L’inverno del metaverso sta arrivando, e sta arrivando prima di quanto vi aspettiate.

Il metaverso è forse la parola d’ordine degli ultimi mesi. Almeno da quando Zuckerberg, nella sua presentazione di poco più di un anno fa, ha annunciato che l’azienda stava intraprendendo il suo percorso di conquista di questo mondo digitale parallelo. Da quel momento è nato il boom del metaverso. Da quel momento, iniziarono a essere gettati anche i semi per l’inverno del metaverso.. Un fenomeno che ha già spazzato via un primo gruppo di aziende nell’ecosistema della realtà virtuale – anche in occasione dell’ingresso di Facebook con Oculus – e che ora si sta manifestando nel mondo delle criptovalute.

Seguendo una legge fondamentale della fisica: ciò che sale, deve scendere. Allora rimarranno i migliori, o quelli che possono sopravvivere. Per Facebook è chiaro: mancano ancora 10-15 anni prima di vedere un metaverso come lo intendono loro. Ciò che esiste ora sono gli inizi del mondo che vogliono creare. “Per raggiungere esperienze ottimali per gli utenti, ci deve essere molta tecnologia che ancora non esiste”, afferma José Luis Zimmerman, direttore delle politiche pubbliche di Meta in Spagna, nel contesto dell’incontro annuale di Ametic, “le risorse devono ancora essere ottimizzate”.

Forse perché il precedente inverno della Realtà Virtuale è stato originato da Facebook, non parla di quell’inverno del metaverso in quanto tale, ma mantiene un profilo basso. A causa di ciò che potrebbe accadere: Meta ha già annunciato una riduzione degli investimenti a seguito di un calo delle entrate nel suo bilancio annuale. E anche per l’idea che hanno di cosa sarà il metaverso.

Le versioni attuali del metaverso sembrano revisioni di qualcosa che esiste da molto tempo. Con un Second Life rinnovato che è diventato più forte che mai e Fornite che ha superato i confini del mondo… giocoSembra che in questo momento ci siano metaversi dietro ogni angolo: servono a qualcosa? Qui ci sono opinioni per tutti i gusti. Eduard Martín, di Mobile World Capital, preferisce chiamarli gemelli digitali o mondi immersivi. Ha una visione più conservatrice di quella che vediamo oggi.

LEGGI  Google presenta un Chromebook modulare che può essere aggiornato a piacimento

Gli usi più interessanti, come l’istruzione o la sanità, sono ancora da vedere. Per il momento, il metaverso è diventato una vetrina di vendita e marketing per i marchi. “Un modo per raggiungere nuove nicchie generazionali per i marchi”.afferma Álvaro de la Mora, direttore della divisione Metaverse di Globant. E ciò che, a suo avviso, sta avendo più successo sono le NFT. “Possiamo metterli in discussione, ma sono una tecnologia costosa e immatura che funziona”, aggiunge.

Marz Zuckerberg Metaverso

” data-image-caption=”” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/04/oculus_zuckerberg_zombies.jpg?fit=800%2C528&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/04/oculus_zuckerberg_zombies.jpg?fit=780%2C514&quality=60&strip=all&ssl=1″ width=”780″ height=”514″ alt=”Mark Zuckerberg Oculus VR Metaverse” class=”wp-image-1393518 perfmatters-lazy” data-recalc-dims=”1″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/04/oculus_zuckerberg_zombies.jpg?resize=780%2C514&quality=60&strip=all&ssl=1″ 1393518″ data-permalink=”https://hipertextual.com/2022/04/metaverso-lego-epic-games-fortnite/oculus_zuckerberg_zombies” data-orig-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/04/oculus_zuckerberg_zombies.jpg?fit=2000%2C1319&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-orig-size=”2000,1319″ data-comments-opened=”1″ data-image-meta=”{“aperture”:”0″,”credit”:””,”camera”:””,”caption”:””,”created_timestamp”:”0″, “copyright”:””, “focal_length”: “0”, “iso”: “0”, “shutter_speed”: “0”, “title”:””, “orientation”: “0”}” data-image-title=”oculus_zuckerberg_zombies” data-image-description=””

Marz Zuckerberg Metaverso

” data-image-caption=”” data-medium-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/04/oculus_zuckerberg_zombies.jpg?fit=800%2C528&quality=60&strip=all&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/04/oculus_zuckerberg_zombies.jpg?fit=780%2C514&quality=60&strip=all&ssl=1″ width=”780″ height=”514″ src=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/04/oculus_zuckerberg_zombies.jpg?resize=780%2C514&quality=60&strip=all&ssl=1″ alt=”Mark Zuckerberg Oculus VR Metaverse” class=”wp-image-1393518″ srcset=”https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/04/oculus_zuckerberg_zombies.jpg?resize=1500%2C989&quality=60&strip=all&ssl=1 1500w, https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/04/oculus_zuckerberg_zombies.jpg?resize=800%2C528&quality=60&strip=all&ssl=1 800w, https://i0.wp.com/imgs.hipertextual.com/wp-content/uploads/2022/04/oculus_zuckerberg_zombies.jpg?resize=768%2C506&quality=60&strip=all&ssl=1 768

La storia è ciclica. Un cliché che, tuttavia, viene ripetuto con una certa assiduità. I passi falsi del passato tendono a ripetersi. E quello che è successo con la Realtà Virtuale si sta ripetendo nel metaverso. È già successo con la semplice esistenza di Internet. La bolla delle dotcom è stata la conseguenza del successo massiccio di una nuova nicchia di mercato.

Cosa c’è di diverso ora? “Abbiamo vissuto un periodo in cui il denaro era molto economico e il settore era molto atomizzato”, spiega de la Mora. Dopo l’annuncio di Facebook, l’interesse per il settore è salito alle stelle. Il fondatore di Second Life è tornato alla società che ha fatto crescere di fronte al suo rinnovato successo. Le grandi aziende hanno iniziato a interessarsi a ciò che il metaverso poteva offrire. Telefónica ha annunciato il suo investimento in startup del settore, Lanzadera ha iniziato a cercarne esempi validi. Le grandi aziende tecnologiche hanno rispolverato i loro prodotti di Realtà Virtuale, con diversi gradi di successo.

Nel complesso, per quanto riguarda la data in cui arriverà il promesso inverno del metaverso, non vogliono fare anticipazioni, ma è chiaro che arriverà. Dopo tutto, “è difficile prevederlo, perché va sempre di pari passo con i cicli economici”.aggiunge de la Mora.

Ciò che è chiaro a tutti è che l’inverno deciderà cosa sarà il metaverso tra qualche anno. “Una bolla che verrà dalla mano dell’unificazione”, sottolinea, da cui nascerà una domanda essenziale: chi custodirà tutto questo e sarà in grado di unificare tutto ciò che è stato creato?

Cosa resterà dopo l’inverno

“L’essenza rimarrà e molte altre cose scompariranno”, spiega Álvaro de la Mora. A cosa resterà di tutto questo nessuno vuole rispondere. Al di là delle approssimazioni viste finora, non si sa dove porterà quello che si dice essere il futuro della tecnologia.. O, per dirla con le parole di Zimmerman, “la più grande rivoluzione di Internet dalla nascita di Internet stesso”.

Al di là dei già citati settori dell’istruzione, della sanità e delle nicchie che arriveranno tra qualche anno, Globant continua a puntare sul settore vendita al dettaglio. È quello che al momento porta loro il maggior profitto -.“perché se non c’è monetizzazione non funziona”.de la Mora, è anche uno dei pochi che sta facendo i primi passi.

Per il futuro, sottolineano di avere già contratti – almeno nel caso di Globant – con un lungo elenco di aziende. Senza poter rivelare i nomi di queste aziende, dicono che ci sono club sportivi nazionali che stanno già lavorando per connettere il mondo in modo diverso.

Così come il mondo dei concerti. Quello che durante il confino di Covid era “il futuro della musica” è passato in secondo piano. Il 2022 è stata l’estate dei festival, dei festival 100% faccia a faccia, senza distanza interpersonale. Il virus è scomparso con l’arrivo delle centinaia di nuovi titoli del festival che hanno proliferato quest’anno. Tuttavia, il virus è scomparso con l’arrivo delle centinaia di nuovi titoli del festival che hanno proliferato quest’anno, Globant vede ancora il futuro di questo mondo all’interno del metaverso. A condizione che lo spazio fisico e virtuale sia sfruttato correttamente. “Ci sarà una spinta per gli eventi faccia a faccia e una grande nicchia per quelli digitali”, spiegano, ma solo quelli che non esistono nel mondo fisico e che portano qualcosa in più al tavolo vivranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.