One Laptop per Child, l’ONG che ha contribuito a rendere i computer portatili più economici

Il educazione li aiuta a prosperare. Insegna ai bambini di oggi ad essere adulti autonomi da soli. E tutti gli aiuti sono troppo pochi per raggiungere questo scopo. Compresa la tecnologia. Ma non tutti possono permettersi un computerche crea un divario di disuguaglianza tra i bambiniCome risolvere questo problema? La risposta è arrivata nel 2005 quando Nicholas Negroponte ha annunciato il progetto OLPC, acronimo di Un computer portatile per bambinoUn computer portatile per bambino.

Nicholas Negroponte compie oggi 79 anni. Il suo curriculum comprende l’essere uno dei creatori del MIT Media Lab, un laboratorio di ricerca del famoso Istituto di tecnologia del Massachusetts. Dal momento che il Laboratorio multimediale del MIT è stata lanciata nel 1985 e ha dato vita a idee e progetti importanti come Graffioil software di programmazione che insegna a bambini e adulti a programmare; ha ispirato la tecnologia che rende possibili i videogiochi. Guitar Heroe da lì è nato il inchiostro elettronicotra le altre invenzioni.

Ma Negroponte è noto anche per aver contribuito a creare la storica rivista Wired. E per aver sostenuto il progetto OLPC, Un computer portatile per bambino. Questo progetto era noto anche come La macchina dei bambini (la macchina per bambini) o Computer portatile da 100 dollari, il computer portatile da 100 dollari, in riferimento al suo basso prezzo. L’idea era quella di realizzare computer tuttofare e poco costosi per donarli alle scuole nei Paesi con tali esigenze. Inviateli a il computer come strumento educativo ai bambini di tutto il mondo.

Una classe in Etiopia con i dispositivi OLPC

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/OLPC-Ethiopia-Class.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/OLPC-Ethiopia-Class.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ decoding=”async” width=”780″ height=”520″ alt=”Un’aula in Etiopia con computer per tutti” class=”wp-image-1707171 perfmatters-lazy” data-recalc-dims=”1″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/OLPC-Ethiopia-Class-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ 1707171″ data-permalink=”https://hipertextual.com/2023/01/one-laptop-per-child-olpc-notebooks/olpc-ethiopia-class” data-orig-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/OLPC-Ethiopia-Class.jpg?fit=1920%2C1280&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-orig-size=”1920,1280″ data-comments-opened=”1″ data-image-meta=”{“aperture”:”0″,”credit”:””,”camera”:””,”caption”:””,”created_timestamp”:”0″, “copyright”:””, “focal_length”: “0”, “iso”: “0”, “shutter_speed”: “0”, “title”:””, “orientation”: “0”}” data-image-title=”OLPC Ethiopia Class” data-image-description=”” data-image-caption=””

Una classe in Etiopia con i dispositivi OLPC

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/OLPC-Ethiopia-Class.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/OLPC-Ethiopia-Class.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ decoding=”async” width=”780″ height=”520″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/OLPC-Ethiopia-Class-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ alt=”Un’aula scolastica in Etiopia con computer per tutti” class=”wp-image-1707171″ wp-element-caption”>Aula scolastica etiope con i dispositivi OLPC Credito: OLPC

Computer economici per bambini

Oggi è facile per trovare un computer portatile per meno di 250 euro. Potreste trovare difficile Fortnitema per quel prezzo potrebbe benissimo essere usato per attività di ufficio, internet e didattica. E che dire del compresse. Per 120 euro ne avete uno più o meno accettabile con cui leggere, imparare e consultare internet. Ma nel primo decennio del XXI secolo i computer non erano così economici. Le aule informatiche esistevano già in molte scuole e istituti. Ma richiedono un investimento non adatto a tutti i budget.

Il pedagogo Seymour Papert y Nicholas Negroponte hanno avuto un’idea. Fornire computer a basso costo ai bambini che non possono permettersi un computer costoso. All’epoca, nei primi anni 2000, i computer stavano appena iniziando a diventare di moda. computer portatili. E le connessioni ADSL sono arrivate in Spagna. Ma i prezzi potrebbero essere un po’ alti. Nelle riviste del tempo possiamo vedere un portatile a 1.350 euro con 512 MB di RAM e un processore Intel Pentium M da 1,8 GHz. Fino al l’arrivo dei netbookPer l’arrivo dei netbook, meno costosi e con meno funzioni, bisognerà aspettare qualche anno.

Uno dei primi prototipi OLPC XO-1

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/OLPC-XO-1-Prototype.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/OLPC-XO-1-Prototype.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ decoding=”async” width=”780″ height=”520″ alt=”Prototipo OLPC XO-1″ class=”wp-image-1707179 perfmatters-lazy” data-recalc-dims=”1″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/OLPC-XO-1-Prototype-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ 1707179″ data-permalink=”https://hipertextual.com/2023/01/one-laptop-per-child-olpc-notebooks/olpc-xo-1-prototype” data-orig-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/OLPC-XO-1-Prototype.jpg?fit=1920%2C1280&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-orig-size=”1920,1280″ data-comments-opened=”1″ data-image-meta=”{“aperture”:”0″,”credit”:””,”camera”:””,”caption”:””,”created_timestamp”:”0″, “copyright”:””, “focal_length”: “0”, “iso”: “0”, “shutter_speed”: “0”, “title”:””, “orientation”: “0”}” data-image-title=”OLPC XO-1 Prototype” data-image-description=”” data-image-caption=””

Uno dei primi prototipi OLPC XO-1

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/OLPC-XO-1-Prototype.jpg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/OLPC-XO-1-Prototype.jpg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ decoding=”async” width=”780″ height=”520″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/OLPC-XO-1-Prototype-1500×1000.jpg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ alt=”Prototipo OLPC XO-1″ class=”wp-image-1707179″ wp-element-caption”>Uno dei primi prototipi di OLPC XO-1 Credito: Wikipedia

Una sfida tecnologica

Per questo motivo, scendere dal valore di riferimento di 1.350 euro a 100 dollari è stata una sfida. Negroponte ha invitato l’industria informatica a lavorare per rendere possibile tutto ciò. Lo ha fatto nel Forum economico mondiale di Davos Il World Economic Forum di Davos del 2005 è uno degli eventi più importanti che riunisce uomini d’affari, politici e personaggi famosi per discutere i problemi dell’umanità e trovare soluzioni. Parole che spesso vengono portate via dal vento. Ma Negroponte ci ha provato. Ha mostrato una proposta per un portatile da 100 dollari. Una macchina che potrebbe rivoluzionare l’istruzione. Soprattutto nei Paesi con budget limitati e dove molti bambini non hanno gli strumenti giusti per imparare.

La tecnologia c’era. Tutto ciò che occorreva era ottenere la giusta combinazione di componenti ottenere un computer portatile per uso didattico con connessione a Internet e il minor consumo possibile di elettricità. Un’intera lista di requisiti, a cui si aggiungeva il Limite di 100 dollari costo. E per rendere tutto ciò realtà, Negroponte ha creato la società Laptop da cento dollari, un nome che si riferiva al costo di quel portatile.

Al progetto hanno aderito Mary Lou Jepsenun esperto e pioniere della tecnologia visiva e di visualizzazione, che è stato membro del Comitato per l’ambiente. Laboratorio multimediale del MIT insieme a Negroponte. Interessato anche Jimmy Wales, creatore del sito web Wikipedia. E anche Intel ha tentato la fortuna, anche se la relazione è durata poco a causa di divergenze di opinione. Si è anche cercato di Microsoft di portare Windows su questo dispositivo, ma Redmond ha chiesto un costo di licenza che ha reso il prodotto più costoso. Tuttavia, nel 2006 è stato pubblicato il OLPC XO al prezzo di 199 dollari.

Nicholas Negroponte in Ruanda con il Presidente Kagame nel 2008.

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Negroponte-Kagame-OLPC-Rwanda.jpeg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Negroponte-Kagame-OLPC-Rwanda.jpeg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ decoding=”async” width=”780″ height=”520″ alt=”Nicholas Negroponte in Ruanda” class=”wp-image-1707181 perfmatters-lazy” data-recalc-dims=”1″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Negroponte-Kagame-OLPC-Rwanda-1500×1000.jpeg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ 1707181″ data-permalink=”https://hipertextual.com/2023/01/one-laptop-per-child-olpc-notebooks/negroponte-kagame-olpc-rwanda” data-orig-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Negroponte-Kagame-OLPC-Rwanda.jpeg?fit=2048%2C1365&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-orig-size=”2048,1365″ data-comments-opened=”1″ data-image-meta=”{“aperture”:”0″,”credit”:””,”camera”:””,”caption”:””,”created_timestamp”:”0″, “copyright”:””, “focal_length”: “0”, “iso”: “0”, “shutter_speed”: “0”, “title”:””, “orientation”: “0”}” data-image-title=”Negroponte Kagame OLPC Rwanda” data-image-description=”” data-image-caption=””

Nicholas Negroponte in Ruanda con il Presidente Kagame nel 2008.

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Negroponte-Kagame-OLPC-Rwanda.jpeg?fit=800%2C533&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Negroponte-Kagame-OLPC-Rwanda.jpeg?fit=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ decoding=”async” width=”780″ height=”520″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/12/Negroponte-Kagame-OLPC-Rwanda-1500×1000.jpeg?resize=780%2C520&quality=60&strip=all&ssl=1″ alt=”Nicholas Negroponte in Ruanda” class=”wp-image-1707181″ wp-element-caption”>Nicholas Negroponte in Ruanda con il presidente Kagame nel 2008 Credito: OLPC (Flickr)

Con voi tutto l’OLPC XO

Nicholas Negroponte ha annunciato il progetto OLPC nel 2005, nel Forum di Davos. Nello stesso anno, al Vertice mondiale sulla società dell’informazioneha mostrato il primo prototipo. E nella primavera del 2006 il primo prototipo era già in funzione. A metà del 2006, 400 unità di OLPC XO Nel 2007 sono state distribuite altre 2.400 unità del prototipo Beta 1. Questa volta si trattava della versione Beta 2. E alla fine del 2007 la versione finale era pronta. In linea di principio, dovevano essere prodotte un milione di unità.

Diversi Paesi erano interessati al progetto. Argentina, Brasile, Uruguay, Libia, Nigeria, Ruanda e Tailandia. Per consegnare i computer, è stato implementato un sistema composto da di acquistare uno di questi computer in cambio del pagamento di due. All’epoca, 399 dollari USA. Il secondo computer è stato quindi donato a uno dei Paesi interessati.

Concentrandoci solo sul dispositivo in sé, esso presentava diversi aggiornamenti. In seguito alla OLPC XO-1 alla fine del 2007 è arrivato il OLPC XO-2 nel maggio 2008. E poi ne è arrivato un terzo, un ibrido tra laptop e tablet, il OLPC XO-3lanciato nello stesso anno. A livello tecnico, si trattava di piccoli notebook con un involucro robusto. Era equipaggiato con antenne WiFi, un Schermo LCD a coloritastiera, touch pad, microfono e altoparlanti integrati, porte USB e alimentazione a batteria. Più tardi è arrivato il XO-4con CPU ARM, e il Compressa XO basato su Android.

Per avere un’idea di ciò che hanno realizzato dal punto di vista tecnico, il OLPC XO-1 del 2007 era alimentato da un pannello solare, aveva una batteria che durava fino a 3 ore, una CPU AMD x86 a 433 MHz, 256 MB di DRAM, 1 GB di memoria flash e, all’interno, Fedora Linux e un assortimento di applicazioni per tutti i tipi di attività, comprese quelle educative. Tutti open source. Ecco perché l’uso di Finestrenonostante la richiesta iniziale di Negroponte, o una versione di Mac OS X gratuito fornito dal Steve Jobs.

Netbook Samsung

La risposta dell’industria: i netbook

Se nel 2005 Negroponte ha annunciato il progetto OLPC ed è stato realizzato nel 2007, lo stesso anno in cui il mercato dei PC è stato inondato da piccoli computer portatili. Erano più lenti dei loro fratelli maggiori, ma offrivano prestazioni minime a un prezzo competitivo. Erano più lenti dei loro fratelli maggiori, ma offrivano prestazioni minime a un prezzo competitivo. netbook. Non erano per il gioco. Né per l’editing di foto o video. Sono stati utilizzati per accedere a Internet e per svolgere attività d’ufficio. Poco altro. Ma si potevano portare in mano, avevano una batteria che durava relativamente a lungo e erano molto economici.

Quando Negroponte ha parlato a Davos di un computer da 100 dollari, molti erano riluttanti. Negroponte stesso Bill Gates non vedeva alcun futuro per essa. Ma quando il progetto stava iniziando a diventare realtà, nomi come Asus, Intel o Hewlett Packard per conquistare una posizione di rilievo sul mercato. IL OLPC XO-1 non era destinato a essere un prodotto commerciale. Il suo scopo era diverso. Ma l’industria dei PC non la pensava così. Se fosse possibile creare un computer portatile a un costo così basso, prima o poi si consumerebbero le mani.

Precisamente ASUS è stato tra i primi con il suo Eee PC. I primi modelli sono stati rilasciati alla fine del 2007. Con versione Linux e versione Windows XP. Lettore di schede SD, porte USB, CPU Intel o AMD, schermo da 7 a 9 pollici, a seconda del modello, risoluzione compresa tra 800 e 1024 pixel, memoria da 2GB SSD in su e una prezzo di partenza di 500 EUR.

Una nicchia in ascesa che è morta di successo.

Tra il 2008 e il 2012, i netbook hanno guadagnato popolarità. Dall’1% di tutti i computer portatili venduti nel 2007, si è arrivati al 19% nel 2012. Dopo il successo di ASUSaltri volevano entrare in quella nicchia. Dell, Acer, HP, Toshiba e anche Intel. Chiunque abbia provato uno di questi computer ammetterà che le limitazioni erano esasperanti. Ma si trattava di mettere insieme una configurazione minima al prezzo più basso possibile. A computer portatile prima dell’arrivo dell’iPad nel 2010.

Un progetto modesto per portare computer a basso costo nelle scuole aveva scatenato una tempesta nel settore del personal computing. Nel 2014, il ChromebookChromebook, più costosi dei netbook, ma ancora al di sotto del prezzo medio dei laptop. I Chromebook e i tablet sono stati responsabili di uccidere il netbook come tale.

Il portatile OLPC del 2006
Dopo il successo dei computer portatili, anche OLPC si è buttata sui tablet. Credito: OLPC

Un computer portatile per bambino oggi

Dopo aver consegnato oltre 3 milioni di unitàil progetto OLPC, One Laptop per Child, è un successo. Attualmente ha sede a Miami, Florida, USA. E partecipa o ha partecipato a oltre 64 paesi in tutti i continenti. In termini di numero di unità consegnate, è al primo posto della classifica Uruguay. Viene seguito, a grande distanza, Stati Uniti, Messico, ArgentinaNicaragua, Colombia, Honduras, Haiti, Palestina, Mali, Mozambico, Australia, Afghanistan, Nigeria, Mongolia, Iraq e così via.

E oltre a facilitare computer o tablet ai bambini di tutto il mondo, il progetto OLPC si è evoluto fino ad offrire una catalogo dei servizi tra cui consulenza, formazione degli insegnanti, certificazioni, supporto tecnico, valutazione, applicazioni didattiche, ecc. In breve, il computer da 100 dollari è stato un seme o un primo passo che doveva facilitare tutto ciò che è venuto dopo: fornire pari opportunità nell’istruzione attraverso la tecnologia.

OLPC, One Laptop per Child, ha dovuto fare i conti con la riluttanza dell’industriainteressi economici e altri ostacoli in ciascuno dei Paesi in cui voleva operare. E nonostante alcuni fallimenti o errori commessi, il progetto è ancora vivo e vegeto. In effetti, senza il rumore che ha fatto nei suoi primi anni di vita, attori importanti come Intel non avrebbero preso in considerazione la creazione di dispositivi più economici come i netbook. In seguito, la concorrenza, l’avvento dell’architettura ARM e l’esplosione di smartphone e tablet hanno reso molto più facile per raggiungere i portatili da 100 dollari e fornire alle scuole dispositivi informatici a costi inferiori rispetto al passato. Nicholas Negroponte y Seymour Papert nei primi anni 2000.

Guida ai regali di Natale 2022

LEGGI  Cinque radiatori elettrici economici e a risparmio energetico per riscaldare la vostra casa senza spendere una fortuna
Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *