Digital Financial Officer

  • Primo piano
  • Canon e la via della trasformazione digitale
Tecnologia

Canon e la via della trasformazione digitale

Dalla fatturazione elettronica al presidio e controllo dei dati, come cambia – in meglio – il lavoro dei CFO grazie alla tecnologia

Canon Marco SarlucaLa trasformazione digitale è uno dei temi che più tocca l’attività dei CFO, sia a livello operativo che strategico. Anche Canon segue da vicino, con la sua offerta e i suoi servizi, l’evoluzione portata alle imprese dalla digitalizzazione. Le opportunità sono tante, ma vanno governate, come spiega Marco Sarluca, responsabile prevendita Business Information Solutions di Canon Italia: «I CFO sono spesso impegnati su due fronti: controllare e analizzare le performance economiche e finanziarie dell’impresa e supportare iniziative strategiche di trasformazione aziendale. In entrambi in casi, è necessario un rapido accesso alle informazioni, che però non sempre sono di facile reperimento. La digital transformation può aiutare a ottenere informazioni più accurate per supportare al meglio i processi decisionali». Questo nuovo approccio è allargato a tutti gli ambiti delle aziende, di ogni dimensione, sia pubbliche che private. Già il governo, a partire dal 2010, aveva proposto la nota Agenda Digitale, per supportare la digitalizzazione e l’automatizzazione di alcune funzioni (per esempio procurement e fatturazione), per diminuire i costi, specie in riferimento al settore pubblico. «Così sta infatti avvenendo, e le aziende si stanno progressivamente dedicando alla digitalizzazione dei propri processi». Canon propone, per questi temi, una visione integrata, ossia una dematerializzazione che tocca ogni elemento oggi cartaceo, dalle fatture ad altri documenti, attraverso sistemi modulari che si integrano con quanto già utilizzato nelle aziende e che garantiscono sicurezza del dato e controllo della reportistica.

Dall’abbassamento dei costi alla costruzione dei KPI

Grazie alla digital transformation, il CFO può controllare con maggiore efficacia le performance economiche dell’impresa: ovviamente necessita dei giusti dati. «Molte di queste informazioni, però, sono sì a disposizione, ma su più sistemi: occorre dunque che i dati siano raccolti, resi coerenti ed evitare continue operazioni di riconciliazione e verifica; le azioni vanno gestite secondo ruoli e flussi automatici strutturati. Un aiuto sostanziale può provenire, in questo senso, e in un’ottica di processi smart, per esempio dalla fatturazione digitale, che trasmette una sequenza di dati strutturati tali per cui i sistemi riescono a dialogare tra loro. Il vantaggio? Poter automatizzare completamente parti del processo». La fatturazione digitale, obbligatoria ormai dal 2015 per le aziende che operano con la Pubblica Amministrazione, garantisce una maggiore sicurezza del dato, elimina l’uso della carta, evita gli errori di trascrizione e abbatte i costi di invio della fattura. «La fatturazione digitale può abbattere il costo fino a 10 euro a fattura (fonte: Osservatori del Politecnico di Milano), eliminando i costi di distribuzione, archiviazione e operatività manuale del processo: la soluzione Canon abilita questo». Canon gestisce, con la propria soluzione, adatta ad aziende di ogni dimensione, tutto il ciclo end to end della fatturazione digitale, sia completamente dematerializzato che non. Il sistema è integrabile con quello esistente (per esempio gli Erp), il dato è mantenuto in sicurezza ed è a disposizione per la costruzione di reportistiche personalizzate.

Le ultime notizie su: Digital, Tecnologie digitali, Canon

Altri articoli dello stesso argomento

Questo sito utilizza i cookie di navigazione e di profilazione pubblicitaria, anche di terze parti.
Puoi disattivare i cookie dal tuo browser. Proseguendo la navigazione, accetti l'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.