Microsoft sviluppa un’intelligenza artificiale più piccola e più economica di OpenAI

Microsoft starebbe sviluppando un modello di intelligenza artificiale più piccolo e più economico. L’azienda sta cercando di offrire un’alternativa al GPTma senza i requisiti hardware e di manutenzione di questa tecnologia. L’obiettivo a lungo termine è quello di costruire un’intelligenza artificiale che sia alla pari di quella offerta da OpenAI e di altre aziende.

Secondo un rapporto di L’Informazione, Microsoft ha formato un team per sviluppare l’intelligenza artificiale conversazionale che richiede meno potenza di calcolo di ChatGPT. La nuova divisione, nota come GenAI, sarà guidato da Misha Bilenkoex responsabile di Azure AI. Il gigante tecnologico si avvarrà dei suoi sviluppatori di IA più esperti e li trasferirà a GenAI a partire da questo mese.

Il compito di Bilenko e del suo team sarà quello di costruire un modello linguistico di piccole dimensioni (SLM) che sia ottimizzato per consumare meno risorse. Microsoft vuole creare un’IA che corrisponda (o superi) quella di OpenAI, ma senza i requisiti hardware che essa rappresenta.

A differenza dei modelli linguistici di grandi dimensioni (LLM), come GPT-4 o Gemini, , gli SLM hanno meno parametri e possono essere eseguiti su dispositivi mobili.. Un’altra caratteristica dei modelli linguistici di piccole dimensioni è che richiedono meno dati per il loro addestramento. Attualmente, Microsoft dispone di due modelli di questo tipo: Phi 2 e Orca 2, quest’ultimo basato su Llama 2.

L’azienda tecnologica vuole ridurre l’impronta di carbonio dei modelli di grandi dimensioni. A studio condotto da ricercatori dell’Università della California, ha rilevato che la formazione dei LLM può costare fino a 100 miliardi di dollari e produce la stessa quantità di emissioni di CO₂ della città di New York. per un mese.

LEGGI  Billie Eilish, Katy Perry e 200 artisti accusano l'AI di "svalutare la musica".

Le prime prove che Microsoft stava lavorando a questo modello sono emerse nel settembre 2023.

Microsoft vuole ridurre la sua dipendenza da OpenAI

Satya Nadella (Microsoft) e Sam Altman (OpenAI)

L’idea di sviluppare un modello linguistico di piccole dimensioni è un altro passo avanti di Microsoft nella sua strategia di consolidare il suo impegno nell’intelligenza artificiale. Pur avendo effettuato un investimento multimilionario in OpenAI, il gigante tecnologico non intende affidarsi esclusivamente a questa tecnologia.

In un’intervista con Bloomberg Durante il forum di Davos, Satya Nadella ha dichiarato che i suoi prodotti non sono basati su un unico modello. Il CEO di Microsoft ha accennato al fatto che investirà in modelli con capacità diverse, anche se ha chiarito che esiste un legame molto profondo con OpenAI.

“Ritengo che siamo molto capaci di controllare il nostro destino. Ci interessa avere il miglior modello di frontiera, che oggi è GPT-4”, ha detto Nadella. “Ma abbiamo anche Mixtral in Azure come modello come servizio. In alcuni punti utilizziamo Llama. Abbiamo Phi, che è il miglior SLM di Microsoft”.

La partnership tra Microsoft e OpenAI è stata oggetto di esame dalle autorità di regolamentazione di diversi Paesi. La Competition and Markets Authority (CMA) del Regno Unito ha dichiarato a dicembre di monitorare attentamente l’impatto delle partnership nel settore dell’intelligenza artificiale. La CMA teme che questa alleanza possa indebolire la concorrenza nello sviluppo di modelli linguistici.

D’altro canto, la FTC ha aperto la porta a un’indagine per verificare se l’investimento di Microsoft in OpenAI sia soggetto alla legge statunitense sulle concentrazioni. Come la CMA, l’autorità statunitense ritiene che si tratti di un’ipotesi di fusione, sebbene la società di Sam Altman sia un’organizzazione senza scopo di lucro e quindi non soggetta a queste leggi.

LEGGI  Il reality show "The Squid Game" ha una data di debutto su Netflix

L’ultima ad aggiungersi al tavolo è la Commissione Europea, che ha invitato tutti i soggetti coinvolti a commentare se la partnership OpenAI-Microsoft sia o meno anticoncorrenziale.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *