OpenAI definisce la prossima fase della sua storia: sta sacrificando il ritmo dell’innovazione per un’IA più economica?

Il DevDayla prima conferenza per sviluppatori di OpenAInon ha deluso le aspettative. L’azienda ha fatto diversi annunci, in particolare GPT-4 Turbouna versione sotto steroidi del suo ultimo modello di lingua. Ha anche introdotto il GPTvarianti personalizzate di ChatGPT che possono essere creati, condivisi e, in futuro, monetizzati.

Nel caso del GPT-4 Turbo, OpenAI ha notato diverse ottimizzazioni. È più potente, la sua base di conoscenze è aggiornata fino all’aprile 2023, supporta una finestra di contesto molto più ampia – equivalente a circa 300 pagine di testo in un singolo prompt-e può accettare immagini come metodo di input, per citarne alcuni. Tutto questo a meno di 8 mesi dal rilascio di GPT-4.

Ma non è stata l’implementazione di questi miglioramenti sostanziali a fare più rumore, ma il fatto che sarà più economico del suo predecessore.. Ed è sensato. Dopo tutto, si tratta di un aspetto cruciale per la vera massificazione dell’intelligenza artificiale generativa applicata ai prodotti e ai servizi di tutti i giorni. Inoltre, sembra essere la tabella di marcia per la prossima fase della storia dei californiani.

Se guardiamo al sito web di OpenAI, 1.000 token di input GPT-4 Turbo equivalgono a circa 750 parole, costo un centesimo di dollaro. Mentre 1.000 gettoni di uscita hanno un prezzo di 3 centesimi di dollaro. Si tratta di una riduzione considerevole rispetto a GPT-4, i cui lotti di 1.000 gettoni di ingresso e di uscita costavano rispettivamente 3 e 6 centesimi.

In parole povere, quindi, utilizzando la versione “sovralimentata” di GPT-4 può essere fino a tre volte più economico di quello originale.. Naturalmente, i numeri finali dipendono da ogni caso d’uso e da una serie di altre questioni di monetizzazione specifiche degli strumenti OpenAI. Ma è chiaro che questa decisione segna l’inizio di una nuova strategia per il team di Sam Altman.

Uno sguardo al futuro di OpenAI?

OpenAI è passato inosservato alla stragrande maggioranza delle persone fino all’arrivo di DALL-E e DALL-E 2, le sue intelligenze artificiali per la generazione di immagini dal testo. Tuttavia, è stato solo con il lancio di ChatGPT che l’azienda californiana è salita alla ribalta.. Fino ad allora, solo gli appassionati avevano un’idea davvero precisa di cosa fossero i modelli linguistici massivi e a cosa servissero.

ChatGPT è stato il punto di svolta per OpenAI in tutti i sensi.. Il chatbot è stata la prima vera dimostrazione del potere dell’intelligenza artificiale generativa nelle mani del grande pubblico. Fino al novembre 2022, tutto ciò che riguardava l’IA sembrava eccessivamente tecnico o lontano dalla comprensione delle masse. Aziende come Google parlavano continuamente dei loro progressi nel campo, ma le loro implementazioni pratiche erano impercettibili per gli utenti.

LEGGI  come continuare a guardare la TV e i nuovi canali

Ecco perché quando ChatGPT è arrivato sulla scena ha avuto un tale impatto. OpenAI ha rotto gli schemi e ha scavalcato i suoi rivali, superandoli in pochi mesi. Almeno in termini di esposizione pubblica, ovviamente. Il furore iniziale dei chatbot è stato accompagnato da un nuovo investimento multimilionario da parte di Microsoft, dall’annuncio di GPT-4, dalla comparsa di DALL-E 3 e dal rilascio di nuove funzionalità a ritmo frenetico.

Il team di Sam Altman ha giustamente portato un cambio di ritmo alle innovazioni nel campo dell’IA generativa.. Un piano non privo di polemiche, ovviamente, ma che ha costretto i concorrenti a muoversi per non rendersi ridicoli. Google, Meta, Alibaba, Baidu, Samsung e Amazon hanno scoperto quasi subito le loro carte. Persino Apple è entrata in gioco, proprio quando molti cominciavano a temere che l’azienda di Tim Cook potesse perdere l’occasione. E non dimentichiamo che, nel bel mezzo di tutto questo, Elon Musk e più di 1.000 esperti di IA hanno firmato una lettera in cui si chiedeva di fermare per sei mesi lo sviluppo di modelli linguistici più potenti di GPT-4.

Ma dopo un anno di ritmi serrati, ciò che abbiamo visto al DevDay lascia intendere che OpenAI ha in serbo un altro drastico cambiamento. L’azienda ha già dato un calcio alla lavagna una volta e ora potrebbe frenare la sua strategia di “innovazione pura e semplice”. Ha già un vantaggio tecnologico, almeno agli occhi del pubblico.. D’ora in poi, ogni IA che arriverà sarà paragonata a OpenAI, indipendentemente dal fatto che sia uguale, migliore o peggiore. In realtà, questo sta già accadendo.

San Francisco deve ora rendere i propri prodotti più che tecnicamente attraenti, ma anche più economici per gli sviluppatori. E allo stesso tempo, dovrebbero puntare a far sì che l’azienda inizi a riequilibrare la bilancia economica, visto che finora è stata una macchina per bruciare centinaia di milioni di dollari.

Il GPT Store potrebbe essere la prossima rivoluzione

Oltre al lancio di GPT-4 Turbo come opzione più potente e più economica per la sua intelligenza artificiale, OpenAI ha fatto un altro annuncio che potrebbe cambiare l’ecosistema. Stiamo parlando del Negozio GPTuna sorta di negozio online dove gli utenti potranno condividere le loro versioni personalizzate di ChatGPT. In altre parole, l’equivalente di ciò che App Store e Play Store sono per iOS e Android quando si tratta di applicazioni mobili.

LEGGI  Microsoft dimostra che il suo nuovo Surface Pro è più veloce del MacBook Air con M3

Le nuove GPT svolgeranno un ruolo cruciale in questo senso. Chiunque può creare e condividere la propria versione di ChatGPT, senza bisogno di sapere come programmareSi tratta di un’evoluzione brutale per l’esperienza dell’utente e per la massificazione dell’IA generativa applicata alla vita quotidiana. Inoltre, OpenAI assicura che ci saranno ricompense finanziarie per chi crea GPT che ottengono un gran numero di utenti.

È chiaro che Sam Altman e compagnia hanno diversi fronti aperti e continueranno a far parlare di sé per molto tempo ancora. Inoltre, avere il sostegno finanziario e tecnologico di Microsoft li pone in una posizione invidiabile per il futuro. È vero che la partecipazione dell’azienda di Redmond non è disinteressataInfatti, riceveranno il 75% delle entrate della startup fino a quando non recupereranno il loro investimento e poi ne deterranno il 49%. Ma per il team di Satya Nadella questo serve anche a sfruttare le capacità di Azure offrendo servizi OpenAI a terzi tramite il cloud.

Ecco cosa intendiamo, quindi, quando parliamo di una strategia di innovazione più lenta in cambio di un’IA più economica o economicamente sostenibile nel lungo periodo.. Con GPT-4 Turbo e GPT Store, OpenAI dimostra di essere ancora all’avanguardia e di avere molto da offrire prima di fare il salto a GPT-5 e alle future generazioni del suo modello linguistico.

La startup ha già aperto nuove strade nel mondo dell’intelligenza artificiale. Ora deve concentrarsi sulla riduzione dei costi (verso l’interno e verso l’esterno), senza perdere di vista le tendenze che hanno maggiore risonanza presso il pubblico e gli esperti.. Vale a dire, trovare la strada per la redditività economica, senza perdere di vista il suo posto di riferimento più importante nel mondo dell’IA generativa di oggi.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *