L’UE accusa Meta di aver violato la legge sui mercati digitali

L’Unione Europea sta per incriminare Meta per violazione del Digital Markets Act. (DMA), che impone alle grandi aziende di rispettare una serie di misure per evitare pratiche monopolistiche, che possono danneggiare gli utenti o impedire alle piccole imprese di andare avanti.

Come rivelato dal Financial TimesLe autorità di regolamentazione europee hanno sollevato preoccupazioni in merito alla pagamento o consenso”. che la società di Mark Zuckerberg offre su Facebook e Instagram. Nello specifico, questa opzione consente agli utenti di entrambi i social network di scegliere se pagare un canone mensile in cambio della mancata visualizzazione di pubblicità o, invece, di utilizzare gratuitamente entrambe le piattaforme in cambio del consenso a che le loro informazioni vengano tracciate in modo da poter visualizzare annunci pubblicitari legati ai loro interessi.

L’UE ritiene che questa opzione violi il Digital Markets Act in quanto offre, a pagamento, la possibilità di utilizzare le due piattaforme, un’alternativa che impedisce agli utenti di scegliere liberamente cosa fare dei propri dati personali. Le autorità di regolamentazione ritengono che Meta debba fare un'”offerta equivalente” a questo proposito, secondo quanto dichiarato da Meta, citando fonti che hanno familiarità con la questione.

L'Unione Europea approva la legge sui mercati digitali per regolamentare i giganti tecnologici come Meta, Microsoft, Amazon e altri.

Meta risponde

Meta ha risposto all’intenzione dell’Unione Europea di accusarla di aver violato il Digital Markets Act affermando che “l’abbonamento senza pubblicità segue le indicazioni della più alta corte europea”.. Insistono inoltre sul fatto che questa opzione è conforme alla WFD e sperano di continuare il dialogo con la Commissione europea per chiudere l’indagine.

Ora, per verificare se la WFD è stata violata, l’UE dovrà seguire un processo che potrebbe durare fino a un anno. Se dovesse scoprire che l’opzione “paga o acconsenti” viola il Digital Markets Act, l’azienda di Mark Zuckerberg potrebbe trovarsi ad affrontare una multa pari al 10% del suo fatturato globaleo del 20% in caso di recidiva.

LEGGI  I processori Intel multipli perdono improvvisamente l'11% delle prestazioni

Tuttavia, Meta non è l’unica azienda nel mirino dell’UE. Anche Microsoft è sotto esame, in quanto ritiene che l’azienda abbia monopolizzato il mercato delle videochiamate abbinando l’applicazione Teams ad altri servizi video.

Anche Apple è indagata per una presunta violazione del Digital Markets Act, in quanto le è stato impedito di indirizzare i clienti verso alternative all’App Store attraverso il sito web di Apple. imposizione di una tassa agli sviluppatori che desiderano pubblicare le loro applicazioni in negozi di terze parti.

Elaborazione…

Hai finito! Ora siete iscritti

Si è verificato un errore, aggiornare la pagina e riprovare.

Anche in Hipertextual:

Antonio
WRITTEN BY

Antonio

Ciao, mi chiamo Antonio. Sono uno scrittore di DFO Media e la mia passione è esplorare l'intersezione tra sport e tecnologia. Attraverso i miei scritti, svelo le innovazioni che stanno plasmando il futuro dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *