Questo era il metodo folle della CIA di spiare l’Unione Sovietica con i piccioni viaggiatori.

La guerra fredda ha portato lo spionaggio tra Stati Uniti e Unione Sovietica a un altro livello, costringendo a sviluppare metodi sempre più elaborati per ottenere informazioni sensibili. Uno dei casi più eclatanti riguarda l’uso di piccioni viaggiatori dotati di telecamere.che ha servito la CIA durante le missioni di spionaggio a Mosca.

Naturalmente non si tratta solo di un caso curioso. È uno dei tanti esempi di come le agenzie di intelligence devono avere di utilizzare al meglio la propria ingegnosità per ottenere le risorse necessarie – fotografie, in questo caso – per progredire nella sua ricerca.

Ciò che colpisce di questa particolare forma di spionaggio è il ricorso a una vecchia conoscenza: le corse dei piccioni. I piccioni viaggiatori avevano già svolto un ruolo importante durante la Prima e la Seconda Guerra Mondiale, dove avevano servito gli Alleati come mezzo di comunicazione dietro le linee nemiche. Tuttavia, i primi tentativi di impiegarli nella ricognizione aerea erano ancora più antichi.

Il tedesco Julius Neubronner è considerato l’inventore della fotografia con i piccioni, avendo brevettato un sistema all’inizio del 1900. Tuttavia, il suo uso effettivo sul campo di battaglia era ben lungi dal raggiungere l’impatto che avevano gli uccelli utilizzati per le funzioni di messaggero.

Era solo questione di tempo prima che, al culmine della Guerra Fredda, la CIA decidesse di rilanciare il concetto di “guerra”. piccioni viaggiatori che volano con macchine fotografiche in miniatura. per fotografare obiettivi di alto valore.

Piccioni viaggiatori, trasformati in spie della CIA.

Foto: Museo della CIA

Operazioni tenute segrete

Mondo BBC pubblicato nel 2019 che gli sforzi per spiare l’Unione Sovietica con i piccioni viaggiatori facevano parte della Operazione Tacana. Tuttavia, egli menziona che le indagini della CIA non si limitavano a questi animali. Ci sono stati anche tentativi di addestrare corvi, delfini e persino animali domestici come cani e gatti.

Purtroppo, la misura in cui l’intelligence statunitense fu in grado di sfruttare il potenziale dei piccioni viaggiatori per la ricognizione aerea a Mosca è ancora oggi sconosciuta. Sebbene esistano documenti declassificati che menzionano i tentativi di perfezionare questo metodo di spionaggio negli anni Sessanta e Settanta, i dettagli delle missioni rimangono tuttora riservati..

Sembra che la CIA abbia fatto volare i piccioni viaggiatori segretamente in Unione Sovietica e abbia studiato varie alternative per il loro impiego. Uno dei loro principali obiettivi di spionaggio sarebbero stati i cantieri navali di quella che oggi è conosciuta come San Pietroburgo (Leningrado, fino al 1991). Non si sa ancora se siano riusciti a raggiungere il loro obiettivo.

Pro e contro degli uccelli spia

Video di YouTube

Di certo, durante la Guerra Fredda la CIA si è impegnata a fondo per creare metodi di spionaggio molto più complessi, sofisticati e costosi dei piccioni viaggiatori. Tuttavia, c’era un reale interesse per i risultati che gli uccelli potevano fornire, poiché potevano volare a pochi metri dal suolo e accedere a luoghi altrimenti inaccessibili. Ciò era impossibile con le loro macchine da ricognizione più avanzate, come gli aerei Lockheed U-2 e A-12 o i satelliti CORONA.

Come già detto, non è stato ancora rivelato in quante missioni sono stati utilizzati gli uccelli spia, né fino a quale anno. Ciò che la CIA indica attraverso il suo museo online è che, alla fine, la fotografia dei piccioni si è rivelata inefficace. Ma non perché le immagini ottenute mancassero di qualità, bensì perché gli uccelli non sono sempre stati in grado di sorvolare il luogo esatto per il quale erano richieste le immagini..

Ciononostante, i piccioni viaggiatori si guadagnarono il loro posto come uno dei tanti modi in cui gli americani cercarono di raccogliere informazioni durante uno dei momenti più caldi della storia del XX secolo. Visto dopo molti anni, può sembrare ridicolo, ovviamente. Ma non perdiamo di vista il fatto che si trattava di un periodo in cui lo spionaggio alimentava la lotta di potere tra Stati Uniti e URSS. E la missione è sempre stata quella di avere il sopravventoNon importava che fosse ottenuto con pistole, razzi spaziali o uccelli dall’aspetto amichevole.

LEGGI  La Mi Band 7 Pro di Xiaomi potrebbe arrivare presto in Europa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *