Sam Altman non ha dubbi: il GPT-5 ridicolizzerà il GPT-4

Il hype da GPT-5 sembra essersi attenuato un po’ dopo il debutto di GPT-4oil modello linguistico più avanzato che OpenAI ha rilasciato finora. Ma Sam Altman è convinto che la prossima generazione della sua intelligenza artificiale si prenderà gioco della versione attualee vuole che lo sappiate.

In una recente intervista durante il Aspen Ideas FestivalIl leader di OpenAI ha parlato del salto di qualità che il GPT-5 farà rispetto al GPT-4 e ha fatto alcune osservazioni piuttosto forti. Altman ha dichiarato di non sapere ancora quando la nuova IA sarà pronta. Secondo l’imprenditore, sono “ottimisti” ma hanno ancora “molto lavoro da fare”. Tuttavia, ha affermato che la differenza tra la tecnologia attuale e quella che verrà in futuro sarà molto evidente.

“Spero che si tratti di un significativo passo avanti. [En] Molte delle cose in cui il GPT-4 sbaglia, in cui non riesce a fare molto in termini di ragionamento o a volte va completamente fuori strada e commette errori stupidi che nemmeno un bambino di 6 anni farebbe, spero che lo faccia. [GPT-5] sarà molto, molto meglio e in grado di essere sfruttati per una più ampia gamma di compiti utili”, ha dichiarato Sam Altman.

Non è la prima volta che Sam Altman parla di GPT-5 come di un drastico miglioramento rispetto all’attuale intelligenza artificiale della sua azienda. Poco tempo fa ha dichiarato che GPT-4 “fa schifo” rispetto al suo successore e che tra non molto lo ricorderemo come “l’intelligenza artificiale più stupida che abbiamo mai usato”.

GPT-5 è solo nelle prime fasi di sviluppo.

GPT-5, l'IA di OpenAI

Nonostante abbia sottolineato le sue qualità, Altman ha lasciato intendere che c’è una mancanza di prima che GPT-5 arrivi nelle mani degli utenti. Alla domanda se gli “stupidi bug” del GPT-4 siano legati alla mancanza di dati di addestramento, il leader di OpenAI ha preferito non limitare le cause a un’unica causa.

LEGGI  La Cina approfitta della Russia e le vende una grande quantità di chip difettosi.

“Penso che si tratti di molte cose insieme. Siamo ancora all’inizio dello sviluppo di un sistema così complesso. Ci sono problemi di dati e di algoritmi. I modelli sono ancora piuttosto piccoli rispetto a ciò che diventeranno, e sappiamo che saranno molto migliori. Credo che ci siano molti aspetti da ottimizzare e la tecnologia è appena agli inizi”, ha aggiunto Sam Altman.

Alla fine di maggio, OpenAI ha lasciato intendere che l’addestramento al GPT-5 era appena iniziato. Pur evitando di menzionarlo in modo specifico, l’azienda ha detto che il lavoro faceva parte del suo prossimo progetto. “modello di frontiera”.una definizione utilizzata per classificare i modelli di apprendimento automatico che superano le capacità delle IA esistenti e sono in grado di eseguire una più ampia varietà di compiti.

Alla ricerca di dati di qualità per la vostra prossima IA

Sam AltmanSam Altman
Sam Altman CEO di OpenAI Foto TechCrunch via Flickr con licenza CC BY 20 DEED

Negli ultimi tempi, l’azienda di Sam Altman ha firmato accordi con diversi media per addestrare la sua prossima intelligenza artificiale con i loro contenuti. Il caso più recente è quello della rivista TIMEanche se sono stati annunciati accordi con News Corp., L’Atlantico y Media VOX, tra gli altri. La startup intende scaricare “informazioni sulla qualità” in GPT-5 e nel successivo linguaggio del modello, e per placare le rivendicazioni di uso improprio di materiali protetti da copyright.

Per quanto riguarda un’ipotetica data di rilascio del GPT-5, non c’è ancora nulla di ufficiale. Tuttavia, si ipotizza che potrebbe arrivare già nel 2025.. Se OpenAI ha appena iniziato ad addestrarlo, c’è molta strada da fare prima che sia pronto per essere implementato in ChatGPT e in altri strumenti.

LEGGI  Amazon lancia Rufus, il ChatGPT per gli acquisti online

Vale la pena ricordare che, una volta completato l’addestramento e l’ottimizzazione, l’IA deve essere sottoposta al processo di red teaming per verificarne l’affidabilità e l’efficacia delle protezioni. E, considerando le accuse rivolte all’azienda di affrettare il lancio di nuovi prodotti, non sarebbe sorprendente se questa volta si prendesse il tempo necessario per dimostrare che la sicurezza non è in secondo piano.

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *