OpenAI afferma che è “impossibile” creare un’intelligenza artificiale senza violare il copyright

OpenAI, la società tecnologica che sta dietro a ChatGPT, sostiene che non è possibile creare modelli di intelligenza artificiale senza utilizzare materiale protetto da copyright. “Sarebbe impossibile”. ha dichiarato l’azienda, che di recente è stata denunciata per Il New York Times e altri individui per l’utilizzo di contenuti non autorizzati.

La startup guidata da Sam Altman ha fatto una presentazione alla commissione selezionata per il digitale e le comunicazioni della Camera dei Lord, la camera alta del parlamento britannico. “Oggi il diritto d’autore copre praticamente ogni tipo di espressione umana, compresi i post di un blog, le fotografie, i messaggi di un forum, i frammenti di codice software e i documenti governativi”, ha dichiarato OpenAI nella presentazione, depositata lo scorso dicembre ma resa nota questa settimana dai media britannici.

“Sarebbe impossibile addestrare i principali modelli di IA di oggi senza utilizzare materiali protetti da copyright”.afferma l’azienda nel documento. OpenAI è certa che, se si utilizzassero solo materiali non protetti da copyright, si produrrebbero sistemi inadeguati. “Limitare i dati di addestramento a libri e disegni di dominio pubblico creati più di un secolo fa potrebbe produrre un esperimento interessante, ma non fornirebbe sistemi di intelligenza artificiale in grado di soddisfare le esigenze dei cittadini di oggi”, aggiunge il documento.

Nel corso dell’anno i principali sviluppatori sono stati accusati di aver preso contenuti da Internet senza il permesso dei media, degli artisti, degli scrittori e dei programmatori che li hanno creati. La causa intentata da New York Times il mese scorso ha accusato anche Microsoft, un investitore chiave di OpenAI. Il media statunitense sostiene che entrambe le aziende hanno utilizzato milioni di suoi articoli senza chiedere il permesso per addestrare ChatGPT.

LEGGI  Samsung conferma il Galaxy Ring, ma non c'è ancora da entusiasmarsi

Nuove cause contro OpenAI per violazione del copyright

ChatGPT, il chatbot di OpenAI | Nuove cause contro OpenAII per violazione del copyright

Nella sua presentazione al Parlamento britannico, OpenAI ha dichiarato di ritenere che “legalmente, la legge sul copyright non vieta la formazione”.. Per far fronte a tali controversie, molte di queste aziende hanno deciso di affidarsi alla dottrina legale del “fair use”. Questa posizione consentirebbe di utilizzare i contenuti in determinate circostanze senza richiedere l’autorizzazione del proprietario.

Oltre al caso di New York Times, OpenAI e Microsoft sono stati citati in giudizio anche da una ventina di importanti autori. Il gruppo comprende diversi vincitori del Premio Pulitzer. Sono coinvolti nella causa anche scrittori come John Grisham, George R. R. Martin – creatore dell’originale Game of Thrones– e Jonathan Franzen.

Non si tratta solo di OpenAI. Getty Images, una delle più grandi agenzie di immagini del mondo, ha in corso una disputa legale contro Stability AI, responsabile di Stable Diffusion, per aver anch’essa violato il copyright. Un gruppo di editori musicali statunitensi, tra cui Universal Music, sta facendo causa ad Anthropic, una società sostenuta da Amazon, per aver utilizzato i testi delle canzoni dei suoi artisti per addestrare i suoi modelli.

Altre aziende hanno imparato la lezione e sono state più caute. Apple sta già negoziando con diverse importanti organizzazioni giornalistiche ed editoriali statunitensi. Con una proposta multimilionaria, è alla ricerca di un accordo che autorizzi l’uso dei suoi contenuti giornalistici.

In mezzo alle polemiche, anche OpenAI ha iniziato a formalizzare accordi di utilizzo dei contenuti con diverse aziende. Di recente è riuscito a siglare una partnership con Progetto giornalistico americano e l’editore tedesco Axel Springer. E nel luglio dello scorso anno ha ricevuto il permesso di utilizzare l’archivio di notizie di Associated Press.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *