Roomba, iRobot e le sue origini prima dell’acquisto da parte di Amazon

Probabilmente avete un Roomba a casa vostra. O conoscete qualcuno che ne ha uno. Oppure avete pensato di acquistarne uno. Roomba o altra marca. Comunque sia, sono sicuro che sapete di cosa sto parlando. I robot per la pulizia, i robot aspirapolvere o come vogliamo chiamarli – visto che alcuni spazzano, altri aspirano e altri ancora bagnano il pavimento e lo puliscono con un panno – sono diventati un elettrodomestico così comune come il televisore, il frigorifero o la macchina del caffè. Ed è responsabile del fatto che, lo scorso anno, questo segmento dell’industria elettronica ha generato 53,24 miliardi di dollari in tutto il mondo è iRobot.

Oggi è possibile trovare robot per la pulizia da Dyson, Xiaomi, Samsung, Bosch o Roborock. Sono in molti a fare a gara per lanciare i loro dispositivi autonomi che si muovono in casa riconoscendo pareti, porte, scale e oggetti. Allo stesso tempo spazzano e aspirano polvere e sporcizia con più o meno successo. Ci fanno risparmiare tempo. Ci fanno compagnia. E i vostri animali domestici giocano con loro. Il fatto è che iRobotil primo a scommettere sui robot per la pulizia o a lanciarli con successo sul mercato, ha attirato l’attenzione del colosso Amazon nell’estate del 2022. Un acquisto da 1,7 miliardi di dollari che ha fatto il giro dei media e che era, in parte, inevitabile.

Alcuni sospettano che Amazon vuole spiarci e sapere come sono le nostre casee ciò che facciamo in essi, con le informazioni di scansione fornite dal Roomba. Altri ritengono che la tecnologia di iRobot aiuterà a creare robot autonomi migliori per i magazzini di Amazon. E chissà, forse in futuro riceveremo pacchi da questa azienda senza intermediari umani. E alcuni terzi ritengono che l’acquisto di iRobot aiuterà l’animale domestico robotico di Amazon, AstroL’Astro non è solo un giocattolo troppo costoso che fa ben poco.

LEGGI  Elon Musk svela il robot di Tesla che "sradicherà la povertà nel mondo".
iRoomba è nata nel Laboratorio di Intelligenza Artificiale del MIT. Nel 2003 è stato rinominato CSAIL. Fonte: CSAIL

Ma in questo articolo non vogliamo prevedere il futuro. Vogliamo piuttosto tornare al passato. A quel momento in cui qualcuno ha pensato che sarebbe stato una buona idea per creare robot domestici. Come quelli dei film e dei libri di fantascienza. A rivoluzione domestica simile all’introduzione del mocio o dello strizzatore. O meglio, perché con un robot aspirapolvere non dobbiamo fare nulla. Assicuratevi solo che non cada dalle scale o che non litighi con il vostro gatto. Chi ha avuto questa idea è stato tre ricercatori del MIT. Conosciamo la loro storia.

I primi anni di iRobot prima di Roomba

Abbiamo detto in precedenza che Amazon acquisita, nell’estate del 2022, l’azienda iRobot per 1,7 miliardi di dollari. Un nome che non è popolare come il suo prodotto di punta, Roomba. Il marchio è così popolare Roomba che è il modo in cui molti chiamano qualsiasi robot per le pulizie, anche se di aziende rivali come Bosch, Roborock o Xiaomi. Incluso Dysonnota per i suoi aspirapolvere, è entrata in questo segmento dell’elettronica domestica.

Bene. L’azienda nota come iRobot è nato nei lontani anni ’90. All’epoca nessuno pensava che negli anni a venire ci sarebbero stati dei robot a spazzare il pavimento di casa. L’idea è nata da tre ricercatori del MIT. O meglio, dalla loro Laboratorio di intelligenza artificiale. I loro nomi sono Rodney Brooks, Colin Angle e Helen Greiner. Dei tre, Colin Angle è attualmente presidente e CEO dell’azienda. E, cosa interessante, la questione dei robot domestici non è stata nemmeno sfiorata dalla loro mente.

Gengis II – microrobot autonomo di IS Robotics, Cambridge, Mass. (lungo circa un metro).

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Genghis-II-1989.jpeg?fit=800%2C600&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Genghis-II-1989.jpeg?fit=780%2C585&quality=60&strip=all&ssl=1″ width=”780″ height=”585″ alt=”Gengis è uno degli antenati dei Roomba di iRobot” class=”wp-image-1430400 perfmatters-lazy” data-recalc-dims=”1″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Genghis-II-1989-1500×1125.jpeg?resize=780%2C585&quality=60&strip=all&ssl=1″ 1430400″ data-permalink=”https://hipertextual.com/2022/09/origen-irobot-roomba/genghis-ii-autonomous-microrobot” data-orig-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Genghis-II-1989.jpeg?fit=1920%2C1440&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-orig-size=”1920,1440″ data-comments-opened=”1″ data-image-meta=”{“apertura”: “0”, “credito”: “BRUCE H. FRISCH”, “camera”:””, “caption”: “Gengis II – microrobot autonomo di IS Robotics, Cambridge, Mass. (lungo circa un metro).”,”created_timestamp”:”1526489755″,”copyright”:”\u00a9 Bruce Frisch\/SCIENCE SOURCE”,”focal_length”:”0″,”iso”:”0″,”shutter_speed”:”0″,”title”:”Gengis II- microrobot autonomo”, “orientamento”: “1”}” data-image-title=”Gengis II- microrobot autonomo” data-image-description=”” data-image-caption=””

Gengis II – microrobot autonomo di IS Robotics, Cambridge, Mass. (lungo circa un metro).

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Genghis-II-1989.jpeg?fit=800%2C600&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Genghis-II-1989.jpeg?fit=780%2C585&quality=60&strip=all&ssl=1″ width=”780″ height=”585″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Genghis-II-1989-1500×1125.jpeg?resize=780%2C585&quality=60&strip=all&ssl=1″ alt=”Gengis è uno degli antenati dei Roomba di iRobot” class=”wp-image-1430400″ srcset=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Genghis-II-1989.jpeg?resize=1500%2C1125&quality=60&strip=all&ssl=1 1500w, https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Genghis-II-1989.jpeg?resize=800%2C600&quality=60&strip=all&ssl=1 800w, https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/Genghis-II-1989.jpeg?resize=768%2C576&quality=60&strip=all&ssl=1 768w, https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-c

Una delle tante versioni di Gengis, il primo grande progetto di iRobot. Fonte: Bruce Frisch / IEEE

Agli inizi, iRobot era destinato alla progettazione di robot militari e per l’esplorazione dello spazio. Un settore redditizio grazie a contratti succulenti. Progetti ambiziosi, ma con maggiori ricompense e minori rischi rispetto al settore commerciale civile. E così fu detto e fatto. Il suo primo progetto, lanciato un anno dopo la creazione dell’azienda, si chiamava Gengis. Era un robot progettato per l’esplorazione dello spazio. Aveva la forma di un insetto a sei zampe. Ogni gamba era autonoma, a differenza del classico robot controllato centralmente. Oggi è visitabile presso lo Smithsonian Air and Space Museum.

Nel 1996, sei anni dopo il lancio dell’iniziativa iRobotlanciare il loro secondo progetto. Un robot chiamato Ariel e viene utilizzato per individuare e rimuovere le mine in aree marine poco profonde. Con movimenti simili a quelli di un granchio, questo robot è stato progettato per rilevare e rimuovere le mine in aree marine poco profonde. commissionato dalla DARPAl’agenzia militare statunitense nota per il sostegno a progetti legati ai satelliti, alla robotica e al precursore dell’attuale Internet. Come curiosità, Ariel aveva sensori di posizione, pressione, metal detector e profondità. Poco a che fare con ciò che sarà Roomba. Ma ecco le basi.

JUBAIL, Arabia Saudita (27 gennaio 2021) L’Explosive Ordnance Disposal Technician 3rd Class Rusty Johnson, al centro, assegnato al Commander, Task Force (CTF) 52, osserva un membro delle Royal Saudi Naval Forces (RSNF) collegare un attrezzo esplosivo a un packbot durante uno scambio di esperti in materia nell’ambito dell’esercitazione Nautical Defender (ND) 21 a Jubail, Arabia Saudita, il 27 gennaio 2021. ND-21 è la pietra miliare di una serie di esercitazioni di sicurezza marittima multinazionali progettate per ampliare i livelli di cooperazione, sostenere la sicurezza regionale a lungo termine e migliorare l’interoperabilità militare tra il Regno dell’Arabia Saudita, il Regno Unito e gli Stati Uniti (foto U.S. Navy by Mass Communication Specialist 3rd Class Zachary Pearson) 210127-N-DS741-1045

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/US-Saudi-Arabia-Explosives-Detection-Training-PackBot.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/US-Saudi-Arabia-Explosives-Detection-Training-PackBot.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ width=”780″ height=”520″ alt=”IRobot PackBots assomigliano poco ai Roomba domestici” class=”wp-image-1430403 perfmatters-lazy” data-recalc-dims=”1″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/US-Saudi-Arabia-Explosives-Detection-Training-PackBot-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ 1430403″ data-permalink=”https://hipertextual.com/2022/09/origen-irobot-roomba/nautical-defender-21″ data-orig-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/US-Saudi-Arabia-Explosives-Detection-Training-PackBot.jpg?fit=1920%2C1280&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-orig-size=”1920,1280″ data-comments-opened=”1″ data-image-meta=”{“apertura”: “5”, “credito”: “Stati Uniti”. Navy”, “camera”: “NIKON D5”, “caption”: “JUBAIL, Arabia Saudita (27 gennaio 2021) L’Explosive Ordnance Disposal Technician 3rd Class Rusty Johnson, al centro, assegnato al Commander, Task Force (CTF) 52, osserva un membro delle Royal Saudial Naval Forces (RSNF) collegare un attrezzo esplosivo a un packbot durante uno scambio di esperti in materia nell’ambito dell’esercitazione Nautical Defender (ND) 21 a Jubail, Arabia Saudita, il 27 gennaio 2021. ND-21 è la pietra miliare di una serie di esercitazioni multinazionali di sicurezza marittima progettate per ampliare i livelli di cooperazione, sostenere la sicurezza regionale a lungo termine e migliorare l’interoperabilità militare tra il Regno dell’Arabia Saudita, il Regno Unito e gli Stati Uniti. Navy photo by Mass Communication Specialist 3rd Class Zachary Pearson) 210127-N-DS741-1045”, “created_timestamp”: “1611705600”, “copyright”: “Public Domain”, “focal_length”: “34”, “iso”: “250”, “shutter_speed”: “0”.0008″, “title”: “Nautical Defender 21”, “orientation”: “1”}” data-image-title=”Nautical Defender 21″ data-image-description=”” data-image-caption=””

JUBAIL, Arabia Saudita (27 gennaio 2021) L’Explosive Ordnance Disposal Technician 3rd Class Rusty Johnson, al centro, assegnato al Commander, Task Force (CTF) 52, osserva un membro delle Royal Saudi Naval Forces (RSNF) collegare un attrezzo esplosivo a un packbot durante uno scambio di esperti in materia nell’ambito dell’esercitazione Nautical Defender (ND) 21 a Jubail, Arabia Saudita, il 27 gennaio 2021. ND-21 è la pietra miliare di una serie di esercitazioni di sicurezza marittima multinazionali progettate per ampliare i livelli di cooperazione, sostenere la sicurezza regionale a lungo termine e migliorare l’interoperabilità militare tra il Regno dell’Arabia Saudita, il Regno Unito e gli Stati Uniti (foto U.S. Navy by Mass Communication Specialist 3rd Class Zachary Pearson) 210127-N-DS741-1045

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/US-Saudi-Arabia-Explosives-Detection-Training-PackBot.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/US-Saudi-Arabia-Explosives-Detection-Training-PackBot.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ width=”780″ height=”520″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/US-Saudi-Arabia-Explosives-Detection-Training-PackBot-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ alt=”Gli iRobot PackBot assomigliano poco ai Roomba domestici” class=”wp-image-1430403″ srcset=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/US-Saudi-Arabia-Explosives-Detection-Training-PackBot.jpg?resize=1500%2C1000&quality=60&strip=all&ssl=1 1500w, https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/09/US-Saudi-Arabia-Explosives-Detection-Training-PackBot.jpg?resize=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl

I PackBot sono stati utilizzati nei salvataggi ma anche per disinnescare esplosivi. Fonte: Wikipedia

Robot esploratori l’11 settembre

La relazione con la DARPA continuerà a prendere forma PackBot o iRobot PackBotil terzo grande progetto di questa società di robotica e intelligenza artificiale, la cui mente è Rodney Brooks, considerato da molti all’epoca uno dei maggiori esperti di intelligenza artificiale e robotica. Annunciato nel 1998, avrà un ruolo importante nella ricerca di sopravvissuti dopo l’incidente. La caduta delle Torri Gemelle (Centro Mondiale del Commercio) nell’attacco dell’11 settembre 2001.

Un articolo del CNN rivede, a distanza di dieci anni, l’importante ruolo svolto dalla PackBotsL’articolo si intitola “Come l’11 settembre ha ispirato una nuova era della robotica”. L’articolo si intitola “Come l’11 settembre ha ispirato una nuova era della robotica”. Il documento cita più volte iRobot e il suo tentativo di rendere autonomi i robot. Ma anche in quell’articolo non si immaginava il futuro “domestico” dell’azienda di robotica. Ma le cose stavano per cambiare. Nel 2002, un anno dopo l’11 settembre, i robot PackBot sono utilizzati dalle truppe statunitensi. Inoltre, sviluppano un robot in modo che National Geographic raggiungere angoli inesplorati della Grande Piramide d’Egitto.

Roomba e il gatto Linus
Su Internet abbondano i video di Roomba che interagiscono con gatti e altri animali. Fonte: Eirik Newth (Flickr)

Dall’esplorazione del mondo al Roomba

Nel 2002, iRobot sta lanciando il suo primo prodotto nazionale. Dopo più di un decennio dedicato alla robotica militare e di esplorazione, hanno deciso di puntare sulla settore commerciale civile. E lo faranno con stile, con il loro marchio più iconico, l’aspirapolvere robot. Roomba. Parallelamente, continueranno a lavorare su contratti e progetti con diversi clienti pubblici e privati.

Tuttavia, iRobot presto si accorgerà del potenziale e annuncerà nuovi robot domestici. Dopo il Roomba dal 2002, nel 2005 pubblicano Scoobaun robot che pulisce i pavimenti. E nel 2006 hanno lanciato Cane da cortileun robot per la pulizia degli edifici commerciali. L’elenco continua nel 2007 con Loojun robot per la pulizia di tubi e grondaie; Verroun robot per la pulizia delle piscine; e, infine, un robot per la pulizia delle piscine, Creareun robot mobile programmabile. Simile al Roomba ma per gli sviluppatori e gli appassionati di robotica che volevano armeggiare con questi dispositivi. Nel primo decennio del XXI secolo, iRobot continua a lavorare su progetti come i robot marittimi, i robot di comunicazione, ecc. Sta inoltre lanciando un’iniziativa educativa sotto il nome di SCINTILLA (2009). Ma tutto questo passa in secondo piano rispetto all’aspetto commerciale dei robot per le pulizie domestiche.

Nel 2012, iRobot acquisterà l’azienda Robotica dell’evoluzione per 74 milioni di dollari. Un acquisto strategico, in quanto questa società si è specializzata in computer vision e navigazione autonoma, ampliando così il proprio portafoglio di brevetti e competenze in materia di intelligenza artificiale e robotica. Inoltre, produce anche robot per la pulizia. Per questo, l’anno successivo, è stato ribattezzato come iRobot Braava.

I tre fondatori di iRobot, dove Joe Jones ha creato Roomba.
I tre fondatori di iRobot a un evento di TechCrunch nel 2017. Fonte: TechCrunch

Che fine hanno fatto i fondatori di iRobot?

Il resto della storia è già noto. Se nel 2013 iRobot ha annunciato che sono stati venduti più di 10 milioni di robot domestici in tutto il mondo, nel 2017 questa cifra è raddoppiata a più di 20 milioni di robot pulire le nostre case. Pulizie autonome che si ricaricano da sole al punto di ricarica. In tutti questi anni, iRobot ha lanciato diversi modelli delle varie linee di prodotti. Attualmente, iRobot vende principalmente due linee, Roomba y Braava. Il primo si concentrava sull’aspirapolvere e la scopa, il secondo sui panni per pulire il pavimento con l’acqua. Addio scope e spazzoloni.

Per quanto riguarda i membri fondatori di iRobotHo già detto che il suo Presidente e Amministratore Delegato, se non cambia nulla mentre leggete queste righe, è Colin Angleuno dei tre creatori dell’azienda. Da parte sua, Rodney Brooksil genio della robotica, ha cambiato marcia nel 2008, quando ha fondato con Ann Whittaker un’altra società di robotica chiamata Ripensare la robotica. Anche se originariamente si chiamava Robotica Heartland. Nel 2018 è stata acquisita dal gruppo tedesco HAHN, cambiando il nome un anno dopo, così come la sede centrale dagli Stati Uniti alla Germania. E poiché non c’è due senza tre, Rodney Brooks ha creato una terza società nel 2019 chiamata Robusto.AI in collaborazione con Gary Marcus, esperto di scienze cognitive. Lo scopo, creare robot più intelligenti.

Il terzo fondatore di iRobotHelen Greiner, Helen Greiner, è attualmente CEO di Tertill Corporationun’azienda che si occupa di “alimenti biologici”. Tra i suoi dipendenti c’è l’esperto di robotica Joe Jonesche ha lavorato anche su iRoomba. E a chi si attribuisce l’invenzione del Roomba. E nel 2008, come Brooks, ha deciso di lasciare l’azienda di cui è stato co-fondatore per fare lo stesso per Lavoro CyPhyuna startup dedicata ai droni domestici, professionali e militari, di cui è stato amministratore delegato. Nel 2018 ha fornito consulenza all’esercito statunitense in materia di robotica e intelligenza artificiale. E nel 2020 ha avviato la sua nuova impresa che unisce robotica e agricoltura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *