Stable Diffusion perde tre ricercatori chiave e aggrava la crisi interna

Nel bel mezzo del furore dell’intelligenza artificiale generativa, La Diffusione Stabile non se la passa affatto bene. Forbes riporta che Stability AI, l’azienda dietro il popolare generatore di testo-immagine, ha perso tre dei ricercatori chiave coinvolti nella sua creazione.

Emad Mostaque, amministratore delegato dell’azienda, ha confermato le dimissioni di Robin Rombach, Andreas Blattmann y Dominik Lorenz durante una riunione con i suoi dipendenti la scorsa settimana. I motivi della sua partenza non sono stati resi noti, ma è chiaro che si tratta di perdite pesanti.

Rombach, Blattmann e Lorenz hanno fatto parte del team che ha creato il nucleo di ricerca che ha dato vita a Stable Diffusion. La loro uscita da Stability AI potrebbe quindi essere un duro colpo per le aspirazioni di una startup che di recente è balzata agli onori della cronaca più per la sua crisi interna che per i suoi risultati tecnologici.

Nel corso dell’ultimo anno, l’azienda che sta dietro a Stable Diffusion ha visto la partenza di più di una dozzina di dirigenti a vari livelli di management. Dai vicepresidenti di aree quali l’apprendimento automatico applicato, i prodotti, la ricerca e lo sviluppo e l’ingegneria, al direttore operativo, tra gli altri.

La grande incognita è l’impatto che la partenza di questi tre ricercatori avrà sul proseguimento dello sviluppo di Stable Diffusion in quanto tale. Secondo Forbesgli esperti hanno aiutato l’azienda a lanciare la terza versione del riproduttore d’immagini il mese scorso. Quindi la loro partenza potrebbe essere stata pianificata solo poche settimane fa.

Il complicato presente di Stable Diffusion

Stabilità IA | Il complicato presente della diffusione stabile

Stable Diffusion si è guadagnata un posto sulla scena dell’IA generativa con il suo modello per la generazione di immagini dal testo. Una proposta simile a DALL-E, Midjourney e a tante altre opzioni apparse sul mercato dal 2022 in poi.

LEGGI  Lenovo annuncia Glasses T1, una cuffia per la realtà virtuale perfetta per sostituire il monitor o la TV.

Tuttavia, Stable Diffusion è una delle alternative che ha incontrato più problemi nell’ultimo anno. Nel febbraio 2023, Getty Images ha citato in giudizio Stability AI dopo aver scoperto che aveva utilizzato fotografie protette da copyright del suo catalogo per addestrare la sua intelligenza artificiale. Una battaglia legale che continua ancora oggi.

Nel frattempo, lo scorso dicembre, Stable Diffusion è stata messa sotto accusa insieme ad altri sistemi di imaging alimentati dall’intelligenza artificiale per aver utilizzato foto di abusi sessuali su minori nei loro set di addestramento. A questo si aggiungono i problemi finanziari di Stability AI, che hanno generato forti voci di una possibile vendita alla fine del 2023.

Un rapporto di Bloomberg ha rivelato all’epoca che la startup britannica spendeva circa 8 milioni di dollari al mese. Tuttavia, generava solo una frazione di quella cifra in termini di entrate mensili. Una situazione che ha portato gli investitori a chiedere le dimissioni di Emad Mostaque dalla guida dell’azienda dopo Stableble Diffusion.

È vero che, nonostante gli inconvenienti, l’azienda ha cercato di continuare a portare la sua parte di innovazione nel settore. Oltre al recente rilascio di Stable Diffusion 3, i suoi sviluppatori hanno deciso di sperimentare con audio e video generati dall’intelligenza artificiale. A tal fine, hanno lanciato i modelli chiamati Audio stabile, Diffusione stabile del video y Video 3D stabile. Tutti con la stessa premessa: generare materiale multimediale da suggerimenti o descrizioni testuali.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *