava più di automatizzare compiti specifici con computer. Ora, stavamo parlando della gestione di processi complessi da parte di sistemi IT“.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *